Cerca

alleanza trasversale

Alfano, Grillo e mezzo Pd: tutti uniti contro Renzi

Berlusconi, Grillo, Alfano, Cuperlo, Renzi

Berlusconi, Grillo, Alfano, Cuperlo, Renzi

Nel nome delle preferenze si crea la più trasversale delle alleanze: dalla sinistra più sinistra del Partito democratico, passando per Beppe Grillo e fino ad arrivare agli alfaniani. Tutti uniti contro Matteo Renzi. Il terreno di scontro è quello della riforma elettorale, il dettaglio esplosivo, appunto, quello delle preferenze, escluse dal cosiddetto "Italicum", e parzialmente rimpiazzate dai mini-listini circoscrizionali bloccati. 

Nel Partito democratico lo scontro covava da tempo, di fatto covava dal giorno che seguii il trionfo di Renzi alle primarie. Dopo il patto sulla riforma elettorale tra Matteo e Silvio Berlusconi, la rabbia della fronda che si oppone alla linea del segretario è esplosa. Gianni Cuperlo, da subito aveva, aveva promesso "lotta dura" in aula contro i listini bloccati. Una "lotta dura" che si è declinata nelle dimissioni dell'ormai ex presidente del Pd, presentate dopo l'ultimo battibecco in assemblea.

Gli alfaniani - Quindi Nuovo Centrodestra. Angelino Alfano teme un sistema elettorale che rischia di penalizzare i piccoli partiti, e anche per questa ragione cavalcato l'onda di sdegno per i listini bloccati. Posizioni, quelle del leader, ripetute con chiarezza dai suoi nelle ultime ore. Maurizio Sacconi, presidente dei senatori di Ncd, ha spiegato: "Poniamo due condizioni per il dialogo, le preferenze e un premio di maggioranza ragionevole". Quindi il ministro Gaetano Quagliariello: "Sulle  liste bloccate non siamo d'accordo. Pur migliorando il meccanismo precedente, continueremo ad avere un partito di nominati".

Sdegno grillino - Quindi ci sono i grillini, o meglio Beppe Grillo, che eterodirige la truppa dal suo blog. E sul blog negli ultimi giorni è stato chiarissimo. L'ex comico ha ribattezzato il sistema architettato da Berlusconi e Renzi il "Pregiudicatellum". Il motivo? L'assenza delle preferenze. Scriveva Grillo sul "Pregiudicatellum": un sistema che "prevede che i partiti si scelgano i propri parlamentari. I cittadini devono stare a guardare. Liste bloccate con nominati da pregiudicati e condannati in primo grado e nessuna preferenza". Con la consueta razione di populismo, il leader pentastellato ha bollato il sistema come inaccettabile. Quindi le fresche dichiarazioni di Nicola Morra, ex capogruppo al Senato: "Vogliamo le preferenze, i cittadini vogliono le preferenze" e "chiunque porterà avanti questa battaglia avrà il M5S dalla sua parte". Tutto molto chiaro, dunque.

Le conseguenze - Ora, Renzi, si è trasformato nel bersaglio di un fitto tiro incrociato. Mezzo parlamento, e una buona fetta del suo partito, rilancia e insiste sulle preferenze. Ma con Berlusconi il sindaco aveva stretto un patto differente, un'intesa che prevede i mini-listini bloccati, appunto. Se il segretario del Pd tornasse sui suoi passi, chiedendo a Forza Italia di rivedere il meccanismo, Berlusconi potrebbe far saltare il tavolo. Renzi ne uscirebbe azzoppato, sconfitto. Silvio, invece, trionferebbe: senza mai rimangiarsi la parola, avrebbe reso pan per focaccia al Pd (spaccato come il vecchio Pdl) e avrebbe assestato un duro colpo alla credibilità (e alla leadership) di Renzi, il rivale più temibile. Un piano efficace, diabolico e, chissà, magari pianificato a tavolino fin dal primo minuto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    22 Gennaio 2014 - 10:10

    ma ti ammiro! Partitini, piccole liste sotto i simboli dei grossi partiti devono sparire. Se hanno i numeri sceglieranno le loro alleanze, altrimenti a casa... basta pagare gente che non fa un cazzo dalla mattina alla sera! Tieni duro... Matteo

    Report

    Rispondi

  • alvit

    22 Gennaio 2014 - 07:07

    rimani sempre un pirlotto, però hai una gran dote. Stai facendo sparire i komunistoni dal partitino dei depravati. Bers-ani lo hai fatto quasi schiattare, cuperlo piangere,un altro ancora, di cui non ricordo il nome, dimettersi da vice ministro, forza dai.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    22 Gennaio 2014 - 05:05

    e noi aboliamo il reato di clandestinità.Buffoni.Dubito che gli italiani se ne ricordino alle urne

    Report

    Rispondi

  • albinoalbanofree

    21 Gennaio 2014 - 21:09

    Se nell'ambito della sinistra qualcuno si convince di cambiare e porta avanti idee innovative non è ben visto. Qualche scrittore vicino alla sinistra mi riferisco ad Antonio De Pascale il napoletano nel corso della presentazione del suo ultimo libro ha ammesso che la sinistra si mostra più conservatrice. E questo è uno degli aspetti del conservatorismo che bocca le idee di chi vuole innovare e si confronta democraticamente con il proprio avversario

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog