Cerca

Il retroscena

Consultazioni, Renzi-Cav:
il faccia a faccia di cinque minuti

Matteo Renzi e Silvio Berlusconi

Renzi e Berlusconi

Nell'ultimo giorno di consultazioni l'attenzione si è concentrata sull'incontro-show in direttas streaming tra Matteo Renzi e Beppe Grillo, un incontro che ha tolto la scena a quello altrettanto atteso con il Cavaliere. In realtà da un punto di vista politico e non solo mediatico le consultazioni con la delegazione di Forza Italia ha riservato una sorpresa. Alla fine della consultazione Berlusconi ha chiesto di poter parlare da solo cone Renzi. Matteo ha accettato. Sette minuti in tutto. Sette minuti in cui, secondo i retroscenisti, si sarebbe siglato un patto tra il Cavaliere e il premier in pectore. Un patto ispirato alla non belligeranza. 

L'incontro -  Il Cavaliere avrebbe chiesto in cambio della sua opposizione costruttiva, garanzie sulla giustizia (che finora non era apparsa nell'agenda del premier incaricato), le comunicazioni e anche sulla legge elettorale. Silvio ha strappato a Renzi la "blindatura" dell'Italicum che non subuirà alcuna modifica. In sintesi i due si sono detti: tu fai le riforme io non ti metto i bastoni tra le ruote. I fedelissimi del quasi-premier smentiscono ma se non si tratta di uno scambio, in quei sette minuti Matteo e Silvio hanno fatto una sorta di gentlmen agreement nell'ottica di far durare questa legislatura almeno un anno e mettere all'angolo Alfano. Dodici mesi per metterer a punto la legge elettorale la riforma del Senato, nel frattempo Berlusconi potrebbe saldare i conti in sospeso con la giustizia. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pino&pino

    20 Febbraio 2014 - 18:06

    un annetto e poi avanti con te. Nel frattempo fatti un po di esperienze politiche....

    Report

    Rispondi

  • fearofthedark

    fearofthedark

    20 Febbraio 2014 - 17:05

    La caduta accidentale di Berlusconi non sarebbe dovuta a Dudù ma, secondo quanto scive il sito di informazione politica Dagospia, i lividi sarebbero stati provocati da Francesca Pascale che avrebbe "intercettato" l’ex premier a telefono con l’ex olgettina Barbara Guerra. Quei lividi che il leader di Forza Italia aveva attribuito ad un inciampo nella pallina di Dudù sarebbero il segno delle "carezze" della Pascale.

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    20 Febbraio 2014 - 13:01

    tu che ci sai fare con le donne (le hai conquistate con il tuo charme), tu che hai conquistato il cuore degli italiani promettendo e mantenendo, tu che hai conquistato il consenso di tanti onorevoli nemici con un abbraccio, riuscirai a portare a TE il giovine RENZI solo col sorriso delle labbra e con la forza delle tue idee. Firmato: Vero bananas

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    20 Febbraio 2014 - 13:01

    tu che ci sai fare con le donne (le hai conquistate con il tuo charme), tu che hai conquistato il cuore degli italiani promettendo e mantenendo, tu che hai conquistato il consenso di tanti onorevoli nemici con un abbraccio, riuscirai a portare a TE il giovine RENZI solo col sorriso delle labbra e con la forza delle tue idee. Firmato: Vero bananas

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog