Cerca

Il diktat a Renzi

Angelino Alfano a Matteo Renzi: "Basta con i ministri affezionati alle tasse"

Angelino Alfano

Alfano visto da Benny

Un campo minato, per il quasi-premier Matteo Renzi. Gli ostacoli arrivano anche, e forse soprattutto, da Angelino Alfano e il Nuovo Centrodestra, titolari di una "golden-share" sul nascituro governo: un pacchetto azionario, pur ristretto, senza il quale però non si può fare nulla (ossia i voti dei 31 senatori alfaniani). Il vicepremier si fa sentire, e chiede a Renzi la riconferma dei ministri uscenti, Maurizio Lupi e Beatrice Lorenzin, nei loro attuali dicasteri (Infrastrutture e Salute). Alfano detta le sue condizioni: "Abbiamo già il foglio Excel pronto, con l'indicazione precisa delle nostre priorità, i tempi di realizzazione e il responsabile degli obiettivi", ha spiegato al termine della riunione con i gruppi di Camera e Senato.

"Stop tassaroli" - Ma è sul ministero dell'Economia che Alfano pone altre condizioni, quelle che hanno la massima priorità. Il leader di Ncd non vuole in via XX Settembre qualcuno di "particolarmente affezionato alle tasse". Una battuta per spiegare che di un Saccomanni-bis non si deve neppure stare a parlare, e con cui Angelino restringe la rosa dei nomi in odor di Economia. Alfano prosegue: "La vera priorità in questo momento è la diminuzione delle tasse. Ecco perché a noi interesa intenderci prima sui programmi". Per via XX Settembre restano forti le candidature dell'ex rettore della Bocconi, Guido Tabellini, e dell'ex numero due dell'Ocse, Pier Carlo Padoan. Pare essere invece definitivamente tramontata la possibilità che il ministero venga affidato a Graziano Delrio, il braccio destro di Renzi, come la telefonata del finto-Vendola ha bruciato la candidatura di Fabrizio Barca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    20 Febbraio 2014 - 15:03

    Saranno parole al vento come quelle dall'IMU? molto probabilmente si. Entrò nel governo Letta con buoni propositi IMU, appunto, finanziamento ai partiti, riduzione della spesa, abolizione delle provincie ecc. Risultato ZERO+ZERO, quindi..... Per quanto riguarda il ministero dell'economia se non sarà guidato da un tecnico/politico indisposto a farsi schiacciare dalla Merkel, noi tutti faremo una brutta fine. Perchè pensate che Berlusconi fu tolto di mezzo? Appunto per questo motivo NON era disponibile alle richieste della Merkel.

    Report

    Rispondi

  • chimangio

    20 Febbraio 2014 - 15:03

    Viste le pressioni di De Benedetti (che smentisce..e volevo vedere che avesse confermato!) su Renzi per il ministero dell'Economia, avrei un suggerimento. Se Renzi volesse dimostrare la sua indipendenza dai poteri forti perché non nomina Berlusconi. Ritengo potrebbe essere la prima scossa per un vero cambiamento ed una nuova stagione! Sarebbe veramente divertente e, forse, liberatorio.

    Report

    Rispondi

blog