Cerca

Afflitto da "bersanite acuta"?

Matteo Renzi, tutte le figure retoriche usate in assemblea

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Anche il "nuovo che avanza", all'assemblea in cui, nei fatti, viene incoronato premier, diventa vecchio come l'assemblea stessa. Il teorico nuovo che avanza è Matteo Renzi, l'assemblea è quella del Pd. Quello del sindaco di Firenze, presidente del Consiglio in pectore, è un discorso colmo di retorica, di frasi fumose e, in verità, un po' ridicole. Frasi che hanno subito scatenato l'ironia di Twitter e dei social network. Frasi buone per il vecchio "rituale assembleare" dei democratici.

Il miele - In primis quel concetto trito e ritrito dell'"uscire dalla palude", citato più volte dal segretario nel suo intervento in cui ha chiesto un nuovo governo e ha congedato Letta. "Se l'Italia chiede un cambio radicale - afferma un po' trombone - o lo fa il Pd o non lo fa nessuno. Vi chiedo di uscire dalla palude". Poi, per giustificare il suo scatto in avanti, Matteo spiega: "Ci sono dei momenti in cui chi ha responsabilità di guida all'interno di una comunità, associazione, partito politico è chiamato a nascondersi, in altri momenti ad ascoltare più che parlare, a camminare al passo dell'ultimo". Altra retorica, altre frasi fatte, altro "miele assembleare".

Il megalomane - Renzi non scaccia le accuse di megalomania. Anzi le fa proprie e le nobilità: "Qualcuno ha scritto l'ambizione smisurata di Renzi e del Pd. Non smentisco queste parole - afferma -: c'è un'ambizione smisurata che dobbiamo avere, da me all'ultimo iscritto". Il trionfo della retorica (vuota) s'arricchisce poi di questo passaggio: "La Direzione non è un processo al governo perché qui si tratta non di dare un colpo al governo per ciò che è accaduto. Io vorrei capire se siamo in condizioni o meno di aprire una pagina nuova" (eccola, l'immancabile "pagina nuova"). Poi sulla staffetta, che per Matteo "non è una staffetta, perché la staffetta va nella stessa direzione, qui si prova a cambiare ritmo e velocità". Frasi che sembrano uscire dalla bocca dal recordman assoluto di figure retoriche, quel Pier Luigi Bersani che tanta confidenza ha e ha avuto con l'assemblea del Pd. Frasi che però sono tutte di Renzi.

Il poeta - Poi la metafora ventilata: "Si rischia - si chiede retorico Renzi -? Certo, ma se il rischio lo dobbiamo correre anche noi, la disponibilità a correre il rischio deve essere presa con il vento in faccia". Già, il "vento in faccia" (sic!). Il top, il massimo, l'epitome dell'intervento, arriva però con la citazione de L'Attimo Fuggente: "Due strade trovai nel bosco e io, io scelsi quella meno battuta". E Walt Withman si rivolta nella tomba...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Tobyyy

    18 Febbraio 2014 - 14:02

    Ma costui, più che ambire alla presidenza del consiglio e dare il colpo di grazia al Paese, perché non ha fatto il paroliere...? Certo non dico che avrebbe superato il grande Mogol, ma sarebbe arrivato lì lì...anche perché Mogol, non è falso come Renzi....! Osservarlo bene, Renzi sfugge, non guarda mai gli interlocutori negli occhi, ha un finto sorriso, stringe le mani fugacemente giusto per farlo e fugge, gli piace stare al centro dell'attenzione, non guarda mai dritto nelle telecamere ma con la coda dell'occhio le osserva se lo inquadrano, insomma, son certo di non sbagliarmi e sarà tutto fumo e niente arrosto, ed il tempo, darà ragione a chi ce l'ha....!

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    14 Febbraio 2014 - 12:12

    Non ho sentito neppure una parola di quanto ha detto Renzi; mi baso su ciò che riporta l'articolo. Ma mi sembra sufficiente per una fotografia appropriata del personaggio, che peraltro non sorprende gran che, date tutte le cose sentite e lette da tempo a proposito della smania di Renzi di scalare i vertici della politica, avvalendosi della capacità di inondare l'uditorio con fiumi di parole, frasi ad effetto, espressioni immaginifiche, e per contro una sostanziale confusione di idee (questo, sì, da quello che ho sentito direttamente da vari passaggi di suoi discorsi ed interviste). Per la terza volta consecutiva avremo un governo guidato da un "nominato", che mi sembra sufficiente per affermare che viviamo una stagione assolutmente anomala. Dopo molti aggettivi non proprio morbidi usati verso Monti e Letta, questa volta ci tocca un parolaio.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    14 Febbraio 2014 - 09:09

    "Due strade trovai nel bosco e io, io scelsi quella meno battuta". Renzi, ricordati le briciole di Pollicino. Non sia mai che debba ritornare indietro...

    Report

    Rispondi

  • amiens

    13 Febbraio 2014 - 21:09

    Non ho ben capito, chiunque può fare il Presidente del Consiglio? Se si mi metto in lista anchio cosi sistemo i miei famigliari ed amici. Renzi mi faccia il piacere vada a governare Firenze.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog