Cerca

Fisco, Berlusconi riparte dal '94

E Tremonti rispolvera il "libro Bianco"

Fisco, Berlusconi riparte dal '94
Silvio Berlusconi, tra gli impegni previsti per il 2010, inserisce anche quello per la Riforma Fiscale. E dice: "Vogliamo ripartire dal progetto di riforma fiscale del '94, due scaglioni al 23 e al 33%". Il vero dilemma è se il ministro del Tesoro, conti alla mano, sia disponibile a tornare al vecchio progetto. Un segnale importante viene dalla pubblicazione, oggi sul sito del ministero, del "Libro Bianco" della riforma fiscale, idea tremontiana della prima ora. 
Un segnale interessante della disponibilità del ministro Tremonti al progetto del premier.
Che intanto assicura: "A breve incontrerò Tremonti per un lungo dialogo: studieremo insieme tutte le soluzoni: quest'anno usciamo definitivamente dalla crisi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ilraccontafiabe

    09 Luglio 2011 - 08:08

    Dopo la sinistra manovra in perfetto stile prodi-bertinotti-visco chi e perche' votera' ancora il centro desta? leggete un po' i commenti su qualsiasi giornale... forse prima di pensare al candidato si dovrebbe pensare agli elettori

    Report

    Rispondi

  • libero

    16 Dicembre 2010 - 13:01

    la santissima trinita' ovvero Padoaschioppa -Visco -Tremonti,attraverso la massima espressione della creativita' italiana ben rappresemtata dal pensiero tremontiano,sta offrendo a tutti gli italiani o meglio sta imponendo ,il nuovo modello di fisco leggero con l'adozione dello spesometro.mezzo quanto mai indispensabile per intensificare piacevolmente il rapparto del cittadino con l'Agenzia delle entrate,rapporto gia' piacevole per tutti.di per se stesso,che sara' non solo un ulteriore strumento di semplificazione ma che apportera' grandi benefici allo sviluppo e all'economia e all'evasione fiscale. Tutto cio' in coerenza alle espressioni vituperatorie e di diniego verso le misure cosi' inique del precedente governo Prodi,che aveva fatto man bassa delle tasche degli italiani...veramente grazie sig.Ministro non poteva creare nulla di meglio ;da lei ci aspettiamo ancora amene e fantasiose creazioni.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    09 Gennaio 2010 - 16:04

    Se si continua a regalare alla parte improduttiva la maggior parte dei soldi prelevati al Nord con tasse da incubo e con percentuali da usura, com'è possibile credere che si possano abbassare le tasse? Se al Sud che evade il triplo del Nord sono stati promessi altri 90 MILIARDI dal ministro Scajola (oltre ai già dati 14.5 al Sud e ai 4.5 alla Sicilia), diventa possibile pensare che ci stiano prendendo per i fondelli. Se al Nord non viene consentito di lavorare, come si fa a credere in un Fisco più giusto? Balle, solo eterne balle.

    Report

    Rispondi

  • strudel9

    09 Gennaio 2010 - 15:03

    Mio marito ed io siamo pensionati e con i nostri introiti aiutiamo anche i nostri due figlioli,una disoccupata,l'altro licenziato,senza protezioni statali,con una figlia minore. Abbiamo tanta fiducia che il governo Berlusconi riesca a mantenere le promesse e,oltre ad aiutare i giovani (anche quelli ormai quarantenni),a trovare lavoro,possa arrivare a lasciare nelle nostre tasche qualche soldo in più,come prima dell'arrivo dell'euro,quando con le nostre pensioni potevamo ritenerci "benestanti".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog