Cerca

Niente multe a chi causa valanghe

L'ira di Bertolaso: "Interessi economici anteposti alla salute umana"

Niente multe a chi causa valanghe
Chi causa valanghe per inesperienza o stupidità, mettendo a rischio la vita di persone, può continuare a stare tranquillo. L'emendamento al dl emergenze che conteneva nuove sanzioni (da 500 a 3mila euro) per chi, sciando fuoripista, causa valanghe o in generale causa pericolo per l’incolumità pubblica è stato trasformato dall’Aula del Senato in un ordine del giorno.

Il disappunto di Bertolaso -
Una scelta a sopresa che non è piaciuta affatto al sottosegretario Guido Bertolaso. "Dopo che alcuni soccorritori hanno perso la vita - ha dichiarato il capo della Protezione Civile - tutti chiedevano misure restrittive rispetto al comportamento inadeguato in montagna. Una norma che cominciasse a limitare escursioni quando è certificato un alto rischio valanghe poteva essere un buon modo per evitare ulteriori morti in futuro".
"Prendo atto - ha concluso Bertolaso - che ci sono interessi economici e corporativi anteposti alla salute umana. Mi devo adeguare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    10 Febbraio 2010 - 11:11

    E se lo dice anche l'Amico Bertolaso..

    Report

    Rispondi

  • blues188

    10 Febbraio 2010 - 11:11

    Si è già messo a fare il ministro? Con le conseguenze negative e i grossi limiti del caso... Il nostro eroe ha taciuto per i romani che sono sepolti sul Gran Sasso ma si ricorda di quelli che hanno causato la morte dei soccorritori al Nord. Ma allora i soccorritori cosa ci sono a fare? la calza? Casomai sarebbe bene aumentare la loro professionalità con incentivi, non sparare multe pensate a casaccio. Perché una vita varrebbe molto di più dei 500 o 3000 euro richiesti. Ora che la Lombardia ha portato a casa i primi feriti per curarli nei nostri ospedali edopo essere stata la prima a inviare immediatamente materiale e uomini ad Haiti senza aspettare il 'futuro' ministro che si è mosso con tutta calma, non ha ritenuto opportuno fare i complimenti a Formigoni e alla sua squadra. Che sia invidia? Se è così fa nascere un bel sorriso

    Report

    Rispondi

blog