Cerca

Cosentino ritira le dimissioni da sottosegretario

Berlusconi recupera il prezioso deputato campano

Cosentino ritira le dimissioni da sottosegretario
L'esponente del Pdl Nicola Cosentino ha ritirato le dimissioni da sottosegratario all'Economia e da coordinatore regionale del Pdl in Campania dopo che le stesse sono state respinte dal premier Silvio Berlusconi nel corso di un colloquio avuto nel pomeriggio. Lo affermano ambienti vicini al sottosegretario Cosentino.

Giovedì Cosentino, coordinatore regionale del Pdl, aveva annunciato le proprie dimissioni sia da coordinatore regionale che da sottosegretario all'Economia. "Libero il campo da ogni strumentalizzazione", ha annunciato  il politico Pdl, prima di consegnare la lettera ai coordinatori nazionali del Pdl Ignazio La Russa, Sandro Bondi e Denis Verdini. 

L'annuncio delle dimissioni di Cosentino era giunto poco dopo la conclusione dell’incontro fra Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini che ha dato via libera al sostegno del Pdl alla candidatura dell'Udc Domenico Zinzi per la Presidenza della Provincia di Caserta, alla quale Cosentino e una parte del Pdl campano si è fieramente opposta, rivendicando la necessità di un candidato Pdl.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberovero

    22 Febbraio 2010 - 18:06

    proprio per rimediare alle scarse dimensioni della mia testolina frequento questo blog dove ho la "fortuna" di imbattermi in persone come Lei che non per sentito dire ma per cognizione di causa possano insegnarmi qualche cosa. Mi vuole spiegare per cortesia cosa c'entra la mancata audizione del Cosentino con il mandato di cattura? Secondo Lei uno per essere arrestato deve essere prima interrogato o sono sufficienti i presupposti previsti dalla legge? Siccome sono ignorante mi vorrebbe spiegare perchè la magistratura userebbe noi ignoranti per ottenere l'appoggio del popolo. Ultima cosa, una mente giuridica illuminata come la Sua a quale potere dello Stato affiderebbe la funzione giurisdizionale? La ringrazio per le risposte che mi fornirà.

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    22 Febbraio 2010 - 17:05

    Condivido in pieno il Suo intervento. Il nostro è un Paese alla deriva e molti (anche se sempre di meno) si azzuffano ancora o restano sulle rispettive barricate a combattersi a colpi di destra e di sinistra, mentre i soliti noti di dx e di sin si stanno mangiando il Paese. La ragione ha ormai lasciato il posto al fanatismo più bieco e autolesionista. Non c'è al mondo nessun Paese democratico che mantenga nel porpio governo un sottosegretario colpito da mandato di cattura e questo a prescindere dall'innocenza o dalla colpevolezza. Ma il problema non è Cosentino, il problema è la mancata indignazione generale nei confronti di situazioni come queste e la "stupidità" di certe posizioni che tendono a minare i pilastri della nostra democrazia come l'indipendenza dei poteri dello Stato.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    20 Febbraio 2010 - 17:05

    " Liberovero " Lo sa che Cosentino ha chiesto , un anno e mezzo prima del mandato di cattura , di essere sentito dai magistrati , inerente all'indagine, ed gli è stato negato l'incontro ? Pm , Gip , Cassazione , non sono parole troppo grandi per la sua testolina? Quando terminerà questo copia e incolla di ignoranti in Giurisprudenza ?I magistrati approfittano di voi ignoranti , per tentare di avere l'appoggio del popolo.Hanno la fiducia ai minimi storici e solo voi quattro ignoranti li state a sentire. Hanno il vero potere in Italia e voi la menate con Berlusconi, siete proprio dei polli e vi meritate questi giudici.

    Report

    Rispondi

  • disgustato

    20 Febbraio 2010 - 15:03

    Se i cittadini europei leggessero le continue boutade del nostro cavaliere non crederebbero alle loro orecchie. Sanno che l'uomo sfugge da anni a processi contro la corruzione fatta in suo nome tramite un certo Previti e da un certo Mills,emanando leggi personali e denigrando ogni giorno la magistratura e oggi scoprono che oggi propone un ddl contro se stesso. Se non ci sarebbe da piangere(noi Italiani) certamente gli europei si staranno sbellicando dalle risa. Coerenza,assenza totale,dimissioni del personaggio campano giudicato anche dalla cassazione necessario di processo penale per collusione con la camorra,respinte. Sondaggi che cominciano essere in caduta libera e il nostro uomo che fa ,voilà il ddl anticorruzione. Eppure i fedeli uomini del popolo dell'amore credono ancora in quest'uomo.Tragico non avere altro da proporre.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog