Cerca

"Possibile il rimpasto"

Letta: "Pronti al cambio di passo, galateo per i ministri"

Il premier detta le priorità per l'anno nuovo. Convivenza con Renzi, nuova legge elettorale, maggioranza coesa e... codice comportamentale

Letta: "Pronti al cambio di passo, galateo per i ministri"

Al governo serve una lezione di galateo. Il premier Enrico Letta, discutendo delle prossime sfide che aspettano la maggioranza, parla della necessità di un regolamento comportamentale al quale i suoi ministri dovranno adeguarsi. Già, proprio così. "Nel contratto di coalizione - sono le parole del presidente del Consiglio a Rainews24 - proporrò la parte finale in cui dovranno esserci codici di comportamento dei ministri, e dei ministri fra loro, con rispetto reciproco". Sarà che negli ultimi tempi le intercettazioni raccontano di una De Girolamo che parla come un camionista, mentre il titolare del dicastero Economia (Fabrizio Saccomanni) e la responsabile dell'Istruzione (Maria Chiara Carrozza) giocano pubblicamente allo scarica barile, ma Letta sente ora il bisogno, primario, di dare delle regole ai suoi ministri. Nella speranza che questi le rispettino.

Ipotesi rimpasto - "Nelle prossime due settimane discuteremo di tutte le questioni che abbiamo di fronte, anche di rimpasto". Il premier, che si dice ottimista per il 2014, apre all'ipotesi di rivedere la composizione del suo esecutivo. Dall'uscita di Silvio Berlusconi "la maggioranza è più coesa", dice, mentre non teme il dualismo col neosegretario Pd Matteo Renzi: "Gelo tra di noi? Per entrambi la priorità è il Paese". Il premier, però, si aspetta che dopo il cambiamento della maggioranza di governo "Dobbiamo essere consenguenti e far sì che ci sia un cambio di passo - auspica - che deve trasferirsi nei fatti e nella modalità in cui si lavora".

Il programma - Il presidente del Consiglio ha nel mirino diversi obiettivi per il 2014. Con il contratto di coalizione si affronteranno "con molta determinazione i nodi della burocrazia - ha detto -, il dramma dei cittadini italiani. Perché questo è anno delle opportunità, e questa è una di quelle che vogliamo cogliere". Tra le priorità politiche del premier c'è la nuova legge elettorale. "Spero arrivino le motivazioni della sentenza della Consulta - dice Letta con riferimento alla bocciatura del Porcellum -. Quelle motivazioni daranno indicazioni chiare e allora, effettivamente, quella del 27 gennaio, può essere la partenza della legge elettorale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    10 Gennaio 2014 - 20:08

    Quando un politico "scazza ripetutamente" va allontanato con ignominia. L'attaccamento alla poltrona fa perdere anche la dignità, e il denaro fa il resto.

    Report

    Rispondi

  • er sola

    10 Gennaio 2014 - 20:08

    Dimettersi e vergognarsi.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    10 Gennaio 2014 - 19:07

    un numero due di un Governo, non deve avere preconcetti, fisime di retroguardia, preconcetti; deve avere attenzione al paese reale. Ora che ci siano i ''diversi'' é fuori discussione, in tutti i ceti sociali, in tutti i partiti politici. Sono cittadini e sono liberi, senza che si debba discriminarli o farne una ''categoria'' separata.La Costituzione non ammette esclusioni da quel lato. Ora, la Costituzione definisce il matrimonio, non preclude le unioni di altro genere. Siamo ben ultimi tra i paesi civili a regolare le unioni di fatto anche se da esse nascono rapporti che la società non puo' ignorare. Le cerimonie, sono per la ''platea''. I diritti sono per la società intera. Alfano si ferma al ''matrimonio'' Cosa voglia dire, accettare o rifiutare , lo sa solo lui. Si evolva un po' senza conservatorismi

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    10 Gennaio 2014 - 19:07

    come questi al Governo... è un continuo, dire, disdire, promettere senza concludere una beata mazza!

    Report

    Rispondi

blog