Cerca

Berlusconi: "Doveroso l'intervento su Agcom"

Serviva a fermare l'"ignominia" della trasmissione di Santoro

Berlusconi: "Doveroso l'intervento su Agcom"
"Nell'autorità per le comunicazioni non vince il buon senso, ma l'appartenenza politica: esattamente come nei nostri tribunali in cui non si esaminano più meriti o demeriti di qualcuno, ma si danno dei giudizi in base all'appartenenza politica dei giudici e ciò che conviene alla sinistra politicizzata della magistratura". Ad affermarlo è il premier Silvio Berlusconi, nel corso di una conferenza stampa a palazzo Chigi. Ma "questa è una cosa di cui ci occuperemo nei prossimi tre anni con una grande e radicale riforma della giustizia", giustizia che attualmente "mette in questo pericolo la nostra democrazia".
Libero-news.itLibero-news.it

I giornali e le televisioni sono stati riempiti da temi che la magistratura di sinistra ha abilmente messo in campo

Intanto "noi continuiamo a lavorare nonostante i giornali e le televisioni siano stati riempiti da temi che la magistratura di sinistra ha abilmente messo in campo".

Diritti e burocrazia - A propostito delle Regionali e del caos listini, il premier si dice stupito, "esterrefatto che continuino ad arrivare sentenze di giudici che di fronte al diritto dei cittadini guardino alla burocrazia". Nell'esclusione della lista del Pdl della provincia di Roma "non c'è colpa o responsabilità alcuna dei nostri delegati. Il giudice avrebbe dovuto con forza richiamare il nostro delegato alla presentazione".

L'intervento su "Annozero"
- In merito all'inchiesta di Trani, con particolare riferimento alla trasmissione di Santoro, Berlusconi  critica "i processi in tv con attori che interpretano
Libero-news.itLibero-news.it

Ho solo cercato, in maniera corretta, di provocare un intervento doveroso dell'Autorità delle Comunicazioni

persone che non si possono difendere", definendoli "un'ignominia" intollerabile in un Paese civile. Inoltre rivendica il suo intervento sull'Autorità delle comunicazioni come "dovere da cittadino e da presidente del Consiglio" affinché non si verificassero certi episodi nelle trasmissioni del servizio pubblico: "Io ho solo cercato, in maniera corretta, di provocare un intervento doveroso dell'Autorità delle Comunicazioni. Mi è stato risposto che non era possibile". Il premier chiude il cerchio e, tornando all'accusa iniziale, incalza: "Al di là di ogni ipocrisia, per cui queste sono autorità indipendenti, un membro nominato da un partito e che rispondeva all'Udc non faceva maggioranza con gli altri. Quindi in queste autorità non vince il buon senso ma l'appartenenza politica".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • adrianse

    22 Gennaio 2011 - 09:09

    non aboliamo il canone tv e il finanziamento ai giornali? chi merita guadagna chi non merita chiude

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    21 Gennaio 2011 - 14:02

    Presidente vada avanti nonostante i Flores...venefici, i Sant' oro di bassa lega e volgari, i Vauro con penna e mente dissacratorie e faccia le riforme di questa giustizia per tutti gli Italiani, lei può difendersi io e molti altri finanziariamente non potremmo permettercelo. Siamo molti ancora a credere in Lei. Grazie

    Report

    Rispondi

  • giovannib

    21 Marzo 2010 - 18:06

    ma anziché scrivere cretinate perché non avete partecipato come osservatori alla manifestazione? forse avreste visto tanta gente onesta e per bene famiglie e ragazzi (forse voi non lo siete) e parlando con loro forse(ho molti dubbi sul vostro quoziente intellettivo) avreste capito cos'é veramente il POPOLO DELLA LIBERTA' e soprattutto da chi è formato Viva l'ITALIA libera da cialtroni e comunisti

    Report

    Rispondi

  • giuliab09

    21 Marzo 2010 - 18:06

    Abbiamo visto una grandissima manifestazione, ed io ero con voi col cuore, ma ora per favore , carissimo Berlusconi dedichiamoci a tutto ciò che possiamo realizzare del programma ...ascoltiamo più Bossi e scordiamoci di Fini, ci faccia sognare con la determinazione che le è consona nei momenti meno sereni,la malagiustizia sta perdendo la stima della maggior parte degli italiani...e per tutto il resto non si curi di loro e PROCEDA deciso, la seguiremo ancora più convinti!!! (nelle ns piene capacità mentali )

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog