Cerca

Di Pietro stringe la morsa

In Puglia De Magistris chiede l'alleanza a Vendola e in Campania boccia De Luca. Così l'Idv mina il Pd

Di Pietro stringe la morsa
Prima fu il Lazio. Dopo il caso Marrazzo, il Pd ben pensò di distogliere l'attenzione da Brenda and Co correndo con i radicali e candidando Emma Bonino alle regionali.
Poi venne l'Idv: in ben 11 regioni il Pd si è alleato al partito dipietrista per cercare di vincere sul Pdl. Noi di Libero titolammo "Ammanettati a Di Pietro" e qualcuno arricciò il naso. In Campania si è deciso che correrà De Luca, (senza primarie, e forse è un bene dopo il disastro pugliese) e De Magistris subito c'ha messo becco: "Nome improponibile", ha dichiarato senza possibilità d'appello. E mentre ha bocciato il candidato Pd, ha pure fornito  l'ennesima conferma della morsa che, lentamente, Di Pietro e i suoi stanno stringendo intorno al Pd.
Che dimostra di non accorgersi di nulla, troppo preso dalla crisi che da tempo lo sta investendo.

Sono le parole di Luigi De Magistris, pronunciate questa mattina, a dare il sigillo definitivo a quest'alleanza sempre più pericolosa (e ancora non è ben chiaro per chi): "Stiamo lavorando insieme per costruire un'alternativa al berlusconismo, che ha infettato anche la sinistra. Diciamo no alle alchimie politiche fatte nei salotti e sì a una convergenza che parte dal popolo". De Magistris, a margine della presentazione del libro-intervista "Giustizia e potere", ha così ipotizzato un'alleanza con Nichi Vendola anche in Puglia. "Io, Di Pietro, Vendola e chi vorrà partecipare. Mettiamo in atto un grande movimento popolare basato su questione morale e questione culturale".  E se è vero che Vendola ha rotto con i suoi proprio pochi giorni fa, è anche evidente come l'Idv non si lasci scappare proprio nessuno. L'importante è esserci e per vincere, a questo giro, l'Italia dei Valori dimostra di non avere remore. Si corre con chiunque, a prescindere, con l'obiettivo dichiarato di abbattere "il partito di Berlusconi" e quello, mascherato, di diventare il nuovo partito leader della gente che a destra non sta. "Voglio costruire una alternativa non solo a Berlusconi ma al "berlusconismo" che è una patologia che ha infettato anche parte della sinistra", ha detto l'ex pm.  "A me non basta la questione morale, dobbiamo sconfiggere un modello subculturale che nacque con Craxi. Non è casuale l'operazione di riabilitazione di Craxi perchè delegittima Mani pulite e significa riabilitare anche Berlusconi". Insomma, vecchia storia, alleanze nuove.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • venaria

    18 Dicembre 2010 - 00:12

    MA E POSSIBILE CONTINUARE AD ASSISTERE AL COMPORTAMENTO DI UN SERPENTE VELENOSO COME DI PIETRO?IERI SERA ERA DA SEDARE , COL SANTORO CHE GODEVA,MA, QUANDO SI DECIDERANNO CHE E PERICOLOSO?

    Report

    Rispondi

  • claudio66

    01 Febbraio 2010 - 11:11

    nel mio quartiere c'era, anni, fa un droghiere che si chiamava dino. siccome è andato in pensione.....sostituiscilo tu che hai il prosciutto negli occhi

    Report

    Rispondi

  • claudio66

    01 Febbraio 2010 - 11:11

    beh almeno l'idv segue una logica condivisibile. Mentre il PDL ripropone le veline (la questione veronica è chiusa) il PDMENOELLE ripropone un indagato a salerno l'IDV - NO io personalmente voterò il movimento 5 stelle, ho letto il programma e lo trovo molto interessante, credo fermamente in un cambiamento lento e dal basso. i partiti sono morti, gestiti da morti, votati da morti. gente che si fa parlare alla pancia e non fa caso alle promesse mancate, agli abusi di potere e alle leggi per la casta.

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    01 Febbraio 2010 - 10:10

    Ma qui di disquisisce di cosa signori?Ah che un partito minoritario dia le sue condizioni al partito alleato maggioritario?E dove sta la notizia?lo scandalo?Sapete cosa è la politica?Oh capisco, la vostra visione della politica da quando è sceso il Silvio in campo è stata molto snaturata, certo....cose come il dialogo, la concertazione, le riunioni, le decisioni del collettivo non sanno cosa sono nel partito dell'AMMORE.....ahahahah ma andate a giocare sull'autostrada va..........io voto PD, Di Pietro non durerà all'infinito, speriamo che De Magistris non si faccia troppo inquinare dalla malapolitica italiana....percui che ognuno faccia i suoi ragionamenti, a me non mi incantate!saluti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog