Cerca

Tutte le grane del premier

Intercettazioni, la De Girolamo: "Riferirò in Parlamento". Governo verso il rimpasto

Intercettazioni, la De Girolamo: "Riferirò in Parlamento". Governo verso il rimpasto

Il caso De Girolamo finirà in Parlamento. A volere la testa del ministro delle Poliche Agricole, l'alfaniana Nunzia De Girolamo, coinvolta in un caso di intercettazioni (illecite) pubblicate dal Fatto quotidiano, non è più solo il Movimento 5 Stelle ma pure il Partito democratico. E così quello che la De Girolamo ha sempre definito un semplice caso di "toni sbagliati" (dal "facciamogli vedere chi comanda" per le nomine all'Asl di Benevento fino agli sms volgarotti a Clemente Mastella) ora rischia di diventare una slavina politica per lo stesso governo. "Riferirò alle Camere, il mio incarico era e resta nelle mani del presidente del Consiglio", ha annunciato la De Girolamo, mentre Angelino Alfano, vicepremier nonché capo del suo partito, la blinda: "Quelle al ministro sono intercettazioni abusive e illegittime. E' una barbarie". La patata bollente resta dunque nelle mani del premier Enrico Letta: il rischio è che, se il caso continuerà a montare, Letta sarà costretto a scegliere tra l'appoggio del suo partito e quello, altrettanto determinante, di Ncd. E tutto questo mentre tra Renzi, Imu e rimpasti di governo la pressione sull'esecutivo non manca di certo.

Giro di poltrone - La poltrona della De Girolamo non è l'unica a traballare. Il ministro più sotto accusa è quello dell'Economia Fabrizio Saccomanni, che però dal canto suo ha ribadito: "Non mi dimetterò". Al suo posto però ambiscono in tanti, così come a quello di Enrico Giovannini al Welfare. In corsa, in una sorta di manuale Cencelli tutto interno al Pd, ci sarebbero l'ex segretario Guglielmo Epifani e l'attuale responsabile del Welfare Davide Faraone, renziano. In rampa di lancio e in cerca di "promozione" è anche l'attuale ministro per gli Affari regionali Graziano Delrio (pure lui renziano). Occhio poi ai maldipancia di Scelta civica, durissima contro Saccomanni. Possibile un ruolo pesante (magari proprio all'Economia) per Mario Monti, decisamente ben visto dal Colle e in Europa. La seconda opzione vedrebbe il Professore agli Esteri, con Emma Bonino (non troppo convincente alla Farnesina, tra caso Shalabayeva e marò) trasferita all'Integrazione. Cècile Kyenge, infatti, potrebbe candidarsi per il Pd alle elezioni europee, cercando a Strasburgo quelle soddisfazioni che in patria per ora non ha trovato. E le contestazioni di Brescia sono quelle più eclatanti, non certo le uniche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • andresboli

    13 Gennaio 2014 - 08:08

    quella di silvio

    Report

    Rispondi

  • encol

    13 Gennaio 2014 - 07:07

    I rimpasti si fanno in cucina ma questa è già una maionese impazzita.

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    12 Gennaio 2014 - 20:08

    Sempre a piangere... perché non facciamo mea culpa e impariamo a votare come sarebbe giusto e civile, e se non ce lo permettono, evitare semplicemente di votare, ma tutti compatti. Noi abbiamo la mania dei diritti proforma, si deve votare anche se si eleggono delle latrine politiche, e il nuovo é uguale al vecchio, lo stiamo vedendo. Una volta ci si turava il naso per votare, oggi bisogna mettersi un cappuccio in testa.

    Report

    Rispondi

  • paolo956

    12 Gennaio 2014 - 15:03

    insomma sarebbe realmente opportuno che questi buffoni si rendano definitivamente conto che da quando si sono insediati in questi palazzi, l'unica cosa certa è stato il loro esagerato stipendio. Ne ho veramente i coglioni pieni di queste macchiette di uomini e donne capaci unicamente di farsi i cazzi loro, pensando a come arraffare di più senza fare nulla....10 mesi di costi folli per che cosa? Chi avrà le palle per prendere una decisione con l'india ed i ns due marò? lasciamo che quel popolo approfiotti della situazione e ammnazzi i ns due militari. Preopèoniamo lo scambio con i ns iunutili onorevoli, 100 onorevoli ogni marò e poi ne facciano quel che vogliano... siamo in piena emergenza su tutti i fronti ma i ns vomitevoli onorevoli non pensano altro che alla loro cadrega.....una volta su quei banchi sedevano persone degne d'essere prese d'esempio e non certi paranoici buffoni....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog