Cerca

La nuova inchiesta

Ruby ter: a indagare non sarà la Boccassini

La stessa Ilda ha chiesto che non le fosse affidato il caso per i suoi "impegni pressanti". Indagheranno il procuratore Forno e il sostituto Gaglio

Il pm Ilda Boccassini

Il pm Ilda Boccassini

Le strade di Silvio Berlusconi e di Ilda Boccassini si separano davanti al Ruby 3. La notizia della sua iscrizione a registro da parte della Procura di Milano con l'accusa di aver corrotto dei testimoni è arrivata come una tegola pesantissima nel resort "Villa Paradiso" sul lago di Garda dove il Cav si sta sottoponendo a un programma di remise en forme. Una notizia che appesantisce la sua posizione giudiziaria. Il 10 aprile, infatti, il Tribunale di  Sorveglianza deve decidere sull'affdamento ai servizi sociali dell'ex premier e certamente la notizia dell'iscrizione nel registro degli indagati compromette la sua posizione giudiziaria. Silvio teme che il cerchio si stringa attorno a clui che venga poi messo agli arreti domiciliari. 

Ma in questo scenario l'unica consolazione per Silvio è che per una volta a indagare su di lui non sarà Ilda la rossa. L'inchiesta è stata infatti affidata al procuratore aggiunto Piero Forno e al pm Luca Gaglio. Lo ha comunicato il procuratore capo Bruti Liberati nel dare notizia dell'avvio della nuova indagine con al centro la giovane marocchina. Bruti ha precisato che il procuratore Ilda Boccassini, che aveva rappresentato l'accusa nei processi Ruby e Ruby bis, ha chiesto espressamente da mesi di non dedicarsi a questa nuova indagine "per i suoi impegni pressanti". E' la stessa Ilda che ha mollato l'osso. Era ora. Chissà se a farla desistere sia stata la gaffe durante la requisitoria finale al processo Ruby, quando parlando della ragazza marocchina la definì di "intelligenza orientale".  Peccato che il Marocco sia ad Ovest... Quallunque sia il motivo, certo è che per Belrusconi è un gran sollievo il fatto cone per una volta a sostenere l'accusa non ci sia lei. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kinowa

    25 Gennaio 2014 - 12:12

    ... hanno fatto il calcolo in euro di quanto ci stà costando la caparbia idea di affossare Berlusconi? Non voglio esagerare ma con quei soldi avremmo potuto incrementare la cassa integrazione per i lavoratori, quelli veri, non certo i nostri magistroparassiti. Alla fin fine se questi loschi figuri riuscissero a mettere in carcere Berlusconi per alcuni mesi (l'età non gli permetterebbe altro) noi Italiani cosa guadagneremmo? Con Berlusconi fuori dai giochi si estinguerebbe il debito pubblico, potremmo scegliere il lavoro che piu ci soddisfa, saremmo tutti più ricchi????? Una cosa e certa se ridimenzioniamo la magistratura facendoli lavorare (prima una bella visita psichiatrica) pagandoli di meno avremo certamente risparmiato.

    Report

    Rispondi

  • viramo

    24 Gennaio 2014 - 11:11

    Siamo in mano all'odio e la giustizia, che giustizia non è, causa il caos..Che tristezza Dio mio!!!! ciao

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    24 Gennaio 2014 - 11:11

    Ma allora siete proprio di coccio, sapevo che avete le meningi atrofizzate dalla propaganda stalinista, ma almeno capire delle cose elementari.. Mò te lo spiego io: il paragone tra ruby e l'armellini non è una boutade di Libero o dell'articolista, semplicemente l'ha evocata in modo infelice perché c'entra come i cavoli a merenda sai chi ? Proprio uno che è anticav per eccellenza, uno che ha fatto il giro delle sette chiese ed è alla mangiatoia oramai da una vita, un certo tabacci per non far nomi. capito hai adesso, uomo mal-sinistro ed ostinatissimo uso a ribattere pedissequamente ogni post disallineato al vangelo rosso.

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    24 Gennaio 2014 - 10:10

    Proprio non si vuole capire... la rossa ha mollato dietro consiglio dei suoi stessi colleghi. Con lei in campo qualunque indagine perderebbe credibilità. Come magistrato ha ormai un loculo al tribunale di Milano. Quanto alla credibilità globale del tribunale medesimo, stendiamo una "tela cerata" pietosa. A breve se Renzi rende troppo liberale la sinistra verrà sicuramente indagato, potrebbe riformare la magistratura e renderla "normale", non sia mai, i piccioni siamo noi che non vogliamo vedere la realtà pur di eliminare Berlusconi che per motivi anagrafici comunque avrebbe una naturale parabola discendente. Inutile quando si é trinariciuti non si cambia, non si interviene nella genetica.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog