Cerca

Consultazioni con l'insidia

Ncd, Alfano a Renzi: "All'Economia e Giustizia vogliamo garanzie"

Ncd, Alfano a Renzi: "All'Economia e Giustizia vogliamo garanzie"

Matteo Renzi prosegue il suo giro di consultazioni per formare il nuovo governo. Ma gli ostacoli non mancano. I numeri al Senato sono ballerini al punto che Matteo è stato costretto ad aprire anche all'ipotesi di un'alleanza col gruppo Gal che conta ben 11 senatori. Ma il vero nodo da sciogliere è sulla lista dei ministri e sul programma di governo. Il premier incaricato ha incontrato Angelino Alfano e la delegazione di Ncd. Al centro del colloquio la squadra di governo e i punti su cui trovare un'intesa. "Uno scoglio è superato. Si profila un governo formato dalla stessa maggioranza che ha sostenuto Letta. Quindi, un governo senza Vendola", ha affermato Alfano parlando ai giornalisti.

Il nodo delle poltrone - Insomma l'intesa sulla maggioranza c'è, ma per andare avanti Angelino vuole garanzie sulle poltrone: "Non facciamo nomi ma chiediamo   alla giustizia un garantista e sull'Economia non vogliamo qualcuno che  sia in dissenso con le nostre proposte. A Renzi chiediamo dei nomi   compatibili con le nostre proposte, che sono di centrodestra”. Insomma Renzi non potrà scegliere di testa sua, la lista per i ministri dovrà sottoporla al giudizio di Alfano. Poi l'avvertimento: "Per essere subito chiari, abbiamo detto mai una patrimoniale. Se si ha in mente di farla Ncd non è disponibile".  Infine Alfano sottolinea che "Ncd non teme le elezioni". "Non abbiamo paura di nessuno sbarramento. I sondaggi fanno i conti con la legge elettorale venuta fuori dalla Consulta. Supereremmo agevolmente tutti gli sbarramenti previsti. Non avremmo necessità di stare in coalizione, li potremmo superare da soli", ha assicurato il leader di Ncd.   "Quando avremo parlato con gli italiani dicendo i nostri punti di programma si capirà con chiarezza e forza che c'è un centrodestra del futuro in grado di realizzare ciò che il centrodestra del passato non è riuscito a realizzare".

Grillo da Renzi
- Intanto anche Beppe Grillo inconterà Matteo Renzi per le cosultazioni. Il leader Cinque Stelle si era rifiutato di andare a Montecitorio, ma il referendum laciato sul suo blog per chiedere alla base se fosse opportuna la pesenza dell'M5s alle consultazioni, ha imposto a Beppe il viaggio a Roma: "La consultazione si è conclusa con 41.240 Votanti su 85.408 Aventi diritto i favorevoli all'incontro con Renzi sono stati 20.843, I contrari 20.397. Domani una delegazione composta da Beppe Grillo e i capigruppo di Camera e Senato, D'incà e Santangelo, incontrerà Renzi. Sarà chiesto lo streaming dell'incontro". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alejob

    19 Febbraio 2014 - 11:11

    In quale settore ti sei laureato. Mi piacerebbe saperlo. A quanto domostri sei portato sull'arroganza sulla presunzione e su una certa stupidità, la quale ti porta a pensare che tutti si devono sottomettersi ai tuoi piedi. Un individuo ben preparato, può pensare di mettere qualche "Coniglio" sotto i piedi, che non vuole perdere la "Cadrega". Ma devi questo CONIGLIO, FORAGGIARLO. Sei pronto a farlo e se lo fai cosa diranno i tuoi KOMPAGNI ?.

    Report

    Rispondi

  • encol

    19 Febbraio 2014 - 09:09

    Da Letta in poi lo abbiamo solo sentito per gli avvertimenti, in realtà con l'IMU ha calato le braghe la paghiamo eccome, le varianti, vergognose, al diritto di famiglia idem. Si dice: "can che abbaia non morde" e Alfano è così e non capisce che la politica non si fa con il guanto di velluto.

    Report

    Rispondi

  • soter66

    19 Febbraio 2014 - 09:09

    Al Fanone non vuole capire la patrimoniale esiste già,si chiama IMU.

    Report

    Rispondi

  • geompiniliberoi

    19 Febbraio 2014 - 07:07

    alfino e i sui sarebbero gli avvocati del ceto medio, si gli avvocati d ufficio, aspettiamoci altre tasse .Adesso risolvono tutto loro , l unica cosa che riescono a fare sara di far perdere tutte le elezioni alcdx e i comunisti ringraziano, presto tocca al piemonte poi alla lombardia ,cav. svegliati basta con il solito piagnisteo sul colpo di stato e persecuzioni vogliamo sentire ben altro,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog