Cerca

La squadra

Il governo di Renzi, ecco il toto-ministri

I ministri saranno non più di dodici. Al suo fianco Matteo avrà tutti i suoi fedelissimi ma dovrà fare i conti con gli alleati. La voce: la Boldrini in squadra

Il governo di Renzi, ecco il toto-ministri

Le trattative frenetiche vanno avanti. Enrico Letta l'ha detto chiaramente lui non molla. Ma anche Renzi che si prepara per la direzione infuocata del Nazareno.  In questo intreccio di incontri e di dichiarazioni al veleno, i renziani si tengono pronti per un ingresso a palazzo Chigi.  Se il segretario dovesse andare al governo a quel punto l'intera truppa renziana entrerebbe nell'esecutivo. E lui la squadra di governo ce l'avrebbe già pronta. I due nomi certo sarebbero quelli di due donne: la fedelissima (e bellissima) Maria Elena Boschi, già responsabile per le riforme nella segreteria Pd, andrebbe al posto di Gaetano Quagliariello alle Riforme. E la presidente della Camera Laura Boldrini verrebbe imbarcata a Palazzo Chigi allo scopo di portare in dote i voti di Sel. Sicuro di andare agli Interni al posto di Angelino Alfano dovrebbe essere Graziano Delrio. Per il dicastero-chiave, quello dell'Economia, si fanno i nomi di Lorenzo Bini SmaghiPier Carlo PadoanLucrezia Reichlin, ma anche dell'amministratore delegato di Luxottica e buon amico di Renzi, Andrea Guerra (che è dato in lizza anche per lo Sviluppo economico al posto di Flavio Zanonato).

Lotta per la poltrona -  Lorenzo Guerini, attuale portavoce di Renzi, potrebbe essere promosso alla sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. E poi, restando ai fedelissimi del segretario, un posto a Palazzo Chigi potrebbe esserci anche per Dario Nardella, sempre che Renzi non preferisca lasciargli la successione come sindaco di Firenze. Poi c'è un "derby" per l'Agricoltura. Al posto della De Girolamo all'agricoltura si fanno i nomi di Ernesto CarbonePaolo De CastroEnrico Costa che però appartiene all'area alfaniana. Infatti se Renzi arrivasse a palazzo Chigi dovrebbe fare i conti con i suoi alleati. Altri nomi che sono in pole position sarebbero quelli di Fabrizio Barca e di Tommaso Farinetti. Ora per Renzi è arrivata l'ora delle decisioni. Il tempo è scaduto. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ketaon_01

    13 Febbraio 2014 - 16:04

    Se ci ritroviamo Kyenge Boldrini e Bonino siamo veramente alla canna del gas

    Report

    Rispondi

  • zubirro

    13 Febbraio 2014 - 09:09

    Sulla rete c'è un tam tam serrato che dice che non sarebbe Baricco, ma lo psicoanalista che scrive su 'Repubblica' ad essere papabile. Quello che a 'LA 7' parlò del monumento Viagra di Berlusconi...

    Report

    Rispondi

  • carpa1

    12 Febbraio 2014 - 23:11

    al posto della kyenge! Dalla padella nella brace!

    Report

    Rispondi

blog