Cerca

La strategia

Berlusconi gongola: mi voteranno i grillini

Silvio Berluscon

Silvio Berlusconi

Niente «procedura prioritaria» per il ricorso contro l’incandidabilità. La decisione presa ieri dalla Corte europea dei diritti dell’uomo non è certo un bel segnale, ma non è riuscita a turbare più di tanto l’umore di Silvio Berlusconi. Il Cavaliere è rimasto rinchiuso tutto ieri a Palazzo Grazioli: ha incontrato molte persone e visto in tv alcune scene dell’occupazione di Montecitorio messa in scena dai grillini. «Non sanno più cosa inventarsi e stavolta hanno anche sbagliato i conti: gli elettori si spaventano davanti a queste scene di guerriglia, fuggono», ha commentato con un interlocutore. 

L’ex premier è convinto non da oggi che il Movimento 5 Stelle è destinato a sgonfiarsi presto e arriva a vaticinare che «parte di quell’elettorato tornerà a votare per Forza Italia, recupereremo milioni di voti». Dovranno farlo volenti o nolenti: la nuova legge elettorale costringerà tutti ad una “scelta di campo” al secondo turno, quando i candidati da scegliere saranno uno del Pd, l’altro di Fi. Visto il caos in Parlamento, qualcuno dei suoi consiglieri gli aveva suggerito di dire qualcosa, almeno per manifestare solidarietà alle donne del Partito democratico insultate dai grillini, ma il presidente azzurro ha preferito restarne fuori.  Parla per suo conto  Il Mattinale: «L’asse Berlusconi-Renzi sta abbattendo il muro dell’antipolitica». La tesi non è nuova: l’«antipolitica» dei Cinquestelle è stata tagliata fuori e, per farsi vedere, i grillini sono costretti ad agitarsi, fare casino. «Il Movimento 5 stelle è stato coinvolto nella scelta del nuovo sistema elettorale, ma sono stati loro a non voler contribuire, a chiamarsi fuori», dice, quasi giustificandosi, a un interlocutore. A nulla sono servite le telefonate con l’ideologo grillino Paolo Becchi, né le offerte pubbliche a discutere apertamente del modello migliore. Con il sindaco di Firenze, invece, sono bastate una dozzina di telefonate e un faccia a faccia di un’ora e mezza per scrivere non solo le regole per il voto, ma, addirittura, le riforme istituzionali che farebbero nascere la Terza Repubblica. 

Le cose «stanno andando bene», ammette il Cavaliere, tanto che in Aula a Montecitorio oggi saranno votati «emendamenti-fotocopia» del Pd e di Forza Italia per la modifica dell’“Italicum”. I democratici addirittura sono disponibili a votare la Salva-Lega, cioè la clausola che consentirà al Carroccio di essere rappresentato anche se, a livello nazionale, non dovesse raggiungere quota 4,5%, nel caso arrivasse a quota 8% in tre Regioni. 

Il presidente azzurro vede con preoccupazione il fatto che «i piccoli» si stanno «agitando molto», ma è sicuro che «nessuno si assumerà la responsabilità di far saltare tutto», né la sinistra Pd né Rosy Bindi. Qualora vi fossero modifiche anche minime in Parlamento, infatti, c’è accordo col Pd che si chiamino le urne, si andrà a elezioni anticipate. Non succederà. Il Cavaliere ha molto apprezzato le parole del leader Pd che, intervistato a La Telefonata, è tornato a dire che «è normale che i piccoli si arrabbino», e che gli ha tributato un nuovo riconoscimento personale: «Nell’accordo fatto con Forza Italia abbiamo dimostrato che sulle regole siamo persone serie e andiamo avanti insieme». Se le cose andranno come devono, le elezioni Politiche possono pure aspettare. Per questa ragione la decisione della Corte europea di rinviare di qualche tempo la discussione del suo ricorso contro la legge firmata da Paola Severino che ne ha sancito l’ineleggibilità non è stata una notizia così drammatica. Il Cavaliere resta convinto che i giudici non potranno che dargli ragione, ma, in ogni caso, avrà restituito l’onore e un argomento in più per la campagna elettorale, ma non la possibilità di candidarsi alle elezioni. 

di Paolo Emilio Russo

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agosman

    02 Febbraio 2014 - 21:09

    sono sicuro che al prossimo e certo ballottaggio delle politiche fra il PD di Renzi e il M5S di Di Battista lei voterà per quegli ipocriti della sinistra. Ma non ostante il suo voto non prevarranno perché moltissimi altri elettori di centrodestra voteranno per il M5S anche se sono una banda di sinistroidi. Ormai per questo paese non c'è futuro e solo un super scossone può liberarci da ladri, malfattori, affaristi, opportunisti, arrampicatori sociali e parassiti. Se sarà necessario che Sansone muoia che muoiano anche tutti i filistei.

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    01 Febbraio 2014 - 13:01

    Dai postati fin qui espressi, esclusi quelli pro Berlusconi, ho letto solo insulti, millantazioni, offese, stronzate, cretinate, stupidaggini, esternazioni di basso rango ecc.ecc. da parte dei comunisti e grullini associati, confermandomi pertanto, che più nervosismo si evince e più la vittoria del Cavaliere sarà certa, come certo sarà quanto disse il duca Valentino, apprestandosi a spazzar via senza pietà i suoi avversari: ciò che non si è fatto a pranzo, lo si farà a desinare....!

    Report

    Rispondi

  • fearofthedark

    fearofthedark

    01 Febbraio 2014 - 10:10

    che anche i venusiani scenderanno in massa sulla terra per votare il cavalier pompetta idraulica, emilio fede da televenere ha fatto una campagna elettorale martellante a favore del pregiudicato che gli alieni credono essere la reincarnazione (in scala ridotta) di spock!

    Report

    Rispondi

  • jerico

    31 Gennaio 2014 - 19:07

    I grillini ,si stanno rivelando essere la feccia dell'Italia.Sembrava potessero portare una ventata di aria fresca in politica, ma i proclami di Grillo e Casaleggio sono chiari,vogliono distruggere questo sistema di partiti.Mi domando ,allora,cosa aspettano la DIGOS ed I SERVIZI ,ad inquisire i due guru,per il tentativo di destabilizzare le Istituzioni,o sono più importanti le escort nel letto del Cavaliere ? A voi di sinistra ,ben vi stà,imparate a fare meno gli ipocriti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog