Cerca

Consulenze d'oro: nel 2008 spesi 1,59 miliardi

Brunetta: conto in crescita del 20%

Consulenze d'oro: nel 2008 spesi 1,59 miliardi
Conto salato quello delle pubbliche amministrazioni per consulenze e collaborazioni esterne. Nel 2008 - ha detto Renato Brunetta - sono stati spesi 1,59 miliardi di euro per far fare all'esterno lavori che competono alle Pa. I compensi liquidati per il 2008 - spiega il dicastero - confermano l'incremento del 20,26% rispetto all'anno prima, con una crescita del 19,05% al Nord, del 17,79% al Centro, del 28,87% al Sud e del 31,47% nelle Isole. In particolare, le Regioni con una crescita della spesa più elevata sono entrambe al Sud, Basilicata (+52,83%) e Campania (+50,26%). Ma al Sud e al Centro sono anche le tre Regioni che, in controtendenza, segnalano un calo della spesa per tali compensi: Calabria (-18,08%), Marche (-11,62%) e Umbria (-4,4%).

Le cifre del 2009 - Sono 325.012 gli incarichi affidati dalle amministrazioni pubbliche a consulenti o collaboratori esterni nel 2009. L'aumento, rispetto all'anno prima, è del 16,02% ma - osserva il dicastero - la crescita è speculare all'aumento del numero delle amministrazioni che hanno fornito i dati. A livello territoriale, rileva il monitoraggio, si nota che rispetto al 2008 al Nord la variazione è del 10,75%, al Centro dell'8,68%, al Sud del 45,92% (con la Calabria che segna un +79,72%) e nelle Isole del 45,37%. Ci sono però anche Regioni dove il numero degli incarichi affidati agli esterni dalle amministrazioni pubbliche locali è diminuito: si tratta di Marche (-13,85%), Liguria (-13,66%) e Friuli Venezia Giulia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    10 Giugno 2014 - 11:11

    Innanzitutto occorre dire chiaro lettere che se servono CONSULENZE significa che abbiamo dei rappresentanti nel palazzo profondamente IGNORANTI. Già questo la dice lunga sugli emolumenti indecenti da 15.000 Euro in su. In seconda battuta significa anche che i nostri rappresentanti delegano ad altri il loro "lavoro" per nulla-fare infatti sono una massa di fannulloni. PERCHE DOBBIAMO MANTENERLI?

    Report

    Rispondi

  • maam

    16 Gennaio 2010 - 23:11

    A me piacerebbe sapere i costi di tutti gli apparati pubblici. Presidenza della repubblica, presidenza del consiglio, parlamento regioni eccetera. E anche come questi costi variano di anno in anno. Cio che si legge su internet e' abbastanza preoccupante (spero non sia vero).

    Report

    Rispondi

  • occhio

    16 Gennaio 2010 - 11:11

    E' un povero uomo che non ha altro modo x rendersi visibile a l'occhio della gente

    Report

    Rispondi

  • crosta

    16 Gennaio 2010 - 08:08

    Frequentando questo forum, che trovo molto bello, aperto e trasparente, ho avuto modo di imparare cose che non sapevo. Premetto che sono "destroso" ed anche se non posso odiare i dipendenti pubblici perchè me lo vieta il partito dell'amore li manderei (metaforicamente) tutti in miniera per metà dello stipendio assieme (di fatto invece ) a ministri e governanti, anche loro pubblici dipendenti. Ma questo fatto di avere messo una tassa sulla malattia lo trovo davvero odioso! Questi lavorano per una miseria, senza mezzi e spesso vengono messi a fare le mansioni più idiote e rimbecillenti e poi, se si ammalano davvero gli togli pure una parte consistente di quel magro stipendio. D'accordo qualora stiano a casa furbescamente (20 frustate sulla pubblica piazza e licenziamento) ma se uno si becca il raffreddore per davvero credo che in un paese che si voglia definire civile ed avanzato sia davvero una barbarie non riconoscere tale fatto. Non me lo aspettavo dalla destra!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog