Cerca

La bordata

Civati: "Renzi ha consegnato il paese a Berlusconi"

Il dem è pronto a negare la fiducia all'esecutivo. Con i suoi sei senatori può giocare la sua partita a palazzo Madama. Ora il Nazareno è una polveriera

Pippo Civati

Pippo Civati

Pippo Civati, cerca di rovinare la festa al nuovo premier Matteo Renzi nel giorno del giuramento al Quirinale e lancia il sodaggio sul web in vista della fiducia di fissata per lunedì prossimo. "Votare o no la fiducia al governo Renzi?". Il deputato Pd vuole un parere dai militanti su internet, "perché sono di solito gli elettori a scegliere". Inoltre, aggiunge Civati alla domanda, se per il futuro sia meglio rimanere nel Pd o "ricostruire la sinistra" con gli altri partiti. "Questa volta ci ha pensato la maggioranza del Pd". 

L'attacco - Secondo Civati, Renzi, sostenendo che con le sue azioni ha consegnato il Paese a Silvio Berlusconi, come "si dice fecero Bertinotti e Turigliatto". "Renzi sta facendo di tutto per farsi votare contro", scrive Civati in un post pubblicato sul suo blog, aggiungendo anche che non sapeva nulla "della nomina del ministro Lanzetta", a lui molto vicina.  "Si dimostra molto disinvolto ma non è una novità". E "nessuno ha ovviamento inteso avvisare me o i componenti della delegazione 'civatiana' in direziona nazionale" della scelta del sindaco come nuovo ministro degli Affari regionali. Pippo Civati è pronto a pugnalare Renzi. 

I numeri a Palazzo Madama - Con i suoi 6 senatori a palazzo Madama, Civati è pronto a voltare le spalle a Matteo e soprattutto ad uscire dal Pd per fondare un nuovo partito. A dichiarare guerra a Matteo è lo stesso Civati che intervistato da Repubblica afferma: "'Si tratta di un governo politico a tutti gli effetti e con la stessa maggioranza di prima, che non rispetta il mandato elettorale. Orientati a non votare la fiducia. In tal caso usciamo dal Pd''. Insomma col colpo di mano di Matteo e con la defenestrazione di Letta potrebbe esplodere il Pd. Solo qualche giorno fa Civati aveva detto: "In questo momento il Partito Democratico lo hanno lasciato tutti. E' un campo in cui si dicono delle cose e poi se ne fanno delle altre. Voglio capire che cosa fare. E' chiaro che non votare la fiducia a questo governo vuol dire uscire dal Pd o qualcosa di molto simile". La scissione è vicina. 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • solerosso34

    23 Febbraio 2014 - 14:02

    SE RENZI NON VUOLE FARE LA FINE DI BERLUSCONI, CHE PER 20 ANNI SIE' LEGATO A 2 STR. COME FINI E CASINI. CACCIANDO SOLO ALLA FINE FINI, CHE PERO' COME PRESIDENTE DELLA CAMERA, HA CONTINUATO A ROMPERE LE PALLE, DOPO CI HANNO PENSATO GLI ELETTORI A MANDARLO AFFFFFF...PERCIO' CARO RENZI, SE VUOI FARE UNA COSA URGENTE BUTTA FUORI DAL PARTITO CIVATI E CUPERLO, LORO I VOTI NON LI PORTANO ANZI LI PRENDONO DAL PARTITO. NON PUO' FARE COMIZI DICENDO CHE RENZI A VINTO LE PRIMARIE PER FARE IL SEGRETARIO E NON IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. PERCHE' MONTI HA VINTO LE PRIMARIE?? CIVATI PRIMA DI ADESSO FUORI DAL PARTITO. ALTRIMENTI NON VAI DA NESSUNA PARTE.

    Report

    Rispondi

  • lopocu

    23 Febbraio 2014 - 13:01

    Oramai tutti si fanno un partitino visto che non riescono a sfondare nel PARTITO. Anche a Civati (come ad Alfano ecc.ecc.) l'ascesa di Renzi è risultata indigesta ma purtroppo alle primarie ha fatto flop. L'effetto"rodimento" non deve palesarlo e se non condivide le scelte di Renzi, che secondo Lui ha consegnato il PD a Berlusconi (pura scemenza), deve lottare dall'interno per il bene del Paese. Ritengo la sua eventuale scelta di uscire dal PS una cavolata immane, anche perchè cosa ha dimostrato o fatto Civati? E' appena arrivato sulla scena politica e pertanto è ancora "NESSUNO" per fare il capriccioso.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    22 Febbraio 2014 - 21:09

    Si lamenta quotidianamente ma se ne guarda bene di andarsene con Vendola o in un altro partitello , altrimenti alle prossime elezioni la cadrega non sarebbe garantita.Mal sopporto chi sputa nel piatto dove mangia e lussuosamente .

    Report

    Rispondi

  • alvit

    22 Febbraio 2014 - 19:07

    Civati può pensare ciò che vuole, può dire ciò che gli passa per il neurone, ma quando si troverà in aula voterà tutte le fiducie che gli verranno richieste. Qual'è quel komunista che non obbesisce al partito di stalin? Non scherzate, non dite cag@@e ma state a guardare. Se non dà la fiducia, lo mettono a cullare la bindi durante una colica intestinale. Non credo si voglia far dare del cretino dal popolino inca@@ato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog