Cerca

I giorni si Silvio

Berlusconi: Alfano, Allegri, Hollande
Tutte le grane di Silvio

Silvio Berlusconi

Silvio alla resa dei conti: visto da Benny

La resa dei conti, il giorno del giudizio. Silvio Berlusconi, per una serie di coincidenze, si trova in questi giorni a prendere decisioni fondamentali, a "regolare" i conti, a dire la sua ultima parola. Su più fronti. Da quello strettamente politico che lo vede di fronte alle pressioni dei falchi che vogliono sbarrare la strada all'ascesa del suo "pupillo" Giovanni Toti che però il Cav vuole candidare capolista alle Europee, c'è poi la questione "Alfano" aperta dopo la scissione da Forza Italia del vicepremier...Silvio Berlusconi vuole capire se è possibile riportare a casa il figliol prodigo anche se sostanzialmente non gli ha perdonato lo strappo. Oggi nel suo editoriale Alessandro Sallusti sferra un attacco contro Nunzia De Girolamo e definisce il partito alfaniano un "Alleato usa e getta"--.  C'è poi il fronte sportivo diventato ancora più urgente dopo l'umiliazione subita a Reggio Emilia dal Milan di Allegri che ha incassato quattro reti. Barbara Berlusconi ha detto: "Bisogna cambiare tutto". E la risposta è arrivata nella mattinata di oggi, 13 gennaio: Allegri è stato licenziato. E Silvio pare determinato anche su questo.C'è poi la questione "regionale". Il Piemonte, per la precisione. Il Tar ha annullato le elezioni di quattro anni fa che avevano incoronato Roberto Cota governatore. Si è aperto il dibattito sul possibile successore. Mentre si discute sul nome, pare ormai certo che il nuovo candidato non sarà un leghista. Lo ha deciso Silvio Berlusconi, che secondo quanto scrive Repubblica avrebbe incontrato nei giorni scorsi Roberto Maroni. Il Carroccio al Nord governa già due Regioni.  Ma c'è anche il fronte, come dire, estero. La rivista Closer  quella che ha pubblicato la notizia  del tradimento di Hollande, è della Mondadori. Oggi il Corriere della Sera pubblica un'intervista ad Ernesto Mauri, ad della Mondadori e presidente di Mondadori France  che spiega le ragiloni della scelta: "Al pubblico va raccontata la verità". La Mondadori è di Berlusconi e tutti sanno che la Francia non è mai stata clemente con la vita privata del Cav.... C'è anche chi parla di una "vendetta" di Silvio per il trattamente subito dai cugini francesi, Silvio Berlusconi si trova dunque davanti a decisioni molto importanti e tutte concentrate in questi giorni. Ma quella che da giorni lo tormenta è quella del nome del Coordinatore unico del suo partito. Il pressing dei falchi si sta facendo sempre più insistente e il Cavaliere si è detto anche infastidito. Ma ormai l'incoronazione di Toti si fa sempre più vicina...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tontolomeo baschetti

    13 Gennaio 2014 - 13:01

    con le palle e soprattutto delinquente, per dare un minimo di continuità alla storia degli ultimo 20 anni. Tu che dici?

    Report

    Rispondi

  • carlex

    13 Gennaio 2014 - 11:11

    Silvio pensaci bene prima di eleggere TOTI... Potrebbe essere il TOT-em della disgrazia invece che della fortuna... troppo mollaccione!!! Ci vuole uno con le PALLE quadrate a capo!!! Metti Marina piuttosto!!!

    Report

    Rispondi

blog