Cerca

Legge elettorale

Italicum, salta l'accordo
Renzi e Cav si incontrano di nuovo

Forza Italia e Pd non trovano la quadra sul premio di maggioranza e la norma "salva Lega"

Italicum, salta l'accordo
Renzi e Cav si incontrano di nuovo

E’ impasse sulla legge elettorale, con i due principali partiti che hanno siglato l’accordo, Forza Italia e Pd, che non trovano la quadra sui nodi ancora da sciogliere. Non basta l’apertura degli azzurri sull'innalzamento dal 35 al 38% della soglia di sbarramento per ottenere il premio di maggioranza. Il partito del Cavaliere insiste affinchè il Pd mantenga i patti e, in serata, smentisce che ci sia un accordo già raggiunto sul 38%, come invece era circolato nel pomeriggio. L’impasse, a questo punto, però resta, tanto che fonti azzurre riferiscono di un possibile nuovo incontro tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi. Dal Pd nessuna conferma. Anzi, su Facebook Renzi ha fatto sapere che lui oggi è a Firenze e, quindi, ha smentito la possibilità di un incontro. La situazione è comunque molto tesa, anche perché il segretario Pd, in un altro post su Facebook, avverte: "Ieri ho chiesto ai nostri deputati di ritirare gli emendamenti per far cadere ogni alibi sulle divisioni interne. Bene adesso tocca al parlamento. Personalmente non mi farò ingabbiare nelle stanche liturgie della politica tradizionale: le carte sono in tavola, nessuno può bluffare - ha avvertito il segretario del Pd - se qualcuno vuol far saltare tutto, lo faccia a viso aperto e lo spieghi al paese"

Le posizioni - Il segretario del Pd, che nella giornata di ieri ha incontrato prima Denis Verdini e poi Angelino Alfano e in serata i componenti Pd della prima commissione, resterà infatti a Roma e questa mattina potrebbe avere un nuovo faccia a faccia con l’ex premier. Per Forza Italia, però, al momento non ci si sposta di un millimetro dall’accordo siglato proprio tra il Cavaliere e Renzi: nessuna modifica al testo dell’Italicum così come depositato in Commissione. Non, viene precisato, una chiusura pregiudiziale a modifiche, ma al momento non c'è l’accordo. FI insiste sul no alle preferenze, no a ritoccare le soglie di ingresso, no netto alla delega al governo per la definizione dei collegi. E’ proprio su questo punto che la trattativa si sarebbe incagliata, con un’ampia parte del Pd favorevole alla delega e il timore per Renzi di vedersi spaccare il partito qualora vi rinunciasse. Anche Ncd vuole la delega, ma Forza Italia al momento non cede.  Il partito di Berlusconi, poi, insiste sulla norma cosiddetta 'salva-Lega', ripresentata con un emendamento in commissione. Mentre Ncd ribadisce l’introduzione delle candidature plurime, sul quale gli azzurri non chiudono.

Il Pd ritira gli emendamenti - Da parte sua il Pd, come già annunciato nella tarda serata di ieri, ha ritirato la maggior parte dei suoi emendamenti, confermando solo i tre relativi all’innalzamento della soglia di sbarramento per accedere al premio di maggioranza dal 35 al 38%, alle primarie facoltative e alla delega al governo per la ridisegnazione dei collegi. Forza Italia, invece, ha mantenuto tutti gli emendamenti depositati. L'unico gruppo che in commissione Affari costituzionali della Camera ha ritirato gli emendamenti depositati è il Pd. Lo conferma il presidente della commissione, Francesco Paolo Sisto (FI).   "Allo stato - riferisce Sisto - sono stati ritirati solo gli emendamenti del Pd. In tutto, quelli ammessi, sono circa 250-260".  

Toti e l'investitura - Il nuovo incontro tra Renzi e Cav arriva in un clima politico, se possibile, ancora più teso dopo le dimissioni del ministro dell'Agricolutra Nunzia De Girolamo. Ed arriva il giorno stesso in cui Giovanni Toti, consigliere politico di Berlusconi in un'intervista al Corriere della Sera, "incorona" Renzi premier immaginando un governo di scopo per fare la legge elettroale: si vota e chi vince imposta e fa le riforme, a partire da quella del lavoro 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    28 Gennaio 2014 - 18:06

    ma chissà cosa hai capito dal: il delinquente vuole Renzi premier? per me un cazzo, come al solito. il delinquente vorrebbe un rimpasto di governo con Renzi premier per fare la legge elettorale, poi il voto. peccato che non sia detto che con una nuova legge elettorale oggi si debba andare per forza alle elezioni domani... poi, ti faccio notare, che il delinquente non ha presa sull'elettorato di sinistra, solo verso di voi ha ancora influenza, infatti sono stati i quasi tre milioni di concittadini che hanno votato per Renzi premier, nel caso vincesse la sinistra... COGLIONE!

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    28 Gennaio 2014 - 14:02

    A quale schieramento appartenevano i politici che hanno messo insieme il fantasmagorico debito pubblico di oltre 4 milioni di miliardi di Lire? (attuali 2.000 Miliardi di Euro). Con quale Legge elettorale venivano eletti questi politicastri da fogna? Lo schieramento era il quello di centro-sinistra (con l'ausilio del PCI e della Triplice Sindacale) e la Legge elettorale era quella con il Proporzionale con le preferenze.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    28 Gennaio 2014 - 13:01

    Questo è il bello del bipolarismo. Renzi però dovrebbe cominciare a preoccuparsi: le foto in alto dicono più della Treccani

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    28 Gennaio 2014 - 09:09

    No,no,non strabuzzate gli occhi è così!E' Silvio a volere che Renzi diventi premier,anche se sarà F.I.a vincere le elezioni Renzi sarà il suo premier...allora,che caxxo ci frega chi vincerà le elezioni?Sarà sempre Renzi il premier che Silvio preferirà!Trallallero-trallallàààààà!!!!!

    Report

    Rispondi

blog