Cerca

Berlusconi-Di Pietro, sospeso processo per diffamazione

Il cavaliere, tra l'altro, disse, "ha preso la laurea grazie ai servizi segreti"

Berlusconi-Di Pietro, sospeso processo per diffamazione
Non si è neppure aperto ed è stato subito sospeso fino al 5 ottobre prossimo il processo per diffamazione contro Silvio Berlusconi, denunciato da Antonio di Pietro. Il caso, che doveva essere discusso davanti al giudice di pace di Viterbo, risale al 2008 quando Berlusconi non era ancora premier.
Il magistrato ha deciso di inviare gli atti alla Camera dei Deputati affinchè valuti se le frasi espresse dal Cavaliere durante un comizio elettorale il 26 marzo del 2008 a Viterbo, quando non era ancora capo del governo, siano coperte dal cosiddetto principio dell'insindacabilità. Principio secondo il quale un parlamentare non può essere chiamato a rispondere per le opinioni espresse nell'esercizio delle funzioni.
Di Pietro,  leader dell'Idv, aveva querelato Berlusconi per una serie di affermazioni ritenute offensive. Tra l'altro, Berlusconi, disse "Di Pietro si è laureato grazie ai servizi segreti, perchè non è possibile che uno che parla così l'italiano abbia potuto superato gli esami"; "a Montenero di Bisaccia nessuno sapeva che si stava laureando, nemmeno i suoi genitori"; "Di Pietro mi fa orrore non tanto perchè ha problemi con i congiuntivi ma perchè non rispetta gli altri, ha mandato in galera italiani senza prove"; "Di Pietro rappresenta il peggio del peggio".
Il difensore di Berlusconi, l'avvocato Elisabetta Busuito, aveva chiesto l'applicazione diretta del principio dell'insindacabilità. Ma il Pm Laura Centofanti e il legale di Antonio Di Pietro, l'avvocato Maria Raffaela Talotta, si sono opposti. Secondo quest'ultima, le frasi offensive espresse dal premier, essendo riferite alla vita privata di Di Pietro, non avrebbero alcuna attinenza con l'attività parlamentare. Sarà quindi la Camera dei Deputati a decidere se il processo per diffamazione contro Berlusconi dovrà essere celebrato o no. Tuttavia, il giudice, secondo la legge 140 del 2003, qualora dovesse dissentire dalla decisione parlamentare, potrebbe sollevare conflitto di attribuzione davanti alla Corte Costituzionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    29 Marzo 2010 - 14:02

    Grazie dondolino che ci hai dato questa chicca. Non avevo mai saputo dove si fosse "comperato" (o forse regalato da qualcuno) questo pezzo di carta; credevo addirittura in Bulgaria, visto che frequentava certi ceffi del luogo.

    Report

    Rispondi

  • dondolino

    29 Marzo 2010 - 12:12

    di pietro la laurea la presa all'istituto settembrini a montecatini terme che fra gli altri sfornò una serie di ragionieri che guarda caso che le ditte che li assunsero sono miseramente fallite.

    Report

    Rispondi

  • lince

    29 Marzo 2010 - 11:11

    vorrei sapere quante querele berlusconi dovrebbe far pagare a di pietro visto che lui gli da tutti i titoli possibili in continuazione. per favore trittatelo.

    Report

    Rispondi

  • cate08

    26 Marzo 2010 - 23:11

    A dir il vero...Berlusconi in Tv (Porta a Porta) disse che Di Pietro non aveva mai conseguito la laurea. Cosa c'entri questa menzogna diffamatoria con la libertà di opinione me lo deve spiegare l'avvocato di Berlusconi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog