Cerca

Assalto alla poltrona

I renziani contro la Boschi: "Lei ministro, andiamo a Masterchef"

Maria Elena Boschi

Maria Elena Boschi

Giorgio Napolitano ha convocato Matteo Renzi al Colle per domani, lunedì 17 febbraio alle 10, 30 per conferirgli l'incarico da premier. Ma nonostante Re Giorgio abbia fretta di chiudere la partita, la squadra dei ministri è ancora in alto mare. Dopo le picche ricevute da Guerra, Farinetti e Baricco, Matteo Renzi deve trovare ancora la formazione da schierare a palazzo Chgi. Ma con il toto-ministri impazzito, i renziani cominciano la loro lotta interna per la poltrona. La casella del ministero delle Riforme, attualmente occupata da Gaetano Quagliariello, da giorni i rumors la vogliono già intestata a Maria Elena Boschi. Ma a quanto pare non tutti i fedelissimi di Matteo sono d'accordo con le nomine che il sgeretario si accinge a fare.

La bordata dei renziani alla Boschi -  E così, come racconta il Corriere, tra i rottamatori c'è qualche mal di pancia proprio per la Boschi. Un renziano al Corriere la lotta intestina la racconta così: "Ma come si fa a farla ministro. È come se io diventassi campione di Masterchef . Certo, so fare le seppie ripiene, ma forse non basta per fare lo chef". Insomma la bella Boschi non è proprio stimata dai suoi compagni di partito. E così Matteo ha una grana in più. Come se non bastassero già i problemi con Alfano che vuole salvare almeno 3 poltrone su 4, ora a complicare le cose ci si mettono pure i renziani. Intanto i rumors sulel nomine vanno avanti.

Toto-ministri
- Romano Prodi, con una nota del suo ufficio stampa, ha negato categoricamente che possa essere lui il prossimo ministro dell'Economia. Per quella poltrona salgono le quotazioni di Fabrizio Barca o del presidente dell'Istat Giancarlo Padoan. Sicuro il posto di sottosegretario alla Presidenza del Consiglio per Graziano Delrio. Luca Cordero di Montezemolo potrebbe diventare il nuovo ministro del Made in Italy. Alla Cultura in pole adesso c'è Dario Franceschini. Tra le novità riportate da alcuni quotidiani, c'è quella di Mauro Moretti, amministratore delegato delle Ferrovie, a cui potrebbe essere assegnato un ministero economico di peso. Per quanto riguarda il ministero della Giustizia, è lotta a tre tra il giudice Mario Barbuto, il professore Andrea Proto Pisani e il presidente del tribunale di Milano Livia Pomodoro. Agli Esteri dovrebbe essere confermata Emma Bonino.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Ely38

    23 Febbraio 2014 - 00:12

    Assai contraria alle quote rosa assolutamente favorevole alla meritocrazia indipendentemente dal sesso e in queste fanciulle ( e fanciulli) mrenziane figlie di papà e di famiglie benestanti di meriti ne vedo pochi

    Report

    Rispondi

  • marco gladiatore

    17 Febbraio 2014 - 19:07

    Sapete Matteo non ama contornarsi di persone troppo ambiziose, né troppo intelligenti, sicuramente non devono essere in grado di dargli ombra. La Boschi richiama l'attenzione e siccome alle belle si perdona tutto..., ma per fare il ministro non basta parlare col compitino da scuole medie superiori....

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    17 Febbraio 2014 - 14:02

    adesso siamo arrivati a fare ministro una trentenne che ha solo imparato a parlare per 30 minuti senza dire niente!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    17 Febbraio 2014 - 10:10

    Ma l'avete mai sentita parlare? Riesce ad essere più evanescente anche della Moretti, che di fumo ne fa tanto!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog