Cerca

Salta la Protezione Spa

Stop al decreto per trasformare l'ente guidato da Guido Bertolaso in una società per azioni. Bossi e Letta d'accordo. Plauso anche dall'opposizione

Salta la Protezione Spa
Alla fine la Protezione Civile resta pubblica. Il governo, per voce di Gianni Letta, ha deciso di stralciare dal decreto emergenze il capitolo riguardante la trasformazione della Protezione civile in una società per azioni. Lunedì mattina persino Umberto Bossi, dopo il coro di no dall'opposizione, ha dichiarato: «Abbiamo una bella Protezione civile con migliaia di persone. Non deve diventare una Spa, non deve sparire». Il leader della Lega ha anche dato ragione al collega Giulio Tremonti, che " già tempo fa aveva avvisato di non andare in quella direzione e aveva ragione perchè in quel modo non hai nessun controllo e poi nascono i pasticci». «In politica - ha concluso Bossi - i controlli ci devono essere».

Soddisfatto Dario Franceschini, capogruppo Pd alla Camera. Lo stralcio dell'articolo 16 del maxi emendamento che doveva trasformare la Protezione civile in Spa "è una vittoria dell’opposizione ed è una vittoria delle esigenze di trasparenza oggi necessarie".

Sarà lo stesso Guido Bertolaso a illustrare in commissione Ambiente alla Camera il provvedimento sulla Protezione civile che comincia martedì il suo iter a Montecitorio. La commissione Ambiente della Camera si riunirà alle 10.30 per la discussione generale e alle 12 scadrà il termine per gli emendamenti che saranno votati in giornata.


Bertolaso e i festini: non c'entro - Lui, con festini e tangenti, non c'entra. Bertolaso ha ribadito di non conoscere Monica, e di aver avuto da Francesca solo massaggi  «regolari». Monica, la giovane brasiliana sospettata di avere avuto rapporti sessuali con Bertolaso nel Salaria Sport Village di Anemone, avrebbe fatto alcune ammissioni. E dalle intercettazioni si capisce che è stata "assoldata" per trascorrere un paio di ore da sola con Bertolaso tra saune e bagni turchi. Ma lui nega. «Non conosco questa signora, né ci sono stati mai con lei appuntamenti di qualsiasi genere», ha detto Bertolaso replicando a questa indiscrezione, come riferisce il suo avvocato Dinacci. Il quale aggiunge che «se qualcuno ha reso diverse dichiarazioni davanti all'autorità giudiziaria, fermo restando la massima fiducia nella magistratura, se ne assumerà la responsabilità».
Libero-news.itLibero-news.it

Alcuni degli interventi che ho realizzato... sarei stato lieto di concluderli con il Presidente Prodi" cosa che fu impedita dalle risse del governo di centrosinistra.



Tra oggi e domani è attesa la decisione del gip di Firenze Rosario Lupo sulle istanze di scarcerazione presentate dagli indagati dopo i loro interrogatori: solo Balducci e Della Giovampaola hanno ribattuto alle accuse, mentre Anemone e De Santis (quest'ultimo recluso a Milano, gli altri tutti a Roma) si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Oggi il gip dovrebbe acquisire il parere dei pubblici ministeri e quindi pronunciarsi sul punto. I tre indagati detenuti a Roma sono usciti dall'isolamento. Alcuni, come Balducci, hanno incontrato i propri difensori e fornito indicazioni per l'acquisizione di documenti da loro ritenuti utili per la difesa. Gli avvocati stanno predisponendo memorie difensive e nuove istanze di scarcerazione da presentare al Tribunale del riesame. Ma quale? Non è ancora chiaro, infatti, quale ufficio giudiziario diventerà titolare dell'inchiesta.

Le risposte a Repubblica - Intanto Guido Bertolaso ha risposto alle dieci domande postegli da Eugenio Scalfari su Repubblica. In una lettera al quotidiano replica anche all’accusa implicita di essere uomo del governo Berlusconi più che dello Stato. Se il suo operato ha aumentato il consenso del governo Berlusconi, dice Bertolaso, non è colpa sua: avrebbe fatto altrettanto con il governo Prodi. E non è colpa sua se Berlusconi è "l'unico collante" del centrosinistra.

"Ripeto di essere un servitore dello Stato" scrive il capo della Protezione civile. "Il che non vuol dire che non sia al servizio del Governo... Se la Sua vera domanda è: "Si è reso conto che il suo operare ha creato situazioni che possono aver contribuito al consenso nel Paese dell’attuale Presidente del Consiglio?" rispondo di essermene accorto". Ma "ho già detto che alcuni degli interventi che ho realizzato... sarei stato lieto di concluderli con il Presidente Prodi" cosa che fu impedita dalle risse del governo di centrosinistra.
Libero-news.itLibero-news.it

è un problema del centro sinistra italiano, non dello Stato, non riuscire a fare a meno di questo Presidente



"Spiacente, ma non è un mio problema considerare che per "Stato" si deve intendere "l'Italia senza Berlusconi"" afferma Bertolaso; "è un problema del centro sinistra italiano, non dello Stato, non riuscire a fare a meno di questo Presidente", Berlusconi, perché‚ "unico collante buono a tenere insieme forze politiche che, quando non trovano accordo su questo comune bersaglio, danno regolarmente vita alla fiera del fuoco amico".

Quanto all’incompatibilità "assoluta" di cui scriveva Scalfari fra la carica di sottosegretario di Stato e quella di direttore del Dipartimento della Protezione civile, Bertolaso replica: "Mi sono battuto sempre perché‚ la competenza della Protezione Civile fosse propria del Presidente del Consiglio" per evitare che nei momenti di crisi un ministro si trovasse a coordinare altri ministri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marino43

    16 Febbraio 2010 - 11:11

    Ho l'impressione che si stia confondendo le cose. Quando si parla di protezione civile, secondo me, si dovrebbe fare una netta distinzione tra colro che operano e coloro che gestiscono.Qui si stanno inquisendo coloro che gestiscono e si spartiscono le prebende, i favori, le escort, i posti di lavoro, le società. Altra cosa sono gli operatori della Protezione Civile, quelli che si sporcano le mani, quelli che scavano con le mani, quelli che piangono per non aver potuto salvare una vita o che piangono di gioia per averla salvata, quelli che non dormono per notti intere. Questi non vanno a puttane,a questi non si regalano BMW, un salotto per la villa. Questi non vengono intercettati!! A questi basta la consapevolezza di avere ben operato e forse un applauso, un grazie.Mentre questi fanno grande il nostro Paese, quelli sbevazzano champagne, si distribuiscono milioni di euro.Ma perchè non vi incavolate!!Perchè siete così ottusi!!

    Report

    Rispondi

  • marino43

    16 Febbraio 2010 - 11:11

    Lei è pervicace nel non capire cio che io desidero per questo paese e continua a rimpallare le malefatte.." noi così e voi colà!!" La vuole capire che è ora di dire basta!! Basta con le bustarelle..basta con le escort...basta con i trans...basta con i favoritismi!! Se non è la società civile che si ribella e continua ad inneggiare al primo demagogo e populista che passa, se sicontinua as accettare i grandi fratelli, se si continua a fare leggi che diano sicurezza a pochi, nè io nè tantomeno a coloro che vengono dopo riusciremo ad avere una società più umana.Bisogna incavolarsi e pretendere l'eguaglianza fra i cittadini..Ma si guardi intorno e vedrà che solo pochi sono i privilegiati, il popolo bue fatica dalla mattina alla sera e questi si fanno i favoritismi..io do una escort a te e tu mi assumi il figlio..poi tu dai una escort a me e così nessuno può essere ricattato.Altro che biancaneve...mandiamo a casa i nani!!Non voglio un paese dal socialismo reale..mi basta la democrazia!!

    Report

    Rispondi

  • maialina2

    16 Febbraio 2010 - 11:11

    ma ti rendi conto delle c....e che dici lo sai che tutti i sondaggi danno all'idv in calo intorno al 3%.

    Report

    Rispondi

  • maialina2

    16 Febbraio 2010 - 11:11

    sapete perche pd e pdl non vanno d'accordo? perche bersani vuole più tangenti della lega.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog