Cerca

Colpo a sorpresa

Camera, Bersani in Aula "per salutare Letta". Ed Enrico siede da solo: che schiaffi a Renzi

Colpo di scena a Montecitorio: arriva Pier, dopo il malore di gennaio. Matteo lo bacia ma il rivale lo gela. E l'ex premier ne combina un'altra

Camera, Bersani in Aula "per salutare Letta". Ed Enrico siede da solo: che schiaffi a Renzi

Tutto in pochi minuti, alla Camera: una resa dei conti incrociata in cui a rimetterci la faccia, per una volta, è Matteo Renzi. In pochi metri quadrati si sono ritrovati i tre grandi duellanti del Partito democratico di quest'ultimo anno e mezzo: Pierluigi Bersani, Enrico Letta e, appunto Renzi. Intorno alle 15.30 a Montecitorio entra a sorpresa l'ex segretario del Pd, reduce dall'emorragia cerebrale che lo ha colpito lo scorso gennaio e da cui si sta riprendendo. Standing ovation dei colleghi deputati, Renzi lo ha accolto con un bacio e un abbraccio e il solito tweet in tempo reale: "Grazie a Bersani per essere in aula oggi. Un gesto non scontato, per me particolarmente importante. Grazie". Peccato che ai giornalisti, entrando nell'Aula, l'ex candidato premier democratico e vincitore di Renzi nelle primarie del dicembre 2012 avesse spiegato: "Sono venuto per abbracciare Enrico, ma non è ancora qui...". Discreto schiaffone in faccia al premier che proprio tra qualche ora incasserà la fiducia definitiva.

Il freddo ingresso di Letta e l'abbraccio con Bersani
Guarda il video su Libero TV

Letta siede da solo - Fiducia che non ci sarebbe potuta mai essere senza la manovra di palazzo che ha portato alla defenestrazione del suo predecessore, Letta. Che qualche minuto dopo ha fatto il suo ingresso alla Camera, per assistere al dibattito. Subito l'ex Presidente del Consiglio è andato a salutare Pier Luigi Bersani e i due si sono abbracciati tra gli applausi di tutto il Partito Democratico. I cronisti parlamentari riferiscono che poi Letta si sia seduto al centro dell'emiciclo, lontanto dai banchi del Pd. Messaggio mandato a Renzi e a chi sussurra che proprio Letta sia meditando l'addio al partito che lo ha congedato in modo tanto brusco. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alvit

    26 Febbraio 2014 - 16:04

    certo che lasciano entrare cani e porci e menomati psichici. Che fine bers-ani. Vedrai che renzi ti darà una cadreghina, a raccogliere le mance fuori dai cessi del parlamento.

    Report

    Rispondi

  • delfino47

    26 Febbraio 2014 - 15:03

    Quali meriti dobbiamo riconoscere a questi due signori ?????????????

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    26 Febbraio 2014 - 15:03

    Ipocriti, trasformisti

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    26 Febbraio 2014 - 14:02

    L'abbraccio di due perdenti che si consolano a vicenda perchè il loro "nemico" ha vinto un'altra volta!!! Francamente, fanno veramente pena!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog