Cerca

Affari di famiglia

Palazzo Canova a Milano 2 appartiene in gran parte alla Lario. Il resto è del premier. Che ha tutto l'interesse a tenerselo stretto

Affari di famiglia
di Franco Bechis-

Gli atti sono stati firmati fra il 9 marzo e il primo aprile 2009, poche settimane prima che scoppiasse il caso Noemi che ha fatto deflagrare il matrimonio della coppia più nota di Italia. Eppure pochi giorni prima sia Silvio Berlusconi che la sua consorte, Miriam Bartolini in arte Veronica Lario, hanno chiuso uno dei più importanti affari immobiliari del 2009: l’acquisto di palazzo Canova e di alcuni uffici contigui a Milano 2. Probabilmente non sapendo l’uno che cosa faceva l’altro, Silvio e Veronica si sono trasformati in pochissimo tempo in due separati in ufficio. Il colpo grosso l’aveva messo a segno lei, con la sua Finanziaria Il Poggio, rilevando la maggiore parte del palazzo di Segrate, all'interno del complesso immobiliare denominato «Centro direzionale Milano 2». Otto piani, con  94 porzioni immobiliari in parte utilizzate come uffici in parte come esercizi commerciali: supermercati ( Il Crai) e un american wine bar di grido.
A vendere il 31 marzo del 2009, è stato Marco Tronchetti Provera, attraverso il fondo immobiliare  “Patrimonio uffici-fondo speculativo di tipo chiuso”, controllato dalla sua Pirelli real estate. La firma all’accordo è stata messa davanti al notaio Filippo Laurini di Milano, e il successivo primo aprile è stata iscritta ipoteca volontaria in base a un contratto di mutuo da 20 milioni di euro di capitale  stipulato tra la società e la Banca popolare di Sondrio. Somma che Veronica si è impegnata a restituire in 80 rate trimestrali posticipate con tasso al 2,85% e valutazione complessiva dell’affare in 34 milioni di euro. Sfortuna vuole che la proprietà di Veronica sia circondata- e non è così inusuale a Milano 2- da porzioni immobiliari in possesso proprio del coniuge da cui ora vorrebbe divorziare. A dettare legge in zona ci sono infatti due immobiliari che fanno capo indirettamente proprio a Silvio Berlusconi (attraverso la Dolcedrago): l’Immobiliare Idra e l’Immobiliare due ville.

Quest’ultima, proprio in via Fratelli Cervi a Milano Due, è riuscita perfino a strappare alla vendita che si stava per fare a Veronica un ufficio da 3,5 vani nello stesso palazzo più altre piccole porzioni immobiliari, garage compresi. E lo ha fatto proprio a fine marzo scorso. Il risultato è che ora volenti o nolenti i coniugi pronti a divorziare potranno avere due cuori, ma uno stesso ufficio. O comunque per andare in ufficio dovranno varcare la soglia dello stesso ingresso. Naturale che lei, proprietaria del 90% dell’immobile, vorrebbe oggi conquistare la parte che manca. Ma con il clima che corre fra i coniugi, lui non molla la presa. E ha partita naturalmente facile. Il manager di fiducia di Veronica, amministratore unico della Finanziaria Il Poggio, è infatti Giuseppino Scabini, uno dei più fedeli dirigenti cresciuti alla corte di Berlusconi. È stato per anni il tesoriere ufficiale della Fininvest, e per Silvio si è immolato anche in più di un processo, in cui lo hanno accusato di avere costituito conti e fondi neri per pagare tangenti. Ora ha le chiavi di casa di Veronica e l’ultimo suo pensiero è quello di imbarcarsi in una guerra contro le immobiliari di Silvio. Che dal loro canto non hanno alcuna intenzione di levare le castagne dal fuoco alla signora, rilevando il resto del palazzo e accollandosi l’oneroso mutuo. Anche a Milano due, intorno a palazzo Canova, si gioca dunque la guerra dei Roses-Berlusconi. Che rischia di avere una sua appendice perfino in banca. Silvio e Veronica hanno infatti ciascuno un conto bancario fra i più rilevanti intestati alla persona fisica alla stessa agenzia di Banca Intesa, quella di piazza Duca d’Aosta contigua alla stazione centrale di Milano. Per fortuna almeno lì raramente ci vanno di persona.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maialina2

    08 Febbraio 2010 - 07:07

    TU NON IMPORTA CHE TI FACCIA PROCESSARE FUOR DI TESTA COME SEI NON TI RIMANE CHE CASA DI CURA DI IGENE MENTALE

    Report

    Rispondi

  • gmarcosig335

    07 Febbraio 2010 - 01:01

    Questi sinistri visto il loro completo tramonto, ora lo vedono dappertutto. Alle prossime elezioni, il dipietro gli risucchia altri 3/4 punti percentuali, il Centro Destra e la Lega avanzeranno ancora come consensi, il Bersani farà la fine di Veltron e Franceschiello, si capisce il loro vedere nero. Il tramonto lo avrà Zapatero il vs idolo, matrimoni gay ecc... Per quanto riguarda la Veronik vedrà il tramonto dei suoi sogni, escluso i figli che Berlusconi ha già sistemato, la madame avrà la sua liquidazione e dovrà abbassare oltre che gli occhi anche le sue pretese, magari chiedere la cittadinanza a Londra, dove nessuno la conosce.

    Report

    Rispondi

  • mauro.pisoni

    04 Febbraio 2010 - 16:04

    Credimi io sono davvero dispiaciuto. Dispiaciuto nel notare che alla fine della fiera, alla gente...no...ai sostenitori dell'attuale capo della maggioranza, probabilmente non interessa nulla di quelli che possono essere i problemi che potrebbero potenzialmente mettere "in mutande" anche loro. Siamo un paese sulla via del tramonto: - il debito è (quasi) una volta e mezza il PIL, - la disoccupazione aumente vertiginosamente - le piccole e medie imprese falliscono o sono costrette a chiudere - le tasse non diminuiscono, e, ciò che è peggio, non se ne vedono i frutti...potrei andare avanti con molti altri...magari loro sono tutti così fortunati che tutti questi problemi non li sfiorano minimamente, e quindi si possono permettere di disquisire del patrimonio dei soprascritti, quando non si domandano nemmeno "ma in questa legislatura (finora, ovviamente), cosa ha fatto la maggioranza di concreto, per il popolo?"

    Report

    Rispondi

  • fiscadr

    04 Febbraio 2010 - 10:10

    In fondo alla stragrande maggioranza degli italiani non gliene strafotte il classico organo riproduttore maschile di niente delle proprietà della signora Bertolini/Lario o di suo marito Silvio, impegnati come sono con problemi di scarso o nullo stipendio, con figli da mantenere, con mutui iperbolici da pagare su case men che modeste, e con la terza o quarta settimana del mese da far quadrare. Quelli sono fatti loro, se li sgavagnino in silenzio senza fare tanto casino, tanto nessuno dei due andrà in miseria o morirà di stenti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog