Cerca

Amarcord

Enrico Letta, tutti gli scandali del suo governo

Dal battesimo col sangue all'esecuzione in assemblea: la cronistoria dell'esecutivo attraverso tutti i suoi scandali (dalla Idem fino a Nunzia...)

Enrico Letta, tutti gli scandali del suo governo

Non era iniziato bene, diciamo la verità, con un uomo, Luigi Preiti disoccupato di Rosarno, che il giorno del giuramento dei ministri aprì il fuoco davanti a Palazzo Chigi ferendo tre carabinieri, uno in modo grave. Era il 28 aprile dell'anno scorso. Sono passati soltanto dieci mesi, ma a fronte di poche cose fatte per gli italiani, il governo di Enrico Letta, già passato in archivio, può vantare un consistente numero di scandali e colpi di scena come quello con cui è stata decretata la fine del premier. Una fine che Pippo Civati non ha esitato a paragonare a quella di Marius, il cucciolo di giraffa ucciso nello zoo di Copenaghen perché non serviva. Dagli spari di Preiti a quelli con cui Renzi ha giustiziato la "giraffa" Enrico.

Pagaie e kazaki - Dalla gaffe sugli stipendi degli insegnanti al gioco d'azzardo, al pasticcio sul decreto 'Salva-Roma' allo 'spacchettamento' del Milleproroghe, ma anche il finanziamento ai partiti, i tormentoni di Imu e Iva, il governo Letta è un crescendo che trova i picchi più alti nei casi che hanno travolto la squadra di Enrico: da Josepha Idem , che si è dimessa il 24 giugno per una vicenda di Ici non pagata, ad Angelino Alfano travolto dallo scandalo dell'espulsione di Alma Shalabayeva, moglie del dissidente kazako Ablyazov

Telefoni e microspie - Nella bufera finisce anche Annamaria Cancellieri, per il suo coinvolgimento nel caso Ligresti  fino all'addio di Nunzia De Girolamo, che si è sentita 'abbandonata' dai colleghi quando veniva tirata dentro l'inchiesta sulla frodi alla Asl di Benevento. Dieci mesi vissuti pericolosamente, "ogni giorno come fosse l'ultimo" come ha detto il premier presentando il suo "Impegno Italia" e visto quello che è successo in questo ultimo anno c'è da chiedersi come abbia fatto a resistere fino a ieri anche alla luce dei numerosi colpi ricevuti durante la discussione sulla condanna e decadenza di Silvio Berlusconi, le dimissioni dei ministri del Pdl e il passaggio dalle 'larghe' alle 'piccole' intese con la fuoriuscita di Forza Italia e la nascita del Nuovo centrodestra. Fino al ciclone Renzi che lo ha travolto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    14 Febbraio 2014 - 19:07

    come il governo che ha rappresentato. Analizzando uno ad uno i rappresentanti a cominciare dall'anziano, i sorrisi ostentati si sono spenti ancora una volta. Noi italiani cosa diciamo: Avanti un altro? Basta! Branco di incapaci strapagati, spesso corrotti, andate a lavorare in fonderia, l'unica cosa garantita là è il caldo.

    Report

    Rispondi

  • Romano_1939

    14 Febbraio 2014 - 15:03

    letta detronizzato - cacciato a pedate nel sedere dai stessi colleghi di partito. Sono contento anzi, contentissimo - forse alla cacciata del cav ha anche goduto ma, berlusconi almeno è stato allontanato dagli avversari politici e non dal pdl. Letta che assapori quello che si prova ad essere disarcionati - cacciati detronizzati per un qualche cosa che poi nemmeno gli era sta consegnata dagli elettori ma da un solo uomoa come lui Ora penso che per il nuovo nominato - anzi autoeletto renzi molto presto anzi prestissimo possa accadere la stessa cosa perchè tanto merita un soggetto che si prende una cosa senza il consenso degli elettori Le elezioni mi auguro che si facciano in autunno quando questo toscano verrà cacciato.-

    Report

    Rispondi

blog