Cerca

Un parlamentare positivo al test anti droga

Ha fatto uso di cocaina. Giovanardi: "Impossibile sapere il nome"

Un parlamentare positivo al test anti droga
Un parlamentare dei 232 che hanno partecipato ai test antidroga promosso da Giovanardi svolti dal 9 al 13 novembre 2009, è risultato positivo alla cocaina. Il dato lo si evince dalle tabelle pubblicate dal Dipartimento per le politiche antidroga. L'accertamento, sul capello, è stato ripetuto due volte e in due diversi laboratori. Non è stato rivelato il nome dell'utilizzatore. Soltanto 29 onorevoli non hanno dato il consenso alla pubblicazione dei risultati e del proprio nome.

Giovanardi - «Non ho la più pallida idea di chi sia il parlamentare, o la parlamentare, risultato positivo al test, nenche se sieda al Senato o alla Camera, del resto il test era congegnato appunto in modo da garantire la privacy, rendendo impossibile l'individuazione». Così Carlo Giovanardi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alle tossicodipendenze, ha commentato la notizia sul parlamentare positivo alla cocaina. "Noi abbiamo messo a disposizione la struttura, abbiamo fatto le cose con la massima serietà e trasparenza. Abbiamo reso noti i risultati a procedure concluse. I parlamentari hanno agito come ritenevano più opportuno, alcuni si sono sottoposti al test, altri no, alcuni hanno reso pubblici i risultati che li riguardavano. Adesso, su questi risultati -conclude Giovanardi- il giudizio spetta ai cittadini".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Joe1957

    01 Luglio 2010 - 12:12

    Uno su 232 ? Dai, non ci credo. Ci sono almeno 800.000 persone che usano coca (il 2% della popolazione maggiorenne), quindi il Parlamento DEVE avere almeno 5 cocainomani, altrimenti non è in grado di rappresentare debitamente il popolo italiano. Propongo una "Coca Tax" per l'acquisto di sufficiente coca ai parlamentari. Il popolo deve avere il governo che si merita. Suvvia, siamo in democrazia no ?

    Report

    Rispondi

  • allengiuliano

    20 Febbraio 2010 - 15:03

    che il test sia anonimo, mi chiedo chi possa essere il delinquente drogato che siede in parlamento. La prossima volta, come per molte categorie di lavoratori, il test deve essere pubblico, se un lavoratore di un certo comparto risulta positivo viene licenziato, invece i rappresentati del nostro povero popolo, mangiano soldi e si fanno anche di droga. Più figli di p......a di così si muore!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    19 Febbraio 2010 - 15:03

    Mah, lo dico mentre mi viene un attacco di orticaria con principio di anomalia cromosomica: un po' (ma poco poco) di ragione ce l'hanno anche quelli di sinistra. Non tanta e non tutta, ma...

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    19 Febbraio 2010 - 14:02

    E io che pensavo che fare il magazziniere fosse dopotutto un lavoro come altri, e invece no cari concittadini!Se lavori con dei mezzi meccanici adibiti al trasporto di cose DEVI (altrimenti sei praticamente licenziato, e senza indennità per il rientro nella "vita sociale") fare un test anti-droga del quale vieni avvertito il GIORNO PRIMA a sorpresa....Ok ci può stare, dico io!E poi mi leggo di un test su base VOLONTARIA (vado ?non vado?non cambia nulla!) celato da SEGRETO (mi beccano?ok ma non sapranno "mai" (o almeno noi poveri pirla) la mia identità, UTILE no (sempre dal lato dei pirla di cui sopra...)?) al quale hanno partecipato uno su quattro! Ok chi saranno questi?Dei magazzinieri di livello B?Degli operai adibiti all'imballaggio?spazzini?bibliotecari(hai voglia poi a girare fra gli scaffali ahahahah)? no no caro figliolo (mettiamola un po' in stile letterario!) sono dei PARLAMENTARI, fiore all'occhiello della nostra democrazia!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog