Cerca

Il discorso

Renzi, il discorso e le reazioni

Poco entusiasmo tra i banchi, una stretta di mano molto fredda con Renzi

Matteo Renzi e Angelino Alfano

Matteo Renzi e Angelino Alfano

E' durato circa un'ora il discorso di Matteo Renzi al Senato. Un discorso programmatico che avrebbe meritato qualche approfondimento in più su come intende realizzare l'elenco di riforme che intende fare. "Più da sindaco che da premier", come ha detto Enrico Mentana.  Pochissimi applausi. Il primo, polemico, è partito dai banchi dei senatori del Movimento 5 Stelle quando Renzi ha citato la possibilità teorica di andare alle elezioni anticipate. A seguire poi un applauso "vero" dai banchi del centrosinistra quando il leader del Pd ha replicato ai grillini rivendicando che "il Pd non ha mai avuto paura di andare alle urne, e ha vinto in più occasioni. Lo stesso non possiamo dire di voi". 

I marò - Un altro applauso è arrivato quando Renzi ha parlato dei problemi dell'edilizia scolastica, il secondo (molto forte) quando ha parlato dei marò definendola "Una vicenda allucinante". Il premier ha confermato le sue doti di abile comunicatore la voce non è mai stata tradita dall'emozione. Poco prima di prendere la parola, Renzi  ha nervosamente toccato i suoi bottoni della giacca. Non aveva lo sguardo fisso su un punto ma cercava di catturare con lo sguardo l'Aula e spesso ha parlato con le mani in tasca. L'Aula non ha accolto con grande calore il suo intervento e, forse, il segno più evidente di tale freddezza è nella stretta di mano con Alfano. Fredda, per non dire gelida. Certamente non il segno di un'approvazione totale, piena. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    24 Febbraio 2014 - 16:04

    quando ad applaudire c'era una claque ben pagata che faceva rizzare i capelli e l'invidia del Tevez dell'epoca quando segnava un gol nello stadio juventino.

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    24 Febbraio 2014 - 16:04

    Hai parlato , sei rottamato. Sei fuori , sei fuori , sei fuori ... :)))

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    24 Febbraio 2014 - 16:04

    Ho seguito il discorso del "premier". Ho avuto l'impressione di assistere ai discorsi dei sindaci-bambini che erano di moda qualche anno fa: ve li ricordate? Certo, un po' meno imbarazzato, ma con la stessa indeterminatezza e la stessa approssimazione. Dio ci liberi da "statisti" di questa levatura.

    Report

    Rispondi

blog