Cerca

Governo sotto alla Camera sul ddl lavoro. Troppi assenti

Passa un emendamento del Pd che convoglia risorse sui ricercatori universitari assunti

Governo sotto alla Camera sul ddl lavoro. Troppi assenti
Governo battuto alla Camera su un emendamento al ddl lavoro sull'università firmato dal Pd. Il governo aveva dato parere contrario, ma viste le assenze nei banchi della maggioranza, l'emendamento è passato.

Al netto dei deputati in missione, la cui assenza era quindi prevista e giustificata, in totale 72, al Pdl sono mancati 57 voti, pari al 21%, gli assenti della Lega erano 10, 16%, anche uno dell’Mpa. Tra i deputati più noti che non hanno partecipato al voto ci sono Niccolò Ghedini, Gabriella Carlucci, Stefano Caldoro, Denis Verdini, Lucio Stanca, Italo Bocchino, Antonio Martino. A causa delle assenze i partecipanti al voto erano in totale 436, pari al 69%. Hanno votato a favore dell’emendamento su cui il governo aveva dato parere contrario tutti i gruppi di opposizione, Pd, Idv e Udc, in totale erano 222, per la maggioranza i voti sono stati 214.

L'emendamento sopprime alcune norme contenute nel decreto sul diritto allo studio, la valorizzazione del merito e la qualità del sistema universitario e della ricerca. La proposta, in sostanza, stabilisce che le risorse a disposizione delle università grazie ai pensionamenti vengano utilizzate per assumere ricercatori a tempo indeterminato e non per attivare i contratti di ricerca introdotti dalla legge Moratti nel 2005.

La seduta in aula è stata sospesa. La sospensione è stata chiesta dalla maggioranza. Il presidente della commissione Lavoro di Montecitorio ha spiegato che era necessario "valutare in Comitato dei Nove gli effetti determinati sul testo dall’approvazione dell’emendamento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • drugo98051

    28 Aprile 2010 - 18:06

    se andavano a votare non passava nemmeno questo... l'unica cosa che passa in questo governo sono le leggi pro bastardo, guarda caso hanno appena sistemata il lodo alfano!!

    Report

    Rispondi

  • drugo98051

    28 Aprile 2010 - 18:06

    guarda caso passa un buon disegno di legge, e la maggioranza è contraria!

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    10 Febbraio 2010 - 16:04

    non si stupisca, nel PDL la presenza massiccia è obbligatoria solo quando c'è da risolvere i problemi del Prenier, quando si tratta dei porblemi del Paese vige il principio della libertà di partecipazione.

    Report

    Rispondi

  • pdl_pa

    29 Gennaio 2010 - 17:05

    Non riesco davvero a capire la logica. C'è da approvare qualcosa di importante per la nostra destra di governo e questi dipendenti pubblici possono darsi assenti ingiustificati? Ma il ministro brunetta non aveva varato misure punitive per i fannulloni? Sta a vedere che valgono solo per coloro che prendono meno di 1.500 euro al mese! Signori noi vi abbiamo votato per fare leggi nel nostro legittimo interesse, secondo quanto promessoci in campagna elettorale, e non per operare tagli al nostro stipendio mentre voi ve lo guadagnate facendo gli assenteisti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog