Cerca

La diaspora

Pd, tutti gli uomini di Cuperlo

Gianni Cuperlo

Gianni Cuperlo

Le dimissioni di Gianni Cuperlo dalla presidenza del Pd sono un'ulteriore scossa per il partito di maggioranza. Una decisione su cui pesa fortissima l'ombra della scissione. Da una parte ci sono il segretario e i suoi uomini, quelli del cambiamento, c'è Renzi che ha incontrato Silvio Berlusconi ha messo a punto con lui l'ossatura di quella che può diventare la nuova legge elettorale e dall'altra ci sono quelli che vogliono difendere la storia del partito. La truppe degli anti-Renzi che sono contrari al patto sulla legge elettorale stretto con Forza Italia e il Nuovo centrodestra. Subito dopo la direzione una  ventina di dirigenti del partito sui sono incontrati, come ricostruisce il quotidiano La Repubblica, in una saletta del ristorante lucano "Il Grano".  Tra loro ci sono Andrea Orlando, Barbara Pollastrini, Davide Zoggia, Stefano Fassina, Maurizio Martina. La loro strategia è quella di raccordarsi con Alfano e Scelta Civica. Il punto è che la minoranza del partito è divisa in più clan. Da un lato ci sono i bersaniani che hanno annunciato una lotta durissima: non voteranno la legge elettorale se essa non cambia nella parte in cui prevede le liste bloccate. Tra loroo ci sono Zoggia, Stumpo, Migliavacca, D'Attorre. Ci sono poi i giovani turchi che davanti alla scelta di Cuperlo di dimettersi ha perso la asua compattezza. La corrente promossa da Fassina, Orfini e dal ministri Orlando. Matteo Orfini ha fatto sapere che non vota emendamenti di corrente: "Io un emendamento per le preferenze non lo voto, a meno che non sia un emendamento del mio paritito". Oramai i giovani turchi sono accusati dal resto della minoranza di essere ormai renziani. Anche ai civatiani l'Italicum non piace. "la legge elettorale proposta da Silvio Berlusconi ha molti vizi: riprende molto parzialmente quanto ha deliberato la Consulta e allontana invece di avvicinare gli elettori dagli eletti", dice Civati il quale poi ricorda che aveva consigliato a Gianni Cuperlo di non accettare la presidenza del partito "soprattutto se non è d'accordo con la segreteria", 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    22 Gennaio 2014 - 12:12

    La Redazione ha pubblicato il suo commento: sarà felice, spero! Condivido tutto quello che lei ha scritto. Non ci ho capito niente, però la tenacia va premiata. Bravo!

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    22 Gennaio 2014 - 10:10

    tu e Fassina, dovreste cambiare mestiere.

    Report

    Rispondi

  • Romano_1939

    22 Gennaio 2014 - 09:09

    Cuperlo si è dimesso perchè non andava bene la proposta del cambiamento della politica di Renzi Ma,sarà che io pense sempre male ma credo proprio che ciò sia stata una scusa ed è quello che si aspettava lo stesso Cuperlo. Perchè ? semplice costui ha in mento il fa nascere dalla fronta del pd un nuovo partito con lui a capo così potrà fare il liderino e penso proprio che questo soggetto sia il nr tre secondo lui l" essere più bravo degli altri naturalmente dopo: fini to al fini e naturalmente a lui non non è bastato l,esempio dei primi due così vuole provare Ma !!!!!!! faccia pure Cuperlo applica il proverbio che dice: " non c,è due senza tre "e tu potresti essere il terzo.- radazione per favore pubblica in modo tale che tutti possano considerare ciò che ho postato un saluto

    Report

    Rispondi

blog