Cerca

Crisi alle porte

Renzi: "Letta ha chiamato lo zio per sapere dell'incontro con Berlusconi"

Il rottamatore durissimo col premier: "Vuole intestarsi le riforme ma è stata decisiva la mia iniziativa. Lui non ha fatto niente"

Enrico Letta e Matteo Renzi

Enrico Letta e Matteo Renzi

Tra il segretario del Pd e il premier Enrico Letta è sceso il gelo. "Per sapere com’era andato l’incontro con Berlusconi e cosa avevamo deciso, ieri ha dovuto chiamare lo zio...". È questo il commento sarcastico di Matteo Renzi, ripreso dalla Stampa, dopo l'incontro nella sede del Pd con Silvio Berlusconi in cui si è stata trovata "profonda sintonia" sulla riforme e in particolare su quella della legge elettorale. "Letta - spiega il sindaco di Firenze - dovrebbe ringraziarmi, invece dice che è merito suo". Poi l'attacco: ""Se va in porto l’intesa - dice Renzi - il suo governo è salvo. Dovrebbe ringraziarmi, e invece va mettendo in giro la voce che se si troverà un’intesa su una nuova legge elettorale è per merito suo, per la sua mediazione. Ma credo che tutti abbiano capito che lui non c’entra niente col lavoro che stiamo facendo. Per sapere com’era andato l’incontro con Berlusconi e cosa avevamo deciso, ieri ha dovuto chiamare lo zio...". Infine Renzi si prepara per la battaglia di lunedì quando in dierzione Pd si discuterà del patto col Cav: "Lunedì - continua Renzi - faremo la direzione e vedremo che cosa accadrà. Il modello al quale stiamo lavorando mi pare possa funzionare, ma ciò nonostante sono sicuro che in molti voteranno contro. Diranno che il sistema che il Pd preferisce è il doppio turno... Anche a me sarebbe piaciuto il doppio turno, ma non ci sono i numeri per approvarlo, e bisogna farsene una ragione".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    19 Gennaio 2014 - 15:03

    In questo Renzi ha ragione. Letta ha solo gironzolato per mezzo mondo a fare il fighetta senza alcun risultato concreto. Presuntuoso e incapace al pari del suo predecessore.

    Report

    Rispondi

blog