Cerca

E Fini boccia Pier...

Berlusconi chiede a Casini una prova d'amore al Senato

Pier Ferdinando Casini e Silvio Berlusconi

Pier Ferdinando Casini e Silvio Berlusconi

Il destino giudiziario e politico di Silvio Berlusconi si incrociano di nuovo. Il luogo è ancora una volta il Senato. Dopo aver deciso sulla decadenza del Cavaliere da parlamentare, adesso Palazzo Madama è tirato in ballo per la seconda volta. Non il plenum, ma il Consiglio di presidenza. Chiamato a decidere se la Camera alta debba costituirsi o meno parte civile contro l’ex premier nel processo sulla compravendita dei senatori. 

 Fato vuole che, a pochi giorni dal coming out di Pier Ferdinando Casini («Torno nel centrodestra»), il voto dell’Udc sia decisivo in quel consesso. Se il senatore centrista Antonio De Poli vota pro Silvio, allora il fardello della scelta finisce sulle spalle del presidente del Senato. Toccherebbe a Pietro Grasso una decisione politicamente assai simbolica. Una opzione, il costituirsi parte civile contro Silvio, che in Forza Italia considerano probabile visto come la seconda carica dello Stato ha gestito la pratica della decadenza. Per cui gli azzurri già si preparano alla battaglia. La riunione è in programma per oggi. In giornata potrebbe arrivare il verdetto. L’11 febbraio, poi, partirà a Napoli il processo contro Berlusconi e Valter Lavitola. Il primo è accusato  di aver versato, attraverso il secondo, tre milioni di euro all’ex senatore Sergio De Gregorio per far mancare i numeri al governo Prodi.    

  Pier, tornando alla base, sa che lo aspetta il pacchetto completo. La leadership politica del Cavaliere, ma anche i suoi guai giudiziari. D’altronde sono lontani i tempi in cui Casini invocava «l’etilometro» per Silvio o provava «tristezza» per «l’incapacità della nostra democrazia» a emanciparsi da Berlusconi. «Mai avuto problemi personali con Silvio», giura adesso l’ex presidente della Camera, «solo una diversa visione della politica». Insomma, il matrimonio s’ha da fare. E, dopo il richiamo all’ordine arrivato da Arcore («Non attaccate Pier»), le reazioni forziste ieri sono state molto più pacate. 

C’è un clima nuovo, secondo Sandro Bondi, e va colto: «Le aperture di Casini, la disponibilità del Nuovo centrodestra a discutere un’alleanza con Fi, il confronto positivo con Renzi sulle riforme» dimostrano che «la leadership di Berlusconi si consolida con il consenso e con l’avvedutezza delle sue scelte politiche». Nessun «rancore» verso Casini, assicura Renato Brunetta, solo «dibattito», perché «non si deve dimenticare tutto quello che ha detto il leader dell’Udc su Berlusconi». Anche secondo Maurizio Gasparri «non servono pubbliche autocritiche o abiure, non siamo nella Russia di Stalin». Ma la parabola di Pier Ferdinando dimostra, secondo il vice presidente del Senato, «che chi pensava di lanciare una sfida vincente dei moderati prescindendo da Berlusconi si è illuso e ha sbagliato». 

La retromarcia di Casini resuscita addirittura Gianfranco Fini. Il quale, pur ammettendo che «Berlusconi ha tanti pregi», condanna la scelta dell’ex sodale: «Sbaglia», perché il centrodestra del Cavaliere «non è la casa dei moderati». Lui, l’ex leader di Alleanza nazionale giura che non seguirà l’esempio: «Io non mi candido», rassicura tutti.

Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eaman

    06 Febbraio 2014 - 03:03

    Quindi per 20 anni non ha potuto fare quello che voleva per colpa prima di bossi poi di casini e ora tutti insieme appassionatamente per un altro giro in giostra a nostre spese?

    Report

    Rispondi

  • antari

    06 Febbraio 2014 - 00:12

    come conseguenza dei tuoi deliri, ti si potrebbe obiettare che la magistratura fa bene a distruggere Silvio. Datosi che il fine giustifica i mezzi...

    Report

    Rispondi

  • Pinkalikoi

    05 Febbraio 2014 - 18:06

    Caro Tbyyy, contrariamente ad altri lettori io sono convinto che lei aspiri ad essere allievo di Macchiavelli. Tuttavia per il buon Niccolò il fine era quello di prendere e conservare il principato ad uso esclusivo del 'Principe', né si è mai sognato di pensare che il Principe potesse agire in favore del popolo o di qualsivoglia interesse ideale, il fine del Principe era la conquista ed il mantenimento del principato: il potere per il potere. Se in qualche caso consigliava di usare la carota invece del bastone, era per puro e semplice tornaconto. E' evidente che lei assimila l'agire del 'Principe' all'agire di S.B. ma se S.B. è simile al principe di Macchiavelli, cioè solo attento alla conquista del potere per se stesso, perché dovremmo volerlo alla guida dell'Italia? ...P.S. eviti di vantare le fucilazioni eseguite da suo padre: uccidere può talvolta essere triste necessità, ma vantarsi di aver dato la morte è sempre disumano. Un saluto.

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    05 Febbraio 2014 - 17:05

    Quelli erano i tre piccoli porcellin...mentre voi tre, messi insieme, siete invece i tre maialini zozzoncin, che ancora non hanno capito che il muro di Berlino è caduto e mi dispiace che non vi sia caduto su quelle teste di granito anche se si sarebbe rotto il granito....! Voi, per i danni prodotti dal comunismo nel mondo, dovreste stare zitti e chiotti ed ogni volta che provate a parlare, giù scoppoloni a volontà e calci sui denti...come fece mio padre, quando fucilò alcuni zozzoni partigiani, che pizzicò con le mani nel sacco a rubare ad una famiglia povera e numerosa che moriva di fame....ladri zozzi comunisti...! Voi tre citrulli, dovreste fotocopiare il mio postato n.4, che con enorme piacere, so che vi rosicchia il fegato, poi appendetevelo davanti agli occhi e prima di alzare quella crestiene rosse da galletti Vallespluga, leggetelo, astenendovi quindi, dall'esternare offese e repliche inusitate....!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog