Cerca

Assedio rosso

No preferenze, autogol di Renzi: "Io le volevo, è tutta colpa di Berlusconi"

Matteo Renzi

Matteo Renzi visto da Benny

Matteo Renzi è sotto assedio. Con l'incontro e l'intesa con Silvio Berlusconi si sta giocando tutto: il suo futuro politico e quello del Partito democratico. La porta sbattuta da Gianni Cuperlo, che dopo la direzione di lunedì ha deciso di lasciare la presidenza del partito, rende più concreto il rischio di una scissione del partito. Non avendo ottenuto nulla con la minaccia di far cadere il governo, gli oppositori del Rottamatore stanno ora insinuando il dubbio di una uscita degli scontenti dal partito che aprirebbe al successo di Forza Italia e Silvio Berlusconi nelle prossime elezioni politiche. Voci critiche contro la "profonda intesa" col Cavaliere sono arrivate da più parti e se finora il segretario aveva tenuto duro (ricevendo a tal proposito anche i complimenti dello stesso leader di Forza Italia), oggi non è più riuscito a evitare lo scaricabarile, col quale spera evidentemente di alleggerire le sue responsabilità davanti all'ala più anti-Cav del Partito democratico. "Lo confesso: io sono un sostenitore delle preferenze. Purtroppo sul punto si è registrata una netta ostilità da Forza Italia. Ottenuto il via libera su tutte le riforme,  abbiamo dovuto cedere su questo punto. Altrimenti saltava tutto" ha spiegato Renzi sulla e-news. Poi, però, ha voluto mettere i puntini sulle "ì" con la minoranza dem: "Aggiungo che sul sì alle preferenze fino a un anno fa nel Pd ero in netta minoranza. Giudico quindi pretestuoso l'accanimento contro questo accordo se basato solo sulle preferenze".

Porta a porta - Dopo la difesa tramite newsletter, il segretario Pd ha parlato anche nel salotto di Bruno Vespa. Nel corso del pomeriggio, sono uscite le anticipazioni della registrazione della puntata. Anche a Porta a Porta, Renzi coglie l'occasione per rispondere alle polemiche sulle liste bloccate dell'Italicum: "Sul si' alle preferenze - ha ricordato - fino a un anno fa nel partito ero in netta minoranza. Tutti o quasi tutti quelli che oggi mi stanno attaccando sul punto erano contro le preferenze. Da D'Alema a Finocchiaro fino a Bersani o Violante, potete agevolmente recuperare l'elenco delle dichiarazioni contrarie al punto da far dire a qualcuno: Siamo contro le preferenze per una questione morale!. Giudico dunque pretestuoso l'accanimento contro questo accordo se basato solo sulle preferenze". Una critica sbagliata, secondo il segretario, anche perché il Pd "ha già assicurato che faremo le primarie per i parlamentari". Trovato l'accordo con Forza Italia, bisognerà vedere cosa succederà nelle prossime settimane, o già nelle prossime ore, in un contesto politico sempre più rovente: "Adesso aspettiamo di vedere che in Parlamento votino le cose che abbiamo concordato", prosegue Renzi, "Nelle primarie del Pd le persone non hanno votato solo per me, ma hanno espresso un messaggio in bottiglia alla politica: è l'ultima spiaggia. O cambiate adesso o non ve la perdoniamo più".

"Occhio, Enrico" - Parole chiare, chiarissime, quelle del segretario, impegnato nella sua battaglia in primis contro una fronda del suo stesso partito. Renzi poi sembra rivolgersi direttamente al premier, Enrico Letta, al quale ricorda: "Se falliamo noi falliscono tutti. Se riusciamo noi cambia l'Italia". Poi la battuta: "Se non vado bene io, chiamate Goldrake", Quindi aggiunge: "Il passaggio di oggi - dice riferendosi alla riforma elettorale - è decisivo. Senza riforme la legislatura rischia". Un messaggio preciso indirizzato a Palazzo Chigi. Poi, però, Matteo cerca subito di gettare acqua sul fuoco: "Chi non mi ha mai creduto, oggi deve prendere atto della realtà: nessuno trama contro Enrico Letta". Eppure, subito dopo, ecco un'altra bordata che pur senza citarlo sembra rivolta ad Angelino Alfano, parte proprio della maggioranza di Letta: "I partitini si arrambiano? Io cambierei le consonanti: si arrangino". La battaglia è appena cominciata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • solerosso34

    11 Novembre 2014 - 14:02

    A RADAMAN 22 JANUARY: CUPERLO NON CONTA UN CZ. E' SOLO UN MANICHINO NELLE MANI DEL SOR D'ALEMA, I MAGGIORENTI DELLA VECCHIA GUARDIA SONO I RESPOSABILI DEI GUAI CHE STIAMO SUBENDO ORA, DOVREBBERO PAGARE I DANNI PROCURATI A TUTTI ALTRO CHE!!!!

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    22 Gennaio 2014 - 12:12

    perché cuperlo invece di dimettersi non ha preso lui le iniziative che ha preso renzi ? io avevo fiducia in cuperlo, mi sembrava una persona affidable. ma il suo comportamento smentisce queste mie sensazioni. dimettendosi cosa ha risolto ? rischia solo di spaccare una sinistra già divisa. purtroppo questo accordo con Berlusconi, turandosi il naso e voltandosi dall'altra parte, andrebbe accettato. non mi pare ci siano alternative serie a renzi né a destra, né a sinistra.

    Report

    Rispondi

  • seve

    22 Gennaio 2014 - 11:11

    Che Berlusconi non si sia reso conto della gravità e dello sfacielo della situazione Italiana è un dato di fatto anche se mi suscita stupore ,un uomo di azienda come lui ,avrebbe dovuto denunciare la Ladrocrazia diffusissima e il degrado delle Istituzioni tutte e non solo la Magistratura. Basti guardare la terra dei fuochi ,ma che schifo è?Come mai l'uomo del colle che viene da quelle parti non ha mai detto niente?Lui che si è sempre battuto per il sol dell'avvenire non si è accorto che i bambini morivano?La vogliamo finire una volta per tutte? Mafia ,Schiavone,n'Drangheta camorra , finiamola finiamola o ve la faremo finire ancora con il legno ,che pare sia l'unica cosa che la Casta tutta sia in grado di capire.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    22 Gennaio 2014 - 10:10

    Renzusconi è tale e quale al pregiudicato. Due giorni fa a cuperlo, che lo rimproverava per le liste bloccate, ha rinfacciato l'elezione in una lista bloccata provocandone le dimissioni. Oggi ci dice che lui voleva il voto di preferenza, ma lo gnomo di hardcore (che non conta un cazzo) si è opposto. Quando si dice aria nuova

    Report

    Rispondi

blog