Cerca

Loiero vince le primarie Pd

Il governatore uscente sarà il candidato in Calabria alle Reginali

Loiero vince le primarie Pd
 Sarà di nuovo il governatore  uscente Agazio Loiero a guidare la coalizione di centrosinistra verso  le prossime elezioni regionali della Calabria. Le primarie di ieri gli hanno attribuito circa il 60% dei consensi, anche se il voto si è  diviso sul territorio. A Reggio Calabria gli elettori hanno preferito  il suo principale antagonista, il presidente del Consiglio regionale  Giuseppe Bova (su base regionale ha raccolto il 33 per cento circa).
  Nella provincia di Vibo Valentia Loiero vince anche sul  consigliere regionale Bruno Censore, arrivato solo secondo. Netto il  risultato del governatore uscente nella provincia di Crotone, mentre a Cosenza in alcuni seggi è stato Bova a ottenere più consensi. I dati definitivi saranno resi noti in mattinata.

Solo qualche giorno fa il pubblico ministero Eugenio Facciolla aveva chiesto una condanna ad un anno e sei mesi di reclusione per il presidente della Regione Calabriaa conclusione della sua requisitoria nell'ambito dei giudizi abbreviati del procedmento "Why Not" su resunte irregolarità nella gestione di fondi pubblici.

La condanna è stata chiesta relativamente a due capi d'accusa per abuso d'ufficio, mentre, rispetto agli altri capi d'imputazione, tra cui la corruzione relativa alle elezioni regionali del 2005, il magistrato ha chiesto l'assoluzione. Per questro stesso reato il magistrato ha chiesto di affermare la responsabilita' penale dei coinputati, gli imprenditori Gatto e Saladino e il capogruppo del Pd alla Regione, Nicola Adamo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    19 Febbraio 2010 - 14:02

    Sarò anche ingenuo, ma quando sento dire Di Pietro che vuol cacciare dal Parlamento quelli condannati, o che i calabresi hanno bisogno di aiuto, o che i siciliani chiedono altri soldi e pugliesi, campani, laziali cercano prebende e regalìe, investimenti a fondo perduto, o di avere per sé la continua corposa cassa del Mezzogiorno che viene nutrita ogni anno, mi faccio solo una domanda che si porrebbe un bambino dell'asilo: ma se vogliono cambiare perché non votano altre persone? Cosa li spinge a ripetere quelli che noi al Nord riteniamo errori grossolani? Se ci sono quelle persone al Parlamento, o alla regione e provincia, non le ha messe Babbo Natale. Quindi il dubbio che abbiano buona fede scompare del tutto. Ah che bella la mia terra dove c'è più onestà di altrove, caro fonty.

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    18 Febbraio 2010 - 18:06

    Dice Bersani: " Berlusconi vuole presentare il voto regionale come una sorta di referendum sull'operato del governo " e allora? bersani spiegherà come in Calabria hanno fallito, in Campania riempita di mondezza e no capace a ripulirla, in Puglia con Niki distrutto la Sanità di Fitto e i conti in rosso, mentre le Infrastrutture bloccate! Insomma mosse e scosse che non la Payata non si vince, anche se Loiero ha vinto le primarie, forse per la coppa del nonno? Naturalmente la Puglia crocevia di discariche e mercantili in viaggio con carichi materiale radioattivo verso l’Oriente senza dimenticare quel carico di centrifughe per nucleare per Saddan! Vincenzo.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    18 Febbraio 2010 - 18:06

    Eh,mio caro Blues,a quelle latitudini chi cerca veramente di cambiare l'andazzo, corre il rischio di venire bucato da lupara,come nel far-west.Oltre a queste voragini nei conti della sanità,i Calabresi che vanno all'ospedale,corrono anche loro seri rischi di ...non uscirne vivi,per cui vanno in massa a farsi curare più a Nord, in Lombardia la maggior parte,con grandi sacrifici personali.Sarò pessimista,ma credo che neanche il federalismo riuscirà a mettere un freno all'illegalità,che è purtroppo insita nel DNA di tanti,troppi Calabresi.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    18 Febbraio 2010 - 12:12

    ..A Crotone ci mandarono perfino un tedesco, Thomas Schael, che rivoltò l’azienda come un calzino. Subì un forte isolamento politico, fu rimproverato per le sue “ispezioni a sorpresa”, rimosso quando denunciò la presenza di un buco in un'azienda crotonese di 70 milioni di euro. Bella gente, no? Nel decreto (n.1 del 26 maggio 2008 – BURC del 16 giugno 2008) che accompagna l’approvazione del bilancio consolidato adottato dal Governatore Loiero in qualità di commissario ad acta apprendiamo la consistenza del volume finanziario, ovvero l’assegnazione economica, del servizio sanitario regionale che ammonta a 3 miliardi di euro. Ma quando ci sono persone di sinistra la Valeria78 non ha mai niente da dire? Le sta bene così? E a lei si associano Marino43, uycas e tanti altri che si avventano con furore contro Berlusconi? Pèrdono credibilità coi loro silenzi. http://www.antoninomonteleone.it/2008/07/17/la-sanita-in-calabria-il-disastro-dei-conti/

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog