Cerca

Costi della politica

Ignazio Marino: "Mi riduco lo stipendio del 10%"

Il sindaco di Roma ha dichiarato di aspettarsi la stessa scelta dai suoi colleghi di Giunta: "Ora tocca a loro"

Ignazio Marino

Ignazio Marino

Ignazio Marino ha deciso di tagliarsi lo stipendio. La riduzione, prevista per il 2014, è del 10%. Il sindaco di Roma, in carica dal 12 luglio 2013, ha spiegato così la sua scelta: "È un gesto di rispetto per le difficoltà economiche dei cittadini". Questa decisione va a sommarsi a una serie di misure che il medico ha deciso di adottare negli ultimi mesi: eliminazione delle auto blu, razionalizzazione dei costi e taglio del budget a disposizione di ogni assessore. Marino, dopo la comunicazione la sua scelta a mezzo stampa, ha voluto stuzzicare i suoi colleghi di Giunta: "Ora mi aspetto uno sforzo analogo da chi ricopre incarichi nelle aziende di Roma Capitale, e al personale dei componenti di Giunta”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    20 Febbraio 2014 - 08:08

    Pensavo che con tutto quello che non fa e non sa fare,se lo togliesse del tutto.

    Report

    Rispondi

  • argo92

    19 Febbraio 2014 - 14:02

    idiota non devi ridurti lo stipendio del 10% ma portare i soldi da casa per tutte le strozate che hai fatto e quelle che farai in futuro merda rossa

    Report

    Rispondi

  • RaidenB

    19 Febbraio 2014 - 13:01

    Caspita che taglio di stipendio. Mi domando se ora il sindaco Marino, come tutti gli italiani, farà anch'esso fatica ad arrivare alla fine del mese.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    19 Febbraio 2014 - 13:01

    prendi già l'obolo dal parlamento, i soldi dalla sanità e magari sei anche cattedratico di qualche università terrona, cosa vuoi di più, facile tagliarsi il 10% e poi pompare i rimborsi spese come ti è di pratica normale. Tutto lo stipendio dovresti tagliarti, a parte i cojons, tanto nessuno si accorgerebbe se tu sparissi, sono già senza sindaco a Roma.

    Report

    Rispondi

blog