Cerca

Travaglio perde la testa

Prima la scenata ad Anno Zero, adesso una lunga lettera piena di poesia all'indirizzo di Santoro

Travaglio perde la testa
Giovedì sera la puntata di Anno Zero aveva regalato emozioni. Erano da poco passate le 22, quando il direttore di Libero, Maurizio Belpietro, e il vicedirettore de Il Giornale, Nicola Porro, stanno vincendo a punti nel difendere Bertolaso. Travaglio, infatti, ad un certo punto lo ha definito "incapace assoluto", si rende conto di aver fatto un clamoroso autogol e cerca di rimediare. Senza successo.
"No, no, Maurizio, intendevo un'altra cosa"...
Ma l'apice della serata viene raggiunto quando Travaglio, messo a nudo, non si trattiene e urlando minaccia di lasciare lo studio.
Come mai? La vicenda che i i due giornalisti rievocano di fronte al pubblico di Anno Zero è nota.
Nell'agosto del 2002, Travaglio trascorre le vacanze dormendo in un residence pagato da Michele Aiello, insieme a Giuseppe Ciuro (detto Pippo), sottufficiale della Dia. Aiello viene condannato poco dopo a 14 anni per associazione a delinquere di stampo mafioso e per aver rivelato segreti d'uffico utili a favorire la latitanza di Bernardo Provenzano. Così anche Ciuro, condannato per aver favorito delle famiglie mafiose. Travaglio dice di aver pagato di tasca propria quelle vacanze, ma il difensore di Aiello lo smentisce. "A saldare fu il mio cliente", ha detto il legale. Insomma, per Travaglio ferie gratis, tutte spesate da un mafioso. E allora non ci si raccapezza più.
Perché Marco si comporta da giustizialista con chi non sta dalla sua parte, ma poi fa il garantista con se stesso.
Secondo Travaglio se Bertolaso frequenta un centro benessere è un puttaniere conclamato. Ma se è lo stesso Marco a frequentare un mafioso, nessuno dovrebbe avere da dire alcunché. Strano modo, questo, di trattare la verità.

Travaglio usa due pesi e due misure, e non vuole che ci si occupi di lui, specie che nel farlo si adottino gli stessi metodi, lo stesso gergo e la stessa faziosità mascherata di verità.

La lettera- Così l'altro giorno il moralizzatore di Anno Zero, il gioppino di Santoro, è uscito dai ganhgeri. E questa mattina ha scritto una lunga lettera al suo mentore (Santoro, appunto), pubblicata ovviamente come spalla in prima pagina del Fatto Quotidiano. Scrive Travaglio: "Questi giornalisti di destra non sono neanche di destra: sono di Berlusconi. Non fanno i giornalisti: recitano un copione". E poi, ancora: "Non hanno una faccia  e dunque non temono di perderla. Non alcuno obbligo alla verità, serietà, coerenza, buonafede, deontologia. Come diceva Ricucci, fanno i froci col culo degli altri". Questo giusto per dare al lettore di Libero un assaggio della pena poetica di Marco nostro.  Che prosegue: " E ci tocca pure chiamarli colleghi, perché l'Ordine (dei giornalisti, ndr) non si è mai accorto che fanno un altro mestiere". Non è chiaro a quale mestiere alluda Travaglio, ma è chiara un'altra cosa. Dopodiché pubblica un assegno con cui avrebbe pagato le ferie, ma le date non coincidono. Allora, com'è la faccenda?Basta segnalare una sola delle sue contraddizioni, per farlo impazzire. E non c'è Santoro che tenga.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giuseppe45

    04 Maggio 2010 - 13:01

    Si erge giustiziere, sentenzia su tutto... povera persona... Marco fermati un attimo e guardati allo specchio... poniti la domanda chi sono io.... I burattini prima o poi si bruciano non ti sei mai chiesto se sei solo. Pensaci.... Giuseppe45

    Report

    Rispondi

  • igna08

    27 Febbraio 2010 - 16:04

    Dumque, secondo il Travaglio, --i giornalisti di destra, recitano un copione, non hanno una faccia dunque non temono di perderla-- Davvero ? Ma senti chi parla ...

    Report

    Rispondi

  • Guglielmo Rinaldini

    26 Febbraio 2010 - 01:01

    Travaglio lo osservo da un po' e compro i suoi libri. Un interessante miscuglio di mezze verità usate in modo suggestivo per ottenere la riconferma di uno scenario utile al soggetto per riconfermare i propri fantasmi inconsci (tra questi il complesso di castrazione che lo vede invidioso nei confronti dell'autorità paterna che questi proietta sul premier). Ed anche una modalità dogmatica, di quel dogma laico e forse ateo che pretende di sacralizzare qualsiasi cosa, purchè derivante dall'uomo inteso come centro dell'universo, analogia blasfema di Dio, superomismo nichilista ai limiti del ridicolo. Quella modalità che ricorda tanto le messe nere, dove il sacerdote Travaglio detta, da solo e in assenza di contraddittorio, assenza tipica del totalitarismo, la sua comoda verità, come nei telegiornali sovietici, come sulla Pravda, che voleva dire appunto verità...

    Report

    Rispondi

  • ginor

    25 Febbraio 2010 - 21:09

    Ma quando ce l'ha avuta? Travaglio è la contradizione di se stesso,la sua anima è Berlusconi, se gli togli il cavagliere non ha più terreno sul quale giocare e si fà gli autogol. Per giudicare la Protezione Civile bisogna essere oltre che amministratori, organizzatori anche buoni INGEGNERI. Travaglio è solo un buon giornalista oportunista che cavalca l'onda dello scoup,e vada a sporcarsi un po' lemani che la faccia è già a posto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog