Cerca

Lo zio delle intercettazioni è un medico amico di Balducci

Inchiesta G8, sfuma il mistero. Nessuna eminenza grigia

Lo zio delle intercettazioni è un medico amico di Balducci
Niente di misterioso. Lo "zio" delle intercettazioni pubblicate dai giornali lunedì mattina, nell'ambito dell'inchiesta per gli appalti del G8 alla Maddalena, è solamente un medico amico di Angelo Balducci. Altro che Gianni Letta, come i dietrologi erano già pronti a insinuare.

Lo "zio" è saltato fuori al termine di una telefonata tra Angelo Balducci - il presidente del Consiglio nazionale dei lavori pubblici arrestato nell'ambito dell'indagine della procura di Firenze sugli appalti -  e l'avvocato romano Sergio Lupinacci

L'intercettazione -
"Io domani mattina presto devo vedere lo zio, un attimo dopo, verso le nove e mezza, se ti potevo offrire un caffé anche in piazza" è la trascrizione della telefonata tra Balducci e Lupinacci intercettata dai carabinieri del Ros nei giorni a ridosso dell'arresto.

Svelato il mistero - Ma lo zio altri non è che il professor Renato Lauro, ordinario di medicina interna presso l'Università di Tor Vergata e medico personale dello stesso Balducci. A rivelarlo è l'avvocato Lupinacci. "È mia intenzione aiutare il lavoro di investigazione dei giornalisti, severamente impegnati nel tentativo di individuare il misterioso personaggio evocato, negli articoli di stampa pubblicati in data odierna, con il soprannome lo zio" scrive in una nota il legale, che poi spiega: "lo ziò è così affettuosamente chiamato dallo scrivente in ragione di una ventennale consuetudine di rapporti familiari" e "lo zio è anche medico personale, da diversi anni, dell'ingegner Angelo Balducci". Dunque, prosegue Lupinacci, "sveliamo l'arcano mistero: lo zio corrisponde al professor Renato Lauro" e la sua identità, "peraltro, era già palese nelle conversazioni telefoniche intercorse tra lo zio e l'ingegner Balducci in data 30 gennaio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • libero42

    23 Febbraio 2010 - 20:08

    Naturalmente è quello della Cresima, Ma va là! Ghedini docet.

    Report

    Rispondi

  • antari

    23 Febbraio 2010 - 20:08

    e' scoprire e sbandierare le magagne di Balducci, o dimostrare che Qualcuno non e' coinvolto? Sempre gli stessi eh :P Se non altro non invecchiate.

    Report

    Rispondi

  • rollingstone67

    23 Febbraio 2010 - 12:12

    quindi l'avvocato di Balducci dice che non c'è nessun segreto, che questo zio è davvero lo zio del suo assistito e voi lo prendete subito come oro colato. Ed io che pensavo male...ma scusate allora che bisogno c'è del processo breve? Basta che all'udienza preliminare il giudice chieda all'imputato (o al suo avvocato) "scusi ma lei è colpevole?" e tutto finisce lì. Oltretutto non ci sarebbe bisogno di costruire nuove carceri e si potrebbero destinare quelle esistenti ad altri scopi

    Report

    Rispondi

  • danianto1951

    23 Febbraio 2010 - 10:10

    per una ipotesi di colpo di stato, perchè in Italia non si può mandare in galera qualche centinaio di toghe golpiste, mafiose, camorriste ecc...? Che il colpo di stato lo hanno tentato sul serio e lo perseguono giorno dopo giorno????

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog