Cerca

Berlusconi-Tartaglia, Spataro vuole certezze sulla prognosi

Il procuratore dà mandato a due medici-legali per visitare il premier. L'aggressore trasferito in psichiatria al San Carlo

Berlusconi-Tartaglia, Spataro vuole certezze sulla prognosi
Il procuratore aggiunto di Milano, Armando Spataro, ha disposto una consulenza medico-legale per accertare la prognosi di Silvio Berlusconi dopo l'aggressione da parte di Massimo Tartaglia, l'uomo che ha ferito il premier al volto colpendolo con un souvenir lo scorso 13 dicembre in piazza Duomo dopo un comizio. La consulenza dovrà chiarire la durata della malattia e i tempi di guarigione del presidente del Consiglio oltre alla sussistenza di eventuali postumi permanenti per le ferite riportate al viso. Spataro, come ha scritto martedì Il Fatto Quotidiano, ha incaricato due esperti medico-legali che dovranno visitare Berlusconi.

Intanto oggi Tartaglia, in carcere dal 13 dicembre per aver aggredito Berlusconi, è stato trasferito da S.Vittore al reparto di psichiatria dell'ospedale S.Carlo. Il trasferimento è stato deciso dal Gip Cristina Di Censo in base a una relazione dei medici psichiatri della casa circondariale milanese, dove Tartaglia è detenuto nel centro di osservazione neuropsichiatrica. L'uomo è arrivato nell'ospedale milanese intorno alle 15,30 di martedì 19. I medici che lo hanno visitato in carcere hanno rilevato che Tartaglia attualmente si trova in stato depressivo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giramondo15

    30 Giugno 2010 - 19:07

    QUESTO É IL PIÚ GRANDE SCANDALO GIUDIZIARIO IN ITALIA CHE SOLO IN ITALIA PUÓ SUCCEDERE UNO SMACCO DELLA MAGISTRATURA AL LIVELLO MONDIALE DELLA GIUSTIZIA CHE NON HA NULLA CHE VEDERE CAN LA VERA GIUSTIZIA: IN ITALIA E NEL MONDO INTERO QUESTO É UNA BEFFA BUFFA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • bertrand

    20 Gennaio 2010 - 20:08

    Non il danno "da risarcire" - quello del risarcimento non è un problema del PM ma del giudice se il danneggiato si costituisce parte civile nel processo penale - bensì il danno tout court perché, come ho già detto, gli artt. 582 e 583 del c.p. penale prevedono una pena diversa a seconda della gravità del danno che è ovviamente correlato alla prognosi.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    20 Gennaio 2010 - 19:07

    Appunto avvocato Bertrand, lei dice bene, risarcimento danni. E ribadisco che il PM Spataro ha nominato medici legali al fine di stabilire l'entità dei danni, non certo per contestare la prognosi di questo o quel medico. Lei ricorderà che tanti giudici del lavoro hanno dato ragione al lavoratore che con prognosi di malanno addosso andava persino a giocare a pallone. La legge è come la pelle di zigrino. Spataro vuole sapere se esiste "sfregio permanente" oppure no, al fine di stabilire l'entità del danno da risarcire. Non credo voglia entrare nel merito della prognosi che stabilisce i tempi di guarigione ed il procedimento d'ufficio se superiore ai 20 giorni. Se si interessa vuol dire che sta già procedendo d'ufficio, non le pare? Eppoi non è il medico legale che valuta l'entità e la percentuale del danno? Comunque nessuno mette in dubbio le sue competenze legali avverso cui non metto becco,conoscendo i miei limiti.

    Report

    Rispondi

  • bertrand

    20 Gennaio 2010 - 18:06

    Quanto al comportamento di Spataro, secondo me, è innegabile che le sue priorità ora non sono quelle di contestare ai medici del cav. il reato di falso ideologico o falso in atto pubblico, ma se l'imputazione a Tartaglia rientra nella fattispecie prevista dall'art. 582 c.p. oppure in quella dell'art. 583.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog