Cerca

Prodi: Delbono, una ragazzata. Bersani: non sono d'accordo

Il professore: "Ma chi comanda ora nel Pd?"

Prodi: Delbono, una ragazzata. Bersani: non sono d'accordo
Carte di credito pubbliche per viaggi privati? Bazzecole. Per Romano Prodi quel che ha fatto il sindaco di Bologna, Flavio Delbono, non è niente di così grave. Aprofittare del proprio ruolo per mantenere un'amante, a Bologna, che sarà. E poi si parla di pochi spicci, mica di grandi cifre, come se il problema del sottrarre fondi pubblici fosse nella dimensione e non nell'atto.  Il ritorno del Professore sui giornali è segnato da questa brillante affermazione: "Prima di tutto, analizziamo la  dimensione del problema. Di cosa si sta parlando? Non si distrugge la  vita di un uomo, come è accaduto in questi giorni, per una storia  come quella, per una manciata di euro...".
Libero-news.itLibero-news.it

Sa cosa mi  dispiace, soprattutto? Vedere che ormai sembra sempre più debole  la ragione dello stare insieme



Romano Prodi lo dice alla moralista e rigida La Repubblica, che in questo caso però soprassiede.  "Certo -ammette Prodi- doveva  essere più accorto. Ma in questi giorni nessuno si è limitato a dire questo: gli hanno dato del delinquente, invece. Hanno parlato di  limite etico travolto. Eppure altrove, per altri amministratori locali di centrodestra che ne hanno combinate di tutti i colori, nessuno ha  gridato allo scandalo, e si è mai sognato di chiedere le dimissioni.  Allora queste cose le vogliamo dire sì o no?". A chi Prodi faccia riferimento non è dato sapere. Resta la doppia morale del Pd.

 "Ma anche le dimissioni, vede, confermano la differenza di stile di Delbono: ha compiuto un atto di responsabilità verso la città.  Ora sarà più libero di dimostrare la sua innocenza, della quale -  sottolinea l’ex premier - sono non sicuro, ma sicurissimo. Non era  obbligato a dimettersi, ma l’ha fatto. Ha messo il bene comune sopra a tutto, prima delle convenienze personali. Chi altri l’avrebbe fatto?  La Moratti, forse?".

Picconata al Pd-
Chi comanda, dunque, nel Pd? La domanda resta inevasa. Il Professore sa che per la successione alla carica di primo  cittadino si fa proprio il suo nome: "Ma non ci pensi neanche un  momento... Gliel'ho già detto: in politica o si sta dentro, o si sta  fuori. E io dentro ci sono già stato anche troppo. Mi riposo, leggo,  studio molto, faccio le mie lezioni qui in Italia e in Cina. E sono  sereno così". A chi lo indica come il salvatore della patria replica  secco: “Eh no, salvatore della patria no. Va bene una volta, va bene  due volte, ma tre volte proprio non si può. Grazie tante, ma abbiamo  già dato". "Sa cosa mi  dispiace, soprattutto? E’ vedere che ormai sembra sempre più debole  la ragione dello stare insieme". 

Bersani: non sono d'accordo- "Per Prodi ho un affetto e un rispetto inattaccabili, anche quando gli si attribuiscono cose sulle quali posso non essere d'accordo". Pierluigi Bersani, commenta così le parole di Romano Prodi.

"Delbono ha compiuto un gesto veramente apprezzabile, che testimonia di una persona e una città - dice Bersani - Paese che vai, usanze che trovi; ci sono posti dove esistono altre logiche, ma non lì a Bologna. Un amministratore che dice 'prima la citta è qualcosa che ci invita a riflettere: prima di tutto la città, prima di tutto l'Italia, chi governa deve rispettare il Paese". Nel frattempo a Bologna si va a grandi passi verso il voto anticipato. Lo chiede il Pd locale e il ministro dell'Interno, Roberto Maroni si dice "disponibile" in caso di richiesta "unanime".



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sarafra

    01 Febbraio 2010 - 10:10

    Noto che come qualsiasi persona onesta ha difficoltà a collocarsi in un area politica.Succede anche a me ,è necessario optare per il male minore.Le confesso che dopo tangentopoli ho avuto simpatia per l'IVD,ma poi ho letto il libro di Filippo Facci sull'ex PM e mi è sopraggiunto il magone per aver buttato alle ortiche il mio voto.Quanto all'ex Premier la sua onestà intellettuale eil suo operato è noto a tutti e ciascuno a seconda delle proprie conoscenze ed esperienze può giudicare.C'è da augurarsi che non ci si pronunci x appartenenza ideolgica ma che si sia in grado di discernere in autonomia.Per i casi delle svendite Cirio,Alfaromeo, telecom Serbia,non rappresento la fonte cui attingere.Lei,che è esperto di internet ha modo di frugare..troverà materiale interessante e chiarificatore. La saluto

    Report

    Rispondi

  • mab

    31 Gennaio 2010 - 13:01

    SPIEGANO TUTTO

    Report

    Rispondi

  • amarte40

    30 Gennaio 2010 - 23:11

    Ma caro Romano, non fai prima ad ammettere che stai con la sinistra perchè con loro ti ci sei arricchito??????? Nomisma ecc.. A chi hai venduto tutti i gioielli dell'IRI?? a quali prezzi??? Che ce ne fregava a noi della Telecom Serbia??? Solo per dare soldi ad un dittatore come Milosevic che dopo D'alema ha fatto bombardare????

    Report

    Rispondi

  • tajariol

    29 Gennaio 2010 - 13:01

    Ma Prodi parla ancora ? ciò che avrebbe detto sul caso Delbono ("una ragazzata") è il solito ritornello e giustificazioni dei compagni "E' un compagno che ha sbagliato"; mi spiace riconoscerlo ma Bersani ha fatto bene a non essere d'accordo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog