Cerca

Ddl Valentino, Alfano "Sono contrario"

Anche il procuratore Ingroia teme l'effetto devastante sulla lotta alla mafia

Ddl Valentino, Alfano "Sono contrario"
Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, sollecitato dalle critiche dell'opposizione al ddl Valentino, ha precisato di essere «assolutamente contrario» al disegno. Quella del senatore, spiega il Guardasigilli, «è una iniziativa personale. E' fuori dal programma di governo, non fa parte dei progetti del governo, non è avvallata dal governo e non se ne è discusso con la coalizione».

Il ddl Valentino - Il testo, presentato ieri dal senatore del Pdl, Giuseppe Valentino, e oggi all'esame della Commissione Giustizia di Palazzo Madama, prevede che la chiamata in correità da parte di un imputato non abbia il valore di prova in assenza di riscontri oggettivi. Di conseguenza se due di tre esponenti di un'associazione mafiosa accusassero il terzo di aver commesso reati da loro stessi confessati, servirebbero comunque dei riscontri oggettivi affinché le loro accuse possano venire considerate prova.

Le reazioni di Pd e Idv - Pd e Idv si oppongono al disegno di legge, spiegando che la sua applicazione «diventa praticamente impossibile nei processi di mafia, nei quali trovare riscontri oggettivi alle confessioni di qualcuno è sempre un'impresa molto ardua».
Libero-news.itLibero-news.it

L'azzeramento totale della lotta alla mafia

 
Per Gianrico Carofiglio, magistrato e senatore del Pd «così si torna agli anni Sessanta, è l'uccisione e l'azzeramento totale della lotta alla mafia. Queste norme infatti spazzano via più della metà dei processi pendenti di mafia». Per quanto riguarda l'effetto del ddl sui pentiti, Carofiglio osserva: «Già ce ne sono pochi ma sapendo in anticipo dell'introduzione di trabocchetti e tagliole, nessuno avrebbe più il coraggio di parlare».

Un colpo di grazia - A margine del processo Mori, il procuratote aggiunto Antonio Ingroia ha parlato di «effetto devastante» del disegno di legge sui collaboratori di giustizia. Il ddl segnerebbe «un'inversione di tendenza con tutti i principi dell'antimafia dagli anni Ottanta ad oggi. Rischia di essere un colpo di grazia definitivo a tutto l'impianto della validità probatoria delle dichiarazioni su cui si è fondato il maxiprocesso di Falcone e Borsellino e così via». Insomma, per Ingroia, «si rischia di introdurre una breccia all'interno della legislazione antimafia che potrebbe travolgere anni e anni di lavoro», con pesanti conseguenze su tutti i processi in corso, persino su quelli già chiusi con sentenza definitiva: «infatti, si aprono insperate aspettative per i mafiosi oggi con tanti ergastoli alle spalle, che possono invocare una revisione del processo e delle sentenza sulla base delle quali sono stati condannati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • troleo

    03 Febbraio 2010 - 00:12

    Angelino Alfano sbaglia a non essere d'accordo sul ddl Valentino,non e possibile che in un paese democratico, basta che 3 pentiti o collaboratori di giustizia ripetano le stesse cose che queste diventino una prova. Quanto dichiarano questi personaggi, al massimo si può utilizzare come notizia di reato,ma diventa prova dopo avere trovato dei riscontri reali di fatto di quanto viene dichiarato,cioè riscontri cartacei, di reale presenza degli interessati in posti e tempi riferiti,con altre testimonianze confermative di persone senza dubbi di complicità o altro.

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    02 Febbraio 2010 - 16:04

    Solo degli idioti possono ancora dare retta a sto gregge di pregiudicati e delinquenti....

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    02 Febbraio 2010 - 14:02

    Certo che sono proprio dei grandi questi qui del governo: sembra sempre che cascano dalle nuvole.....ci provano sempre eh?!?Una volta è la deregolamentazione della caccia, un'altra sono fantasiosi provvedimenti in materia fiscale, altri giudiziaria....ma io dico: sti cazzoni super-pagati per lo più fancazzisti, ma daranno conto a qualcuno delle immani stronzate che fanno?altro che magistrati, qui c'è da fare una tabula rasa su tutti i livelli!Siamo al ridicolo.............IN PARLAMENTO/SENATO DOBBIAMO ESSERE NOI CITTADINI A DECIDERE CHI ENTRA E CHI NO, NON IL PALAZZO!!!!!!!bastaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

blog