Cerca

Riforme

Renzi, così la riforma del Senato

Matteo Renzi

Il segretario del Pd

Matteo Renzi svela il suo "piano" per il Senato. A poche ore dalla direzione del Pd, il segretario comincia a far trapelare nuovi dettagli sulla sua idea di riformare Palazzo Madama. "Il Senato deve diventare camera delle autonomie e immaginiamo un Senato non elettivo, senza indennità, 150 persone, 108 sindaci dei comuni capoluogo, 21 presidenti di regione e 21 esponenti della società civile che vengono temporaneamente cooptati dal Presidente della Repubblica per un mandato", la spiegazione è arrivata nel corso di un convegno di Confindustruia. 

Occasione da non perdere - "Sulla riforma del Senato c'è il consenso dei partiti. C'è l’accordo dei principali partiti dell’arco costituzionale", ha poi specificato Renzi. Oggi dobbiamo avere il coraggio di dire che l’Italia ha avuto tempo a disposizione. Non basta più accarezzare i problemi. Questo è l’anno in cui o i problemi si risolvono o non bisogna più parlarne. La situazione del Parlamento permette una straordinaria occasione, di realizzare riforme chiare". E ancora: "Oggi si parla di come dalle città possa nascere una speranza per il sistema Paese. E’ allora doveroso dire come questo tipo di percorso possa, da Firenze, prendere qualche impegno. Le città metropolitane possono essere riforma per rilancio del paese, ma sono da trent'anni una barzelletta nella discussione politico istituzionale. Sono vent'anni - aggiunge - che sono state costituzionalizzate con il Titolo quinto, ma sono rimaste un oggetto misterioso. Anzi il ruolo delle città è stato mortificato dalle recenti riforme ed è mancato il passaggio di poteri verso di loro. Abbiamo avuto 99 miliardi di euro nel settennato. Non entro nel merito di come li abbiamo spesi. Si sono spesi dei soldi in piccoli progetti, sostanzialmente una sconfitta. Oggi abbiamo un nuovo settennato, abbiamo 60 miliardi di euro, per fare conto pari. Noi limitiamoci a dire di dare il 5% ai sindaci, tre miliardi di euro nei prossimi 7 anni. Questo, a Firenze, consentirebbe di chiudere alcune partite come Uffizi e tramvia. Ma bisogna avere il coraggio di decidere, di avere visione, strategia, e non di andare al buio"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucia elena

    07 Febbraio 2014 - 11:11

    Non avrei mai pensato che Renzi cedessi alle lusinghe della vecchia casta e se così è i voti li vedrai con il binocolo. Ti avevamo avvisato a non lasciarti coinvolgere dalla vecchia casta mentre se avessi seguito quanto ti eri prefissato avresti ottenuto una valanga di simpatizzanti. Sappi che ora più che mai anche noi vogliamo andare al voto. chi ha influito t6anto negativamente

    Report

    Rispondi

  • chimangio

    06 Febbraio 2014 - 16:04

    Ho l'impressione che Renzi inizi a stufare. Annunci, proclami e propositi non se ne può più. Adesso ci mettiamo pure a fare la conta dei prossimi senatori: ma cosa ce ne frega. Il senato va eliminato ed al suo posto fare funzionare la conferenza stato-regione, altrimenti conosciuta come altro "imbosco dorato" per politici trombati. Altrimenti eliminare la conferenza stato-regioni. Non dobbiamo creare altre forme burocratiche: ne dobbiamo eliminare a bizzeffe!

    Report

    Rispondi

  • enio rossi

    06 Febbraio 2014 - 13:01

    I coopatati dal presidente della Repubblica, saranno i coopatati da Prodi. Non facciamoci ancora menare per il naso per favore. Costoro sono imbroglioni nati e non cambia molto se al posto di Napolitano/Crasso ci sono Prodi/Renzi...... Bisogna andare allo scontro duro per far sopravvivere l'Italia che lavora!!!

    Report

    Rispondi

blog