Cerca

Cambio in corsa

Letta pronto al rimpasto di governo, la Kyenge rischia il posto

Letta pronto al rimpasto di governo, la Kyenge rischia il posto

La direzione nazionale del Pd di domani sarà infuocata. Al Nazareno è previsto un faccia a faccia duro tra il premier Enrico Letta e il segretario del Pd Matteo Renzi. Rientrato dal viaggio nei paesi arabi, Letta è sempre alle prese col fuoco amico dei dem renziani che chiedono spazio nell'esecutivo e che minacciano il voto anticipato se il governo non rivisita i suoi programmi. Insomma domani, secondo alcune indiscrezioni raccontate ad Affaritaliani.it da un parlamentare democratico molto vicino al premier, dovrebbe annunciare il suo "rimpasto".

Salteranno 4 ministri - "Il presidente del Consiglio è pronto. Molto probabilmente nel suo intervento di domani alla Direzione Nazionale del Pd annuncerà il rimpasto di governo", afferma il dem. Il piano di Letta prevede un accordo con Renzi sulle riforme mentre l'esecutivo proseguirà la sua strada con l'agenda politico-economica.  Il cerchio verrà chiuso con il programma per il 2014, che includerà un'accelerazione sui temi economici, del lavoro e del Welfare. Ma per ripartire con l'azione di governo il premier ha intenzione di rinnovare la squadra dei ministri. Secondo quanto racconta un parlamentare democratico a stretto contatto con Letta, le teste pronte a saltare sarebbero 3 o 4. Certamente c'è da trovare un nuovo responsabile delle Politiche Agricole, dopo le dimissioni di Nunzia De Girolamo. E in pole rimane il renziano ex prodiano Ernesto Carbone. A rischio sarebbero anche Flavio Zanonato e Cecile Kyenge

Saccomanni resta -
Promozione possibile per Graziano Delrio, stimatissimo dal sindaco di Firenze. Il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni dovrebbe restare invece al suo posto. "Con l'Europa dobbiamo essere credibili in termini di riduzione del deficit e del debito e per il contenimento della spesa pubblica. Per questo motivo - spiega la fonte lettiana - e per cercare di ottenere l'uscita della spesa per gli investimenti dal patto di stabilità Ue, serve continuità". Quindi in Via XX Settembre non dovrebbero esserci novità, se non il rimpiazzo del viceministro Stefano Fassina. 



 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miacis

    06 Febbraio 2014 - 22:10

    Come sarebbe a dire "rischia": ha fatto quasi niente e quel poco é stato peggio della grandine! A casa.

    Report

    Rispondi

  • ovittac

    06 Febbraio 2014 - 09:09

    Io non voglio che Kyenge rischi di perdere il posto; io voglio che Kyenge perda il posto. La certezza è meglio della probabilità.

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    06 Febbraio 2014 - 07:07

    Ce ne sono altri 1.000 in arrivo...fra poco dovremo sloggiare dalle nostre case per ospitarli. Grazie compagnia di farabutti!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • nicofree

    06 Febbraio 2014 - 07:07

    rischierà anche il posto ma intanto danni ne ha fatti abbastanza,lei come altri, con scelte scellerate a senso unico fuori dal comune buon senso, volte solo a dare diritti agli immigrati clandestini. Il risultato di tutto questo come al solito lo pagheremo sempre noi Cittadini Italiani. Finchè non ci stancheremo.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog