Cerca

D'Alema sulla poltrona del Copasir

Martedì il passaggio di consegne. Idv in ansia: pericolo inciucio col Pdl

D'Alema sulla poltrona del Copasir
 D'Alema ha avuto il suo scranno. Martedì sarà nominato ufficialmente nuovo presidente del Copasir, il Comitato per la sicurezza della Repubblica. La nomina è stata anticipata dal presidente usciente, Francesco Rutelli: "Con la designazione di Massimo D’Alema al Copasir in sostituzione di Emanuele Fiano le mie dimissioni diventano esecutive", ha detto. Il Comitato per la sicurezza della Repubblica "si riunirà martedì prossimo per l’elezione del nuovo presidente".  Rutelli resterà comunque membro del Copasir.
Libero-news.itLibero-news.it

Il Copasir finora si è mostrato più interessato a fare le pulci ai magistrati e ai funzionari dello Stato che hanno indagato sui servizi che non all'accertamento della verità



La nomina non piace all'Idv di Di Pietro: sono preoccupati del fatto che la nomina sottintenda un qualche tipo di inciucio del Pd con il Pdl.
«C'è da augurarsi che la nuova presidenza del Copasir sia diversa da quella di Francesco Rutelli, a maggior ragione se a gestirla sarà Massimo D'Alema», ha detto l'europarlamentare dell'Idv Luigi De Magistris, secondo il quale Rutelli «si è mosso in piena identità di vedute con il Pdl».

«Il Copasir finora si è mostrato più interessato a fare le pulci ai magistrati e ai funzionari dello Stato che hanno indagato sui servizi che non all'accertamento della verità. La mia preoccupazione -aggiunge De Magistris- è che non vi sia ancora uno scambio, in un momento così delicato in cui il premier sta piazzando la giustizia al mercato della politica».

Quella di D'Alema, dice De Magistris, è una «candidatura autorevolissima, ma parliamo dell'uomo che in passato ha già lavorato, in Bicamerale, per favorire una trattativa con Berlusconi e una riforma della giustizia che certo non rafforzava la magistratura. E a D'Alema -conclude De Magistris- rivolgo l'invito a tenere d'occhio le deviazioni, neanche troppo coperte, all'interno dei servizi. Occorre un cambio di rotta rispetto alla gestione che lo ha preceduto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • powerinvest

    11 Maggio 2010 - 12:12

    Ora che il Sig. D'Alema ha accesso ai servizi di sicurezza, andrebbe messo un "sorvegliante" che controlli il nuovo capo, perchè è capacissimo di abusare di questa posizione come facevano i comunisti nell'Unione Sovietica. Attenzione! Il Sig. D'Alema fa finta di essere una persona affidabile.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    21 Gennaio 2010 - 17:05

    Ma è proprio una costante!? E' mai possibile che l'onnipresente Baffino debba necessariamente riemergere,quando si tratta di occupare dei posti... per così dire"chiave"?Pare abbia annichilito tutti con le sue... abili strambate marinaresche. Evvai!!!

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    21 Gennaio 2010 - 12:12

    pare non gradisca d'alema, nemmeno io per la verità,persona troppo viscida e falsa. Ma se di pietro non gradisce ha forse paura che qualche anta di qualche armadio si apra e sfugga a d'alema qualche scheletrino?

    Report

    Rispondi

  • dariorubes

    20 Gennaio 2010 - 21:09

    Gli esperti più autorevoli dànno per certo un forte rialzo dei titoli delle aziende produttrici del bianchetto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog