Cerca

Csm: "Il premier ci denigra"

Approvata a maggioranza il documento d'accusa al presidente del Consiglio

Csm: "Il premier ci denigra"
A maggioranza il plenum del Csm ha approvato il documento che accusa il premier di aver denigrato e delegittimato la magistratura. Nel testo avallato dal vice presidente Nicola Mancino i magistrati spiegano che i comportamenti di Berlusconi mettono "a rischio l'equilibrio tra poteri e ordini dello Stato sul quale è fondato l'ordinamento democratico di questo Paese". Lo stesso Mancino spiega che "il presidente del Consiglio è un organo istituzionale, ha responsabilità politica, non può usare un linguaggio di insulti e talvolta di intimidazioni nei confronti del libero esercizio dell'attività giudiziaria".

Si chiude così la pratica a tutela delle cosiddette "toghe rosse" e di tutti quei magistrati accusati in vario modo di agire spinti da finalità politiche, dai "comunisti" del processo Mills ai pm "talebani", che "perseguono fini eversivi".

I consiglieri  ritengono in pericolo l'equilibrio tra poteri dello Stato, che è il fondamento della democrazia, soprattutto perché queste affermazioni - «del tutto inaccettabili», che gettano «discredito» sulla magistratura, recando un «gravissimo vulnus alla credibilità della giurisdizione» - provengono «dal massimo rappresentante del potere esecutivo». Si ribadisce infine che «non è ammissibile una delegittimazione di un'istituzione nei confronti dell'altra, pena la caduta di credibilità dell'intero assetto costituzionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Enzo47

    15 Marzo 2010 - 14:02

    Perchè il Premier perde tempo a denigrare la magistratura, quando a giudicare da quello che combinano ci riescono assai bene da soli? Si passa la sera scolando barbera canticchiava il Signor G, dove? Ma nel Trani... a gogò. E l'inchiesta sulla malasanità pugliese del Vendola che fine a fatto? Slittata a dopo le elezioni, altrimenti stavolta si che finisce a puttane! Voto libero si, più o meno come nel ventennio, lunica differenza che allora era la maggioranza a decidere, adesso gli sfigati dei viola. Enzo dalla verde Varese

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    11 Marzo 2010 - 23:11

    Sposo completamente quanto detto da#feniceitaliana#. E' da anni che simpatizzo quello che per me ritengo il..."Meno peggio";così sento di avere più titolo,quando critico la parte a cui do il mio voto. Tutti i parolai che si sfogano qui,pur denigrando questa testata,sanno benissimo che altrove verrebbero censurati di brutto,se non allineati a quella testata giornalistica.Per quanto riguarda certa magistratura,beh...ha perduto da tempo la considerazione da parte di una grossa fetta di popolazione.Non si può condannare una persona in un grado di giudizio,poi in un altro assolverlo,poi nel terzo nuovamente condannarlo o viceversa.La legge deve essere interpretata in maniera logica-letterale e non costruendo teoremi che dicono tutto ed il suo contrario.

    Report

    Rispondi

  • feniceitaliana

    11 Marzo 2010 - 16:04

    Ho deciso di scrivere su questo blog per rivendicare, anche con la mia voce, il diritto del popolo italiano a difendere le proprie scelte. La maggior parte dei commenti vengono dall'area comunista, non mi meraviglia, è il loro antico vizio quello di parlare molto e combinare molto poco. Mi capacito meno come sia possibile, nel 2010, non aver capito che l'ideologia comunista è stata sotterrata oramai senza possibilità di risurrezione. Certo la nostra destra non è un campione di eleganza, lo ammetto, e qualche volta, io stessa sono infastidita da certi atteggiamenti sciatti del presidente del consiglio, ma è quella che abbiamo e dobbiamo difenderla come un bene prezioso. Viva l'Italia degli italiani.

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    11 Marzo 2010 - 14:02

    futuro libero voi ITALIOTI puo' essere... a forza di guardare i TG mediset per mentecatti state perdendo il lume della ragione...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog