Cerca

Ma quale rinnovamento?

Matteo Renzi, i ministri con cui si vuole "suicidare"

Alfano, Epifani, Bonino, Franceschini

Alfano, Epifani, Bonino, Franceschini

Il rumore del toto-ministri, di minuto in minuto, si fa sempre più assordante. Le voci si rincorrono impazzite, nuovi nomi spuntano come funghi (ora pure quello di Luca Cordero di Montezemolo), ma l'ultima, definitiva, parola verrà messa solo quando Matteo Renzi consegnerà la lista della sua squadra in mano a Giorgio Napolitano. Eppure, nella selva di soffiate e indiscrezioni, sembrano esserci alcune certezze, più o meno granitiche, ed è su (alcune) di queste che è opportuno concentrarsi.

Il "rinnovatore" - Il termine "rottamazione", all'ormai ex rottamatore, non piace più. "Troppo aggressivo, non piace alla gente", spiegò tempo fa. Meglio "rinnovamento". Ha un suono migliore, più lirico. D'altronde, Renzi, ha fatto del rinnovamento il suo marchio di fabbrica, la sua cifra stilistica. Eppure, la manovra di palazzo dal sapor di prima Repubblica con cui si è intestato il titolo di premier, anche ai meno smaliziati, pare in netta contrapposizione con quell'etichetta di rinnovatore. Eppure, nella sua squadra di ministri, con tutta probabilità ci saranno parecchi nomi che con il rinnovamento hanno ben poco a che spartire.

Qui sono, qui resto - Non è tanto per Montezemolo (qualora confermato), ché mister Ferrari, per quanto non di primissimo pelo, con la politica attiva - per quanto possibile - non ci ha avuto troppo a che fare. I dubbi sorgono, piuttosto e per esempio, quando si scopre che Angelino Alfano avrà un ruolo centrale anche nel nascituro esecutivo: se Ncd appoggerà Renzi, l'ex delfino del Cavaliere resterà vicepremier. Si diceva che fosse pronto a rinunciare agli Interni, eppure gli ultimi boatos di stampa fotografano una sitauzione ben differente: Angelino avrebbe puntato i piedi, vorrebbe tenersi anche il Viminale insomma. Renzi, però, il Viminale lo vorrebbe dare a un'altro nome che col rinnovamento, per dirla alla Di Pietro, non c'azzecca proprio: Dario Franceschini. Per quanto anagraficamente non improponibile, il barbuto ex margheritino sa di stantio: è alla quarta legislatura ma, soprattutto, con i suoi continui voltafaccia (democristiano, veltroniano, bersaniano, lettiano e ora renziano) incarna alla perfezione quella politica degli intrighi che col rinnovamento di matrice renziana - "io faccio tutto alla luce del sole" - collide frontalmente.

Old men - Tra i Renzi-boys (o meglio, Renzi-old men), ben saldo alle Infrastrutture, dovrebbe trovare spazio anche Maurizio Lupi, il ciellino che proprio di primo pelo non è (anche lui alla quarta legislatura, anche lui uso a cambi di bandiera). E ancora, ecco spuntare un vecchio lupo rosso, Guglielmo Epifani, anni 64, sì alla prima legislatura ma da una vita intera nei palazzi del potere (e soprattutto nei sindacati: fu intransigente segretario della Cgil dal 2002 al 2010). Per inciso, Epifani è dato in quota ministero del Lavoro, e ci si interroga su come un ex segretario Cgil possa innovare l'italico e ingarbugliato mondo del lavoro. Ultima ma non ultima, Emma Bonino, anni 66, delle legislature s'è perso il conto, volto tra i più stagionati del nostro Parlamento e un'esperienza alla Farnesina con l'esecutivo Letta tutt'altro che brillante. E' questo il rinnovamento, signor Renzi?

di Andrea Tempestini
@antempestini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Anna 17

    Anna 17

    17 Febbraio 2014 - 20:08

    Come si possa insistere sulla Bonino agli esteri è incomprensibile, non ne azzecca una, porta in Italia le mogli di delinquenti che solo a Lei sembrano persone per bene; non è stata in grado di fare alcun ché per una vergogna nazionale come i due Marò ancora trattenuti in India. Ha dimostrato d’essere troppo condizionata dalle canne che probabilmente continua a farsi e che, ormai, hanno lasciato un segno indelebile a livello cerebrale. Non parliamo poi di Epifani, uno dei più grandi artefici della distruzione di posti di lavoro in Italia con un’azione a tenaglia sulle imprese, costrette ad emigrare e sui lavoratori, poverini convinti d’essere tutelati da delinquenti sinistrati. I risultati sono sotto gli occhi di tutti, ciò nonostante li vogliono ministri? Bene così andremo alla più completa rovina. Evviva il rinnovamento!!!

    Report

    Rispondi

  • argo92

    17 Febbraio 2014 - 17:05

    marino chi? quell imbecille ciclista con scorta di roma?

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    15 Febbraio 2014 - 14:02

    un po di figa ruspante. non ci capiscono una fava per definizione ma un pò di spazio anche a loro vuol dato. eh se vuol dato.

    Report

    Rispondi

  • marino43

    15 Febbraio 2014 - 12:12

    Da lunedì o martedì o giù di li tutto cambierà: Non vedremo più la culona Biancofiore,la p(i,u,o,a,e)ttonessa Santanchè,la tettuta,rifatta e silenziosa Rossi,l'altezzosa Ravetto,l'inespressiva e stizzosa Bernini, la maestrina Comi,... tra una settimana vedremo persone normali come :Pina Picierno ,Marianna Madia,Maria Elena Boschi, Federica Mogherini,Debora Serracchiani,Chiara Braga,Alessia Morani. Tutte donne "normali" e tutte ELETTE e non nominate e messe in un listino come fossero delle caramelle. Ma sarà poi tutto vero che cambierà tutto? Io non ci credo, perchè è più facile fare opposizione che governare. E' più facile fare il disfattista e il rottamatore che decidere di rinnivare senza soldi. Se Renzi è furbo, come sembra, dovrebbe esercitare quella pressione che farà scattare le ami ai braccioli delle poltrone a tutti, basta dica la frase:"O facciamo queste cose o tutti a casa e senza pensione". E allora sarà davvero la fine del LADRO. Fra 4 anni ne avrà quasi 80 eheheh...ehehe

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog