Cerca

Intercettazioni: solo fango

Berlusconi: "Ogni giorno attacchi alla libertà". E sulle tensioni nel Pdl nega: "Sono solo fantasie dei giornali"

Intercettazioni: solo fango
Il diritto alla riservatezza e alla privatezza fanno parte delle libertà fondamentali. Lo afferma il presidente del consiglio Silvio Berlusconi a proposito della pubblicazione delle intercettazioni sui giornali. "Partono solo secchiate di fango e si risolveranno solo in secchiate di fango perché non ci sono reati che emergono con certezza - aggiunge il premier - Siamo già tutti sottoposti al controllo dei telefoni. È oggi è uno stato di polizia. È un sistema barbaro".
Il premier è furente. A rendergli l'umore ancora più nero, contribuiscono le voci insistenti sulle divisioni interne al Pdl.
E infatti il Cavaliere smentisce categoricamente l'esistenza di malumori all'interno del partito.
Libero-news.itLibero-news.it

Tutto quello che viene fuori sui giornali su scontentezze interne è pura fantasia


Alla presenza di due dei tre coordinatori del Pdl, Denis Verdini e Sandro Bondi, in occasione della presentazione del movimento «Motori della libertà» guidato dal ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla, ha dichiarato "Tutto quello che viene fuori sui giornali su scontentezze interne è pura fantasia". All'interno del PdL, assicura Silvio, "si lavora insieme con assoluto affetto" anche con "discussioni molto franche", ma "non c'è alcuna preoccupazione per il futuro immediato e per quello più lontano".

Sempre in occasione della presentazione del movimento della Brambilla, Berlusconi ha inviato un videomessaggio registrato. Sulle regionali ha fatto polemica con la Sinistra: "Le prossime elezioni in tredici regioni sono un test nazionale, una scelta di campo tra noi e loro, tra il governo del fare e la sinistra delle chiacchiere». «Noi siamo il governo delle riforme e delle emergenze - sottolinea - loro sono la sinistra che dice solo no. Il nostro messaggio è di ottimismo, il loro di pessimismo ed autolesionismo". Poi parlando del programma del centrodestra per le regionali ha detto: "Le nostre città hanno bisogno di più alberi, l'Italia deve essere, come è già stata, il giardino dell'Europa".

La replica di Bersani - L'abbinamento tra fango e intercettazioni, per Bersani, merita solo una battuta. "Se bisogna togliere il fango chiami la Protezione civile, faccia un'ordinanza", ha detto il segretario del Pd.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberovero

    02 Marzo 2010 - 23:11

    le sue non risposte sono vere e proprie risposte. Con la limitazione delle intrecettazioni ci rimettono solo i cittadini onetsti che non hanno nulla da nascondere. Cordiailità.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    27 Febbraio 2010 - 13:01

    " Liberovero " Giustamente lei vede solo i provvedimenti e li analizza singolarmente , vedendo , a suo parere discrepanze con uno stato di diritto.Io invece guardo il problema generale.Abbiamo una magistratura in disarmo e al limite più basso della stima popolare.Non mi dica Berlusconi , è la gente comune che frequenta i palazzi di giustizia , che è incazzata.Ci sono degli abusi ,sanati dopo degli anni ,quando il danno oramai è fatto.C'è un guerra tra poteri , iniziata dalla magistratura che non vuole rientrare nel proprio ruolo.Ci sono dei magistrati ,con i quali io scambio opinioni ,che dicono espressamente , che ci sono dei giovani rompicoglioni , che sono venuti in magistratura con il proposito di cambiare il sistema.Oggi quindi ci troviamo, dei rivoluzionari in toga che cercano di avere la meglio sulla politica.A sua volta la politica , per parare gli assalti della magistratura ,fà solo leggi utili solo a parare le conseguenze.e noi ? stiamo in mezzo.Saluti

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    27 Febbraio 2010 - 01:01

    il problema delle intercettazioni lo ha solevato Berlusconi non io. Se parliamo di questo è perchè l'attuale premier ha chiesto al parlamento di intervenire su questo tema che è un problema più suo che degli italiani. Ogni porblema personale di mister B diventa un problema di tutti e quindi bisogna intervenire con una legge. Il falso in bilancio è stato depenalizzato per la casalinga di Voghera o per mister B? La legge sulle rogatorie, il legittimo sospetto, il lodo Alfano ecc. ecc. sono state fatte per Lei o per me o per mister B? Io credo nella sua buona fede perchè sono convinto della sua sincera partecipazione ad un credo più personale che politico. A diffrenza di chi scrve su questo giornale la Sua fede è disinteressata am ciò non toglie che, come tutte le religioni, mostra i prpri limiti ogni volta che deve confrontarsi con la ragione. Con simpatia.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    26 Febbraio 2010 - 21:09

    " Liberovero " Come volevasi dimostrare, ha proferito la parola Berlusconi , in un contesto dove l'argomento sono l'abuso delle intercettazioni.Una critica ai magistrati o alle intercettazioni , viene vista come un favore diretto a Berlusconi. Chiederò a mio cugino che è un chimico di trovare un sistema elettrolitico per tentare di scindere le due cose.Naturalmente scherzo , però il problema in sostanza stà tutto quì.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog