Cerca

Lo sfogo

Napolitano: i governi Monti e Letta
non sono stati un mio capriccio

Giorgio Napolitano

"La nascita dei governi di Monti e di Letta sono stati descritti quasi inventati per capriccio del presidente della Repubblica, ma ciò non è vero perché non si tratta di nomi diversi da quelli indicati nel corso delle consultazioni". Lo ha detto il Presidente della Repubblica Giorgio Napoiltano parlando a Strasburgo. "Io - ha ribadito Napolitano - ho registrato quello che accadeva". Più tardi si è trattato di "dare un governo all’Italia ed evitare l’instabilità politica e istituzionale, così come le elezioni anticipate". Per la prima volta il Presdiente parla delle sue scelte per quanto riguarda i governi e, lo fa usando parole che nascondono una nota di amarezza, quasi di pentimento. "Non sono stati miei capricci", un modo per dire che non li ha voluti solo lui e per prendere in qualche modo le distanze dalla scelta. 

 

 

Basta austerity - Uno schema seguito alla fine del 2011 e poi all’inizio del 2013 quando era ben presente il "pericolo che l’Italia si trovasse senza governo addirittura all’inizio della legislatura".   Del resto "dalle consultazioni mai è uscita un’indicazione diversa" da quella poi assunta dal Quirinale".   L'austerity degli ultimi due governi è stata certo necessaria. Adesso "la mia convinzione, presente in tutte le forze politiche italiane, è che questa politica di austerità ad ogni costo non possa più reggere. Serve una svolta, occorre un cambiamento di rotta". Anche all’interno della stessa Europa stanno emergendo indicazioni in questo senso: "Nel Consiglio europeo ci sono condizione diverse rispetto a due anni fa. Si è aperta una dialettica che prima non c'era. Prima si ratificavano di fatto le decisioni di Francia e Germania, ora diversi paesi hanno preso le distanze da questa prassi del fatto compiuto"

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    06 Febbraio 2014 - 09:09

    che l'hai fatto per il bene dell'Italia: siamo in mutande peggio di prima.

    Report

    Rispondi

  • seve

    06 Febbraio 2014 - 09:09

    Non si dimentichi la cricca del Britannia ,anche lui faceva parte della compagnia cantante che ha svenduto il primo lotto di Italia ,ora si va profilando la svendita del secondo lotto.

    Report

    Rispondi

  • patrenius

    06 Febbraio 2014 - 07:07

    Qui almeno Napolitano ha detto la verità: non si trattò di capricci ma di un piano ben articolato e condotto!

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    06 Febbraio 2014 - 01:01

    che abbiamo scelto il pernicioso Monti ed il dormiente Letta, presidente ci sei o ci fai?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog