Cerca

Craxi, Frattini visiterà la sua tomba

Il ministro "Fu il primo in Italia a portare in politica l'autentico riformismo"

Craxi, Frattini visiterà la sua tomba
Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, andrà in visita sulla tomba di Bettino Craxi, ad Hammamet. "Ci andrò - ha spiegato - perché sarà l'occasione di ricordare a dieci anni dalla morte un uomo di Stato italiano che ho stimato e che ritengo sia stato l'autore del primo progetto politico di autentico riformismo". E al giornalista di Avvenire che gli domanda delle ultime dichiarazioni di Di Pietro in merito, replica: "Non vada avanti, la prego. DI Pietro non si è mai preoccupato  di fare del male a se stesso e di farlo agli altri. Non intendo parlare di lui".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • benso_ergo_cavour

    12 Gennaio 2010 - 15:03

    Valeria, termini come "schifoso" e "incompetente" tienteli per te, limitati ad attenerti ai fatti, oppure fai il gioco di chi pretende di trovare seminatori d'odio in chiunque osi esprimere un'opinione dissenziente. I fatti sono che un ministro dell'attuale governo (nonchè militante socialista ai tempi di Craxi) sente l'esigenza (impegnando in questo non solo sè stesso, mica ci va in visita privata, ma anche lo Stato di cui è ministro) di andare ad ossequiare la memora di un condannato (dallo stesso Stato di cui ora Frattini è ministro!!!) che ha SCELTO di RIPARARE all'estero per sfuggire a due condanne definitive per corruzione. Craxi mica è stato costretto a fuggire per le sue idee politiche (come invece capitò a molti socialisti sotto il fascismo), ma per palese violazione delle leggi di uno Stato che considerava reato la corruzione. Il controsenso della visita non del Frattini-persona ma del Frattini-ministro sta nell'inconciliabilità della posizione dello Stato in questa vicenda.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    12 Gennaio 2010 - 15:03

    Che Bettino Craxi sia satato un un ottimo politico nessuno lo aveva mai posto in dubbio sino al momento in cui,dietro costui, si notò che a gestire moltissimi posti chiave dell'ex PSI si erano costituiti nutriti gruppi di faccenderos politici dediti ad ogni violazione del Codice Penale per furti,appropriazioni indebita ed altro ancora. Per cui,perchè non si lascia che sia il tempo, al momento opportuno,per esprimere un giudizio che sia al di fuori delle parti. Ogni giudizio dato oggi, mostrerebbe soltanto che cè qualcuno che vuole,per proprio tornaconto, violentare certe verità politiche.

    Report

    Rispondi

  • benso_ergo_cavour

    12 Gennaio 2010 - 15:03

    Piumina, ma cosa dici? Ma di che ti indigni? Craxi costretto a morire fuori dal suo Paese??? Nessuno ce l'ha costretto! E'è lui che ha SCELTO di rimanere LATITANTE in Tunisia, visto che in Italia aveva due condanne definitive per corruzione e sarebbe stato arrestato! Connetti il cervello prima di scrivere! Altro è poi il discorso della sorte più benevola toccata ad altri ancora in attività, pagina vegognosa che ancora chiede giustizia. Ma che un condannato che ripara all'estero per sfuggire alla condanna sia considerato un esule perseguitato... ma insomma... ripulitevi il cervello una buona volta!

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    12 Gennaio 2010 - 14:02

    Un in'incompetente esaltato che va' a "trovare" uno schifoso corruttore che e' MORTO latitante per non finire a marcire nelle patrie galere...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog