Cerca

L'opposizione si spacca e perde consensi

A sinistra via al valzer delle responsabilità

L'opposizione si spacca e perde consensi
Se c'è una cosa che emerge chiara da quanto accaduto due giorni fa al premier, è che all'opposizione sono tutti molto confusi. E più che confusi, tanto arrabbiati. Da una parte ci sono gli irriducibili, Antonio Di Pietro e Rosy Bindi. Loro che dicono a Berlusconi di "piantarla di fare la vittima" e che spiegano all'universo mondo che chi istiga alla violenza è proprio lui, il premier. Poi ci sono gli altri. C'è Bersani, che va a trovare il suo avversario politico in ospedale, e c'è Enrico Letta - che del Pd è il vice segretario - che dice che è "un gesto importante, quello di Bersani, è la cifra del Pd al di là delle parole". Ma proprio con le parole si muove invece Di Pietro, quando dichiara alla Camera (tutto il Pdl in segno di protesta esce dall'aula): "Non ci faremo intimidire. Noi non facciamo opposizione in odio a Berlusconi ma per amore del nostro Paese - ha detto il leader dell'Italia dei Valori. Da quindici anni ci battiamo contro provvedimenti che offendono le coscienze. Questo crea odio, questo arma la mano istigata da problemi di una maggioranza e un governo che piegano il Parlamento a proprio uso". Poi arriva l'Unità, che oggi si premura di far sapere alla quinta riga del pezzo su Tartaglia che "alle ultime elezioni ha votato per Antonio Di Pietro". Come a dire: è roba dell'Italia dei Valori, non ci riguarda. E detto dal quotidiano di riferimento del Partito Democratico, fa la sua porca figura. Insomma, tutti si sentono "i veri compagni", quelli  onesti che in piazza ci vanno col bandierone e il salame. E nei ricordi ci sono le molotov, che pochezza di stile lanciare statuette a buon mercato. Concita De Gregorio se ne frega altamente delle visite e delle dichiarazioni di solidarietà espresse da Bersani. Però allontana i sospetti perché Tartaglia mica vota la sinistra dabbene (la loro), ma l'Italia dei Valori. Nel frattempo i compagni per attaccare il Cav usano tutto: giornali, tv, settimanali, libri, vignettisti, radio. Lanciano le statuette, ma si slogano il braccio. E non riescono più a tenere insieme un'opposizione stanca e logora. Così ci troviamo di fronte al presidente dei Democratici (Bindi) che si distingue dalla condanna senza se e senza ma dell'aggressione del suo segretario (Bersani).

Qualcuno nel partito la pensa come lei, ma la nota ufficiale del Pd redatta per i giornali recita: "La posizione del partito è chiarissima e univoca: noi tutti abbiamo espresso la massima condanna di ogni tipo di violenza senza se e senza ma, e ogni tentativo di attribuirci posizioni diverse è strumentale e inaccettabile". Ma come? Forse che abbiamo avuto le traveggole? Forse non era Rosy Bindi quella che abbiamo ascoltato a Otto e mezzo pronunciare le seguenti parole: "anche il capo del governo è responsabile di questo clima incivile". E la mattina aveva detto: "Tra gli artefici di questo clima c'è anche Berlusconi, che quindi non può sentirsi vittima. Del resto motivi esasperazione ce ne sono molti, a cominciare dall'incapacità di gestione della crisi economica". Mah. Ad aumentare la confusione arriva Pier Ferdinando Casini (Udc), che prende le distanze dalle affermazioni di Bindi e Di Pietro. Del fronte anti-Silvio dice che è "solo un'ipotesi politica contro le elezioni anticipate" e lui, comunque, ha fatto "una lunga e affettuosa" teelfonata al Cavaliere, perché "le nostre divisioni politiche vengono in ultimo piano. Come conferma Buttiglione, che spiega come "quel che hanno detto di Di Pietro e Bindi non si può davvero commentare". Anche l'Udc prende le distanze. Non lo fa però Travaglio, che a poche ore dall'aggressione al premier scrive sul sito di Beppe Grillo: "Chi l'ha detto che non posso odiare un politico? Chi l'ha detto che non posso augurarmi che se ne vada al più presto? E che il Creatore se lo porti via al più presto?" e poi, ancora: "chi subisce violenza in politica ci guadagna". Il suo giornale, Il Fatto Quotidiano, non trova niente di meglio che minimizzare quanto accaduto in piazza Duomo domenica sera, ricordando in prima pagina - in bella vista - che "Tartaglia resta in carcere al centro neurospichiatrico", mentre nel blog "Piovono rane", di Alessandro Gilioli (del gruppo Espresso-Repubblica) si legge: "Un idiota in cura al policlinico che ha lanciato un souvenir". Poi arriva un dispaccio alle 17.07 che ci dice "non condivido la linea di quanti fanno opposizione contro una persona più che contro una politica, come è avvenuto in questi mesi tramite campagne di stampa e manifestazioni specificamente mirate a colpire il premier. Basta con questo antiberlusconismo, che fra l'altro non aiuta il centrosinistra a fare al meglio l'unica vera opposizione in grado di prefigurare davvero l'alternativa: quella delle idee -conclude Farinone- delle proposte declinate in positivo e volte all'interesse comune". E a parlare è Enrico Farinoni del Pd, non un deputato del Pdl. E noialtri lettori, qui, non ci raccapezziamo più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vidya

    18 Dicembre 2009 - 11:11

    Non avrei nessuna voglia di dare consigli al PD, come si suol dire ognuno sa sbagliare da solo, però oggi mi sento di dire a Bersani che, se vuole essere davvero credibile, dovrebbe proclamare chiaramente che per le prossime elezioni politiche non farà alcun accordo con l'IDV di quel personaggio lunare di Antonio Di Pietro. Perderà le elezioni (le perderebbe comunque) ma creerebbe le premesse per una ricostruzione più verosimile di un centro sinistra riformista di cui in Italia si sente un forte bisogno, malgrado quella che viene giustamente descritta come una fusione mal riuscita conmposta da Peppone e Don Camillo più i catto-comunisti guidati da Donna Rosy che da qualche parte dovranno pur stare. Auguri di buon lavoro e fra una ventina d'anni forse ci saranno dei risultati.

    Report

    Rispondi

  • cribind

    17 Dicembre 2009 - 13:01

    Silvio si comporta da rockstar, dite? intendete, come il Papa quando gli spararono? come Kennedy? come M.L. King? complimenti alla libertà e ai diritti... Cordiale, entusiasta, popolare ... e imprudente, certo, ma non rockstar! e da quando la verità è strumentalizzazione? chi afferma che Berlusconi non è una vittima, è cieco e sordo agli insulti che vengono lanciati a lui ed ai suoi elettori, quotidianamente, continuamente ...

    Report

    Rispondi

  • cribind

    17 Dicembre 2009 - 13:01

    Confermo e riconfermo. Silvio è solo imprudente, ma se qualcuno ripete e riscrive che il premier è un ladro, un evasore, un demente, un pedofilo ... ci sarà sempre il matto che pensa di far del bene accoppandolo. Chissà perchè non se la prendono con Tonino e la Bindi? forse perchè i giornali e la TV a loro non danno addosso!!!! forse perchè i loro nomi non vengono infangati di continuo in pubblico!!! i malati di mente, lo sa bene chi li ha in casa, sono facilmente influenzabili dalla TV e quando vedono un Santoro, cosa devono mettersi in testa se non un atto folle!! Ripeto, l'atto è di un folle, ma a pagare dovrebbe essere chi lo ha incitato. E questo non è certo Silvio Berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • donatellapasseri

    17 Dicembre 2009 - 09:09

    perchè non sa governare.Abbiamo visto i non lontani due anni di governo Prodi.Hanno affossato le pensioni degli Italiani perchè nel gennaio 2007 l'hanno regalate ai 65enni genitori degli extracomunitari regolarizzati che MAI avevano messo piede in Italia.Per non dire dell'allora ministro Bersani atto a beneficiare le coop ad personam.Di Pietro bloccò tutti i cantieri mettendo in mutande l'Italia solo nel pagare le multe.A quanti personaggi scoreggia il cervello!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog