Cerca

Alle elezioni provinciali

Nasce la lista Peppa Pig
per difendere la famiglia

In Puglia, nella Bat, l'associazione "Comitato Progetto Uomo" presenta una lista civica con il simbolo del maialino per le prossime elezioni provinciali di Andria 2015

Nasce la lista Peppa Pig
per difendere la famiglia

Dopo l’esternazione del neoministro Madia («Quando Renzi mi ha chiamata, stavo guardando Peppa Pig»), il Partito Democratico stava già pensando di cambiare nome: da PD a PP (Peppa Pig). Ma è stato bruciato sui tempi. In Puglia, nella Bat, l'associazione «Comitato Progetto Uomo» sta infatti per presentare una lista civica con il simbolo del maialino per le prossime elezioni provinciali (decreto Delrio permettendo) e comunali, che si terranno ad Andria nel 2015. Scopo dell'associazione è «difendere i valori della famiglia tradizionale, di cui Peppa Pig è l'ultima rappresentante». Mimmo Quatela, fondatore del Comitato, giustifica così la curiosa discesa in campo: «Il nucleo familiare del cartone animato è composto da papà, mamma e due figli, come il simbolo della Manif Pour Tous, ed è privo di coppie di fatto, relazioni gay e ambizioni di famiglia allargata. Mancano perfino gli adultèri: la volpe Freddy, pur facendo l'idraulico, non seduce Mamma Pig». L'associazione ha perfino sottoscritto un manifesto per la tutela della famiglia Pig. Sul giornale associativo Vita Fabio Dell'Olio scrive: «I genitori di Peppa rappresentano la frangia estremista della difesa della famiglia costituzionale».

Dietro la simpatica provocazione c'è un intento serio. La onlus sostiene infatti in quattro città della Bat (Barletta, Andria, Trani e Bisceglie) le mamme e le donne incinte in difficoltà, assicurando loro, con un supporto spirituale e materiale (distribuzione di pannolini, alimenti, vestitini), la possibilità di portare avanti la gravidanza. Il messaggio della lista è dunque teso a una maggiore promozione della famiglia da parte della politica, attraverso misure come il quoziente familiare (meno tasse per chi ha più figli).

Ma la campagna dell'associazione mostra anche l'insofferenza dei cittadini contro questa legge elettorale. «Al Porcellum», ribadisce Quatela, «noi rispondiamo con Peppa Pig. Loro fanno i propri porci comodi, e noi scomodiamo i porci». Più Movimento 5 Stalle che Movimento 5 Stelle, dunque. Con un duplice scopo: difendere la persona ripartendo dal maiale; e sottrarre Peppa Pig all'egemonia culturale della sinistra, di cui Renzi rischia di essere il prototipo (secondo Andrea Scanzi, l'attuale premier ha infatti «la stessa struttura ideologica di Peppa Pig»). Maiali di tutto il mondo, riunitevi sotto il vessillo pro-family. Ci farete una porca figura. 

di Gianluca Veneziani

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog