Cerca

Eluana, Berlusconi: "Dovevo evitare la sua morte"

Il premier scrive una lettera alle suore di Lecco. Fini: "Era meglio tacere"

Eluana, Berlusconi: "Dovevo evitare la sua morte"
Dopo un anno dalla scomparsa di Eluana Englaro, il premier Silvio Berlusconi scrive una lettera alle alle suore Misericordine di Lecco, che per 14 anni hanno curato Eluana Englaro. “Carissime sorelle, è trascorso ormai un anno dalla scomparsa di Eluana Englaro. Vorrei ricordarla con voi e condividere il rammarico e il dolore per non aver potuto evitare la sua morte”. Il messaggio è stato recapitato alle sorelle dal ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, che si è recato alla casa di cura Beato Talamoni per un incontro riservato.

Il premier, nel messaggio, ringrazia le suore per “la discreta e tenace testimonianza di bene e di amore” che hanno dimostrato negli anni. “I gesti di cura - si legge nella lettera del premier- che avete avuto per Eluana e per tutte le persone che assistete lontano dai riflettori e dal clamore in cui invece sono immerse le nostre giornate, sono un segno di carità, un esempio da seguire per me e per tutti noi che abbiamo la responsabilità di governare il nostro amato Paese”. Il messaggio del premier si chiude con la richiesta alle suore Misericordine: una preghiera speciale per l'Italia affinché “ritrovi pace e serenità nella vita pubblica e in quella privata di ciascuno di noi”.


Fini - "L'anniversario della morte di Eluana Englaro poteva essere vissuto in modo diverso. Potevano evitarsi le strumentalizzazioni della vicenda". Così Gianfranco Fini sul triste caso di Eluana. "Avrei sperato che tutti tacessero".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mauro.pisoni

    10 Febbraio 2010 - 14:02

    "Tacere" dovrebbe dirlo a Silvio, che in questo caso (e non solo, ma vabbè.) ha parlato a sproposito. E Fini credo a lui si riferisse.

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    10 Febbraio 2010 - 13:01

    e non cadere nella trappola di chi, strumentalizzando una vicenda umana dolorosissima, cerca accrediti presso qualche suorina. Il problema è troppo serio per discutere sulle esternazioni di un televenditore megalomane.

    Report

    Rispondi

  • antari

    10 Febbraio 2010 - 13:01

    potrebbero benissimo risponderti cosi': "non e' che Berlusconi debba fare quello che vuoi tu!" O anche: "si aveva detto che l'avrebbe fatto, ma poi i suoi avvocati gli hanno consigliato che non conviene essere troppo innovativi sull'argomento." O anche: "rosica quanto vuoi, ti tocchera' sopportarlo fino al 2013 e sicuramente anche dopo!" Ora stop, altrimenti mi sento male, pero' chi se la sente puo' fare un bel temino utilizzando i tre punti che ho segnalato XD

    Report

    Rispondi

  • mauro.pisoni

    10 Febbraio 2010 - 12:12

    E naturalmente la tua è l'unica risposta possibile alla domanda posta :) p.s. NATURALMENTE qualora ve ne fossero di diverse e argomentate, ben felice di leggerle e, laddove utile, discuterne.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog